Complottismo e anticomplottismo. Icke contro Fede. Con Travaglio in mezzo.

321

 

1. Premessa. Il dibattito. 2. Le banche. 3. Le stragi. 4. Il terrorismo e la regia unica. La P2. 5. La mafia 6. Complicità della Chiesa. 7. La letteratura. 8. Alcune spiegazioni ufficiali che non quadrano. 9. I giornali e la TV. 10. I giornalisti coraggiosi. 11. le leggi. 12. Quasi in conclusione: le vittime. 13. In conclusione.

 

1. Premessa. Il dibattito.
Da decenni c’è un dibattito tra complottisti e anticomplottisti. Il termine complottista indica in genere qualcuno che vede complotti dietro ad eventi come l’11 settembre, le guerre, le stragi, ecc… Indica colui che non accetta le verità ufficiali e ne va a cercare di alternative, ipotizzando un complotto tra vertici del potere. Spesso questo termine è usato in modo spregiativo per indicare uno un po’ paranoico che vede UFO, maghi, massoni ovunque. Non c’è dubbio che io, con il mio sito e con quello di cui mi occupo, sia considerato un complottista. Basta vedere gli insulti che mi becco quotidianamente sui vari siti di controinformazione.
Allora presento alcune riflessioni. Cercherò di spiegare come uno come me, che non ha mai amato i gialli perché in genere mi scordo i particolari e non ricordo i nomi, diventa all’improvviso grazie al suo lavoro di avvocato, un complottista.
E farò un po’ di considerazioni sul problema del complottismo.

Il dibattito tra complottisti e anticomplottisti è stato affrontato già da molti. Sinteticamente, c’è da dire che spesso l’anticomplottista è un nient’altro che un cretino che pensa che la realtà sia solo quella che ha capito lui. E’ uno quindi che quando una cosa non l’ha mai vista né sentita, anziché farsi venire qualche dubbio, inizia a cercare argomenti per confutarla a priori.
Il complottista, è vero, spesso vede alieni e rettiliani dietro ai problemi mondiali.
Il problema però è quello della prova. Mi spiego. Prima di deridere la teoria degli UFO, dovrei avere delle prove contrarie. Ma il punto è che le prove contrarie non esistono.
Perché il fatto è che, anche se tutti coloro che vedono gli Ufo fossero in mala fede o matti, aver dimostrato la loro pazzia non equivarrebbe a dimostrare che gli Ufo non esistono. Avrei solo dimostrato che tutti coloro che ne parlano sono matti. Ma magari gli ufo esistono davvero.
Un po’ come il problema del mostro di Loch Ness. Qualcuno ci crede. Qualcuno no. Chi ci crede forse è un visionario o un ingenuo. Ma chi non ci crede è senz’altro un imbecille, perché non si può mai dimostrare che una cosa non esiste. Posso tutt’ al più dimostrare che una cosa esiste.
Insomma. E’ vero, il complottista può essere un pazzo o un visionario. Ma è anche vero che l’anticomplottista, essendo uno che critica ciò che non conosce è di conseguenza un cretino perché pensa che la realtà finisca dove lui ha deciso che debba finire.
Ma su questo ci hanno discusso in molti.
Qui invece voglio affrontare il problema da una prospettiva diversa.

2. Banche.
Partiamo dalle banche. Mi sono reso conto che una disciplina come quella che regola la Banca d’Italia non poteva essere casuale, ma era il parto di una mente criminale, il cui scopo era depredare i cittadini e coprire i peggiori reati.
Vediamo perché.
La Banca d’Italia, come è noto, dovrebbe controllare il funzionamento delle altre banche italiane. E dovrebbe emettere moneta.
Il problema, però, è che la proprietà della Banca d’Italia è delle banche private e dei grandi gruppi assicurativi italiani, San Paolo, Generali, Intesa, ecc.. E allora qui i conti non tornano. Perché il controllato non può essere anche controllore al tempo stesso. E’ come se lo stato decidesse che la mafia dovesse essere combattuta da Riina e Provenzano.
Inoltre, analizzando le leggi che regolano la Banca D’Italia, si scopre che il governo non ha praticamente alcun potere sulla dirigenza della Banca d’Italia.
Ora, siccome è ovvio che tutto il denaro italiano (a parte quello che viene portato all’estero) viene messo nelle banche, è altrettanto ovvio che togliere allo stato il potere di controllo su di esse equivale a perdere un’occasione importante di controllo dei flussi finanziari, che sarebbe invece fondamentale per poter arginare la criminalità.
Ci si accorge, quindi, che il cuore del sistema criminale mondiale è nelle banche. Non a caso la Svizzera è una cassaforte impenetrabile, e il segreto bancario lì ha dei vincoli ancora più forti dei nostri. Perché la Svizzera è la cassaforte della criminalità organizzata europea. In altre parole, un’associazione mafiosa, sistemerà i suoi conti in questo modo: 1) a livello locale metterà i risparmi minimi, quelli per le spese correnti (pochi milioni di euro). 2) In Svizzera metterà i capitali maggiori, quelli però che devono essere sempre a portata di mano e prelevabili nel giro di poche ore dal bisogno. 3) nei paradisi fiscali come la Caiman verranno messe le somme più ingenti.

Quando poi si scopre che la Banca d’Italia ha una sua emanazione nientemeno che alle Caiman, viene qualcosa di più di un sospetto.

Per creare un sistema bancario del genere, però, ci vuole la complicità di TUTTI i governanti. E deve esistere un sistema quasi perfetto, senza smagliature, che comprenda la complicità anche degli organi di informazione. E occorre che i banchieri siano più potenti dei politici. In altre parole, analizzando le leggi che regolano il sistema bancario risulta evidente che la politica è subordinata alle banche, e sono loro che dettano le leggi nei vari paesi Europei.
E questo non è un discorso da complottista, ma da giurista.

3. Le stragi.
Un’altra cosa che non torna è la storia dello stragismo in Italia. In tutti i maggiori disastri italiani non si sono MAI trovati i mandanti. Al massimo qualche esecutore, mentre Gelli è stato condannato per depistaggio in un unico caso.
L’altra cosa che salta agli occhi a chi si occupa di stragi è che tutti i testimoni fanno regolarmente una brutta fine. Una mattanza infinita, e sempre con le stesse tecniche. E sempre con una pervicace volontà degli inquirenti di archiviare come suicidi o incidenti dei palesi omicidi.
Allora i conti qui non tornano.
A meno di non voler dire che tutti gli inquirenti erano dei dementi, e che per una casualità tutti i testimoni muoiono inevitabilmente con le stesse cinque o sei tecniche, vuol dire che c’è un filo rosso che collega tutti questi casi.
Questo filo rosso sono i servizi segreti che uccidono e depistano.
Ma i servizi segreti (non si scappa su questo punto) sono – o dovrebbero essere – sotto il controllo dello Stato.
Poi, per carità, si parla sempre di servizi segreti deviati. Ma i servizi non deviati? Che fanno? Dormono? Non sono mai riusciti a fermare la mattanza ad opera dei servizi segreti deviati.
E allora a fronte di questa situazione è l’anticomplottista che è un imbecille. Non il complottista. Perché quando i servizi segreti fanno regolarmente secchi tutti coloro che si oppongono al sistema, con una tecnica che dopo un po’ la riconoscerebbe anche mia nipote di otto anni, allora vuol dire che il problema non è la mafia. E’ lo stato stesso.

4. Il terrorismo e la regia unica. Il programma P2.
Dagli anni sessanta ad oggi contiamo decine di stragi in Italia. Ustica, Piazza della Loggia, Italicus, Banca dell’Agricoltura, Moby Prince, Strage di Bologna, ecc… Mai nessun colpevole. Ma sempre gli stessi elementi comuni: la presenza dei servizi segreti a depistare. I testimoni che muoiono come mosche con la stessa tecnica identica in ogni vicenda.
I terroristi sono per la maggior parte liberi all’estero, allegramente latitanti; quando sono stati in galera sono stati trattati con i guanti bianchi e vanno addirittura a parlare alle università perché, che diamine, non dobbiamo serbare rancore, il passato è passato. E qualcuno lo hanno addirittura messo in parlamento, con la carica di segretario alla Presidenza della Camera (alludo a D’Elia).
Negli ultimi anni viene fuori che dietro a tutte le stragi, sia rosse che nere, c’era Gladio. Lo scopo del periodo stragista era arrivare all’attuale forma di governo bipolare, per instaurare un governo di destra secondo quello che era il programma della P2. Ma gli anticomplottisti questo non lo sanno. E se lo sanno non lo considerano. E se lo considerano… eh bè, che diamine, esistono pure le coincidenze. Ti pare che dobbiamo cercare per forza un complotto per questa situazione kafkiana?

A leggere il programma della P2 è sorprendente come esso sia proprio identico alla situazione attuale: bipolarismo, indebolimento della magistratura, indebolimento della scuola pubblica, controllo dell’informazione.
Inoltre Gelli non solo è libero, potente e considerato, ma parla in programmi TV.
Allora delle due l’una: o la P2 ha realizzato il suo programma. Oppure è una coincidenza.
Il fatto che dopo la scoperta della P2 tutti gli iscritti abbiano fatto carriera e addirittura la tessera 1816 ce la troviamo come Presidente del Consiglio… ma sì… forse è una coincidenza.

5. La mafia.
Per decenni ce l’hanno menata con questa storia che al sud c’è la mafia. Il che è pure vero.
Poi sempre per decenni ce l’hanno menata con la storia della gente del sud che è omertosa, e complice della mafia. Il che è pure vero.
Solo che, ad un certo punto, i conti non tornano più. Perché oggi esistono tecnologie sofisticatissime e a basso costo che permettono di effettuare intercettazioni telefoniche e ambientali da qualsiasi parte del pianeta. I nostri servizi segreti contano migliaia di dipendenti, senza calcolare tutte le persone che sono comunque pagate dai servizi. Aggiungiamo che abbiamo un esercito che non fa praticamente quasi nulla tranne mantenere se stesso ed andare in missione all’estero.
E allora si capisce che lo Stato ha i mezzi per fermare le varie mafie, se vuole, in pochi mesi. Ma se non lo fa è evidentemente per una volontà precisa di non fermarla.
Allora si capisce anche che hanno ragione i meridionali a non denunciare i fatti che vedono. Perché capiscono che il problema non è la mafia, ma è lo stato.
Ed è dallo stato che i cittadini del sud si difendono, prima ancora che dalla mafia.
Ecco perché i meridionali non parlano e sono omertosi. E hanno ragione.
Tra l’altro, da quando mi occupo di questi argomenti non vivo più sicuro; e la gente attorno a me mi dice “ma chi te lo fa fare? Ma voltati dall’altra parte” Come fanno al sud.
Eppure io abito al centro. Allora il problema della mafia non è che la gente è omertosa. La gente infatti è omertosa anche al nord e al centro, a quanto posso constatare nella esperienza personale. Il problema è un altro. La mafia esiste perché lo Stato lo vuole.

6. Complicità della Chiesa.
Qui il problema è delicato.
Sono stato un cattolico, con tanto di tessera Azione cattolica per anni. Uno zio prete. Una madre insegnante di religione. Insomma, un discreto background.
A un certo punto ho iniziato ad avere qualche sospetto.
Il messaggio di Cristo è preciso. Amore, pace, porgere l’altra guancia.
Allora le domande sono: “1) Ma la Chiesa non dovrebbe essere contro ogni forma di violenza? Che senso ha benedire i soldati che partono per il fronte? Afghanistan, Iraq, Vietnam, sono enormi bagni di sangue, che non dovrebbero essere concepiti. Ci vorrebbe la scomunica per chiunque anche solo osasse pensare di attaccare un altro paese. Invece niente; Benedetto XVI trova addirittura unità di intenti con Bush, cioè con uno che ha dichiarato guerra ad un paese straniero con una scusa ridicola, e che ha mandato a morire milioni di suoi cittadini; che è come dire che un PM Palermitano trova unità di intenti con Cosa Nostra.
Poi c’è il problema rosacrociano. E qui, si sa, gli anticomplottisti in genere neanche sanno chi siano questi rosacroce.
Ma quando uno ha un po’ di cultura più della media capisce che la massoneria rosacrociana è la più potente nel mondo, e capisce altresì che i rosacroce si avvalgono di simboli cristiani, e un uomo di Chiesa e di cultura non può ignorare questo fenomeno. Allora dici a te stesso: ma come mai la Chiesa non denuncia questi fatti? Come mai non parlano mai di Rosacroce? (ad esempio la gesuitica Civiltà cattolica, di cui mio padre possiede centinaia di numeri nella sua biblioteca, non ne fa mai cenno).
E la risposta non è piacevole.
La risposta che uno trova è da complottista, sì; e quella parte cattolica che ancora vive in te perché sei stato educato per decenni così, dentro di sé prega che la risposta non sia quella che pensi. Che sia tutto un abbaglio.
Ma a pensare da anticomplottista mi sembra di pensare come un imbecille. E allora purtroppo preferisco essere complottista.

7. La letteratura.
Quando parlo di massoneria, e in particolare di massoneria rosacrociana, come la chiave della spiegazione della maggior parte dei misteri d’Italia, mi si risponde che sono ipotesi non suffragate da nulla. In fondo, chi li conosce questi Rosacroce?
In realtà basta entrare in una libreria molto fornita per accorgersi che di titoli su templari e rosacroce ce ne sono centinaia.

I templari sono un ordine esistito ufficialmente fino al 1300.
Mentre i Rosacroce addirittura, secondo alcuni, non esisterebbero.
Ma centinaia di titoli su un ordine cavalleresco che non esiste più da secoli sono decisamente troppi.
Specialmente poi non c’è rapporto tra la diffusione di titoli su queste due istituzioni, a fronte dell’interesse che l’argomento suscita nei media ufficiali. TV e giornali dedicano ad esempio molta attenzione a fenomeni come l’astrologia, la moda, i motori, ecc… ma quasi nulla a templari e rosacroce, mentre il rapporto è invertito in libreria. Di libri su moto e auto ne troverete qualche decina. Ma centinaia su Templari e Rosacroce. Molti di più anche rispetto ad argomenti pure importanti come la seconda guerra mondiale.
Viene il dubbio che i media ufficiali vogliono presentare una realtà che non corrisponde alla reale importanza dei problemi trattati. Cioè viene il dubbio che i media si occupino di cazzate, e tralascino le cose veramente importanti.
E a chi replica che in fondo la massoneria non è così importante, viene da rispondere che se sulla moneta da un dollaro abbiamo raffigurati una marea di simboli massonici come la piramide, la scritta novus ordo seclorum, ecc…, bè, allora forse così insignificante non è. La moneta è infatti il bene materiale più importante per uno stato, quello che andrà comunque nelle mani di tutti, e quello che, in qualche modo, rappresenta lo stato nel mondo.
Insomma, non hanno messo sulla moneta da un dollaro il simbolo di un’organizzazione buddista, o di un’associazione di tutela della flora e della fauna, ma simboli massonici. E un motivo ci deve essere.

8. Alcune spiegazioni ufficiali che non quadrano.
Poi a me alcune spiegazioni ufficiali della storia non mi hanno mai convinto.
Ad esempio, prendiamo i colori della bandiera italiana. Mi era sempre sembrata una gran cazzata che avessero scelto quei colori perché il rosso rappresentava il sangue dei nostri caduti, il bianco la neve delle nostre montagne, e il verde il colore delle nostre valli.
Prima di tutto abbiamo dei mari stupendi e allora non si capisce perché non hanno messo anche il blu. Poi la neve ce l’abbiamo sì, ma in poche zone d’Italia, e non per tutto l’anno. Allora perché non rappresentare anche i colori della Calabria, della Sicilia, ecc..?
Inoltre gli stessi colori li hanno scelti anche altre nazioni. Anche l’Algeria, il Burundi, La Costa D’avorio e il Madagascar hanno gli stessi colori della nostra bandiera ma non mi vengano a dire che il bianco è quello della neve, perché lì fa un caldo che si schiatta e la neve manco sanno cosa è. Poi scopro che l’Ungheria ha la bandiera identica alla nostra, solo che ha i colori per lungo anziché per largo.
No. Decisamente… mi era sempre sembrata una spiegazione demenziale anche quando ero alle elementari.
Se invece capisci che i Rosacroce sono i vertici del potere internazionale, e che i loro colori d’elezione sono il rosso, il verde e il bianco… allora i conti tornano. Ci hanno semplicemente raccontato un mucchio di cazzate.
Chissà che gli raccontano in Madagascar…

Quando studiavo la storia, al liceo, mi annoiavo. Da una parte mi affascinava, ma da un’altra c’era qualcosa che mi respingeva. Non capivo il perché.
Ad esempio la seconda guerra mondiale. Non si sa quanti libri ho letto sulla seconda guerra mondiale e sull’ascesa del nazismo. Ero affascinato dal fenomeno del nazismo e ho letto libri di tutti i tipi; da quelli di Wiesenthal, alle varie biografie di Hitler…. Eppure i conti non mi tornavano mai e alle fine regolarmente mi scordavo tutto quello che avevo letto.
Già. Perché la storia come ce la presentano la maggior parte dei libri è una serie di avvenimenti messi in fila senza apparente logica, a meno di non pensare di essere stati per secoli governati da degli idioti.
Alcuni esempi. Non sono mai riuscito a capire come cazzo avesse fatto Garibaldi con soli mille uomini a compiere la sua impresa.
E che dire della prima guerra mondiale? Non ho mai capito come si possa far scoppiare una guerra per colpa di un anarchico che spara all’arciduca Francesco Ferdinando.
Ma il capolavoro della demenza umana è la seconda guerra mondiale. Non ho mai capito come avesse fatto Hitler ad armarsi, poi conquistare l’Austria, poi la Polonia, nella assoluta tranquillità degli stati attorno, che avrebbero dovuto fermarlo molto ma molto prima. Quello si armava, conquistava un paese e poi rassicurava tutti: “state tranquilli… ho conquistato l’Austria ma ora mi fermo qui…. Vogliamo la pace noi….”.

 

Sembra l’America di oggi: “siamo un popolo democratico noi. Vogliamo pace e prosperità. Ora conquistiamo uno staterello, ma poi basta. Poi un altro e ancora basta. Poi un altro ancora….” E nessuno dice nulla, tranne qualche lurido comunista, o qualche anarchico; gente ingrata che anzichè ringraziare l’America per averci liberato dagli americani, li considera dei guerrafondai imperialisti solo per qualche misero milione di morti e qualche decina di guerre negli ultimi 60 anni.
Quando capisci che Hitler fu armato dalle banche inglesi allora sì che i conti tornano e capisci perché nessuno lo fermò.
E quando poi capisci che le stesse banche che hanno finanziato Hitler hanno finanziato anche gli angloamericani… bè… un pochino ti incazzi… ma giusto un po’.
Poi Garibaldi. Quando capisci che l’impresa di Garibaldi fu preparata dalla massoneria e le truppe borboniche non combattevano neanche perché avevano ricevuto ordine di ritirarsi, allora i conti tornano. Ecco perchè mille uomini hanno avuto la meglio sulle truppe borboniche.

 

Per non parlare del conflitto Israeliano Palestinese. Dopo decenni di guerre sanguinose credo che tutti si siano stancati e pur di una tregua, sia palestinesi che israeliani darebbero chissà cosa. Ma è evidente che non c’è questa volontà, anzi, c’è una fortissima volontà contraria da parte di tutti i governanti del mondo. E quando studi il problema alla luce della volontà massonica di creare un focolaio di guerra permanente per poi scatenare un gigantesco conflitto futuro, allora i conti tornano.
Allora essere complottisti nello studio della storia non è una volontà di vedere complotti ovunque. Ma è una necessità scaturita dalla volontà di capire le cause, apparentemente inspiegabili, di certi avvenimenti.

9. I Giornali e le TV.
Per anni dall’età di venti fino ai trenta anni, ho letto anche due quotidiani al giorno, oltre ai vari settimanali, Panorama e l’Espresso. A un certo punto smisi di leggerli perché mi pareva che dicessero sempre le stesse cose.
Tralasciando la politica, che pare che da circa un secolo vada avanti con le stesse dichiarazioni e gli stessi comportamenti (la maggioranza dice o fa qualcosa; l’opposizione dice che è contro gli interessi del paese; la maggioranza dice che l’opposizione non collabora, poi ogni volta che va su qualcuno dice che la colpa dello sfascio è del governo precedente che nega) anche nella cronaca succedevano sempre le stesse cose.
I fatti seguono sempre lo stesso schema identico in 3 punti:

1) Esiste il problema mafia? 2) Chi indaga viene ammazzato. 3) Se non vengono ammazzati i giornali li attaccano e il problema italiano diventano non la mafia, ma i giudici stessi (ricordate Falcone e Borsellino?), poi si solleva il problema dei giudici che devono lavorare in silenzio e che sono troppo giustizialisti.

1) Esiste il problema massoneria? 2) Arrivano Cordova, Woodcock, De Magistris. 3) I giornali li attaccano e il problema italiano diventano Cordova, Woodcock, De Magistris, i magistrati che devono lavorare in silenzio e che hanno troppo potere.

Scoppia il casino di Tangentopoli? Arrivano quelli che indagano, Di Pietro, Borrelli, il pool di Milano. Dopo un po’ il problema diventa non che esiste un sistema criminale che corrompe tutto e tutti; ma i magistrati, troppo politicizzati, con troppi poteri, che non lavorano in silenzio, ecc…

Sempre le stesse cose. Sempre uguali. Basta. Pietà. Non ne possiamo più.
Insomma.
A un certo punto uno si rompe le palle e smette di leggere. Tanto si può sempre anticipare cosa succede.
Però a questo punto uno si pone qualche domanda. Come mai sempre le stesse cose, sempre gli stessi meccanismi?
Ovviamente per anni non avevo capito dove era il bandolo della matassa. Non avevo capito che esisteva un sistema perfetto come un orologio per azzerare qualsiasi tentativo di legalità.
E allora se qualcuno formula una teoria complottista occorrerebbe perlomeno farsi venire il beneficio del dubbio. Altrimenti è l’anticomplottista che è un imbecille. Ma si sa. Gli imbecilli non sanno di essere imbecilli. Se no che imbecilli sarebbero?

10. I giornalisti coraggiosi.
A un certo punto quando avevo trenta anni, il mondo dell’informazione mi pareva diviso in due. Da una parte Vespa, Fede, Liguori, Ferrara, Belpietro, Jas Gawronski, Farina, Mario Giordano, cioè i giornalisti totalmente asserviti al potere in modo conclamato. E poi i giornalisti coraggiosi, quelli che dicono la verità e denunciano le complicità tra la mafia e lo stato, ovvero Nando Dalla Chiesa, Travaglio, Gomez, Santoro, ecc…
Certo, qualche domanda te la fai… Noti che non si occupano di certi temi e quando li toccano lo fanno in modo superficiale.
Noti che l’inchiesta del giudice Cordova aveva messo in luce che la massoneria deviata è lo strumento di collegamento tra mafia, politica e imprenditoria, e che aveva toccato problematiche addirittura più pericolose di quelle sollevate da Falcone e Borsellino.
Dopo un po’ capisci.
Capisci che questi giornalisti stanno lì come specchietti per le allodole, per far vedere che il sistema è democratico, che le voci fuori dal coro esistono. Ma capisci che deviano accuratamente l’attenzione della gente dalle problematiche principali: cioè la proprietà privata della banche centrali, che è la vera ragione dello sfascio economico programmato di questi ultimi tempi; il ruolo della massoneria in politica; Gladio come regia unica di tutte le stragi in Italia.
Ma loro, questi giornalisti d’assalto, non se ne sono resi conto.

11. Le leggi.
Ma soprattutto l’esistenza di un sistema ben organizzato risulta dalle leggi. Per risolvere buona parte dei problemi italiani basterebbero riforme semplici.
Anzitutto la prescrizione dei reati. Ora tutti i reati vanno in prescrizione a causa della lunghezza dei processi. Sarebbe sufficiente fare una piccola modifica di poche parole, e prevedere che la prescrizione si interrompa con l’inizio del processo, come del resto è previsto in quasi tutte le legislazioni del mondo. E una buona parte dei problemi della giustizia penale sarebbero risolti.
Poi basterebbe semplificare i vari riti civili e prevedere che la maggior parte delle udienze siano orali, con la registrazione meccanografica delle udienze. Alla prima udienza il giudice verifica il contraddittorio e le parti dibattono il problema; la maggior parte delle cause palesemente pretestuose o dilatorie scomparirebbero perchè verrebbero eliminate dal filtro della prima udienza. La maggior parte dei processi si risolverebbe in pochi giorni, anziché durare anni.
La giustizia amministrativa poi è una vergogna. E’ inammissibile che occorrano anni di causa solo per capire se il giudice che deve conoscere una certa causa è il giudice amministrativo o civile. Qualche mese fa è uscita una sentenza della cassazione a sezioni unite solo per decidere a chi spettava il compito di decidere riguardo ad un diritto di pascolo su un prato; in altre parole ci sono voluti anni, e milioni di euro dei contribuenti, solo per capire a quale giudice doveva essere affidata la causa.
Quando sei studente non capisci il sistema. Studi e basta. E più studi più pensi che prima o poi capirai sempre di più. Ma in realtà più capisci e più il sistema sembra folle; e a un certo punto, quando – come ho fatto io – ho scritto un manuale di diritto amministrativo ad uso degli studi post–universitari, capisci che il sistema è quello che è perché se lo si semplificasse, verrebbero fuori le magagne del potere. E che potrebbe semplificarsi con un semplice leggina, fatta da un articolo, che dicesse semplicemente: tutte le cause che riguardano gli enti pubblici sono devolute al Giudice amministrativo. Tutte le cause che riguardano enti privati sono devolute al giudice ordinario. Sarebbe la fine di anni, o decenni di processi inutili che vanno avanti solo per capire il giudice chiamato a decidere.
Il nostro sistema giudiziario è una immensa presa in giro per non far capire nulla al cittadino di come vanno realmente le cose. E’ una immensa macchina mangiasoldi che serve solo per dare stipendi ai magistrati e soldi agli avvocati. Ma non serve ad altro che a proteggere i delinquenti e a non fare quasi mai una vera giustizia.
Sono i tempi del processo, è la mancanza di soldi, è l’esigenza del rispetto del contraddittorio, si pensa quando si è studenti. No. La verità è che l’unico motivo di questo sistema allucinante è il mantenimento dello status quo.

12. Quasi in conclusione. Le vittime.
Per un po’ di tempo pensavo che il problema fosse solo processuale e culturale. Cioè pensavo, in altre parole, che siamo ancora culturalmente lontani dal poter ragionare collegando i vari pezzi della storia e ravvisando nella massoneria questo filo rosso; inoltre pensavo che fosse anche un problema di prove, nel senso che in effetti, in passato, anche se di prove ne hanno lasciate tante, esse erano tutte di difficile reperibilità e anche di difficile lettura.
Tuttavia pensavo che mostrando dei documenti, facendo una serie di collegamenti per me assolutamente evidenti, e ascoltando le testimonianze di varie persone, nel singolo individuo si potesse creare una visione non distorta della realtà.
Ma qui mi sono scontrato con un dato di fatto che, lo ammetto, non mi aspettavo.
La gente non vuole capire.
Anche quando porti delle prove documentali precise, anche quando inviti a leggere libri scritti da autori accreditati, la gente non ne vuole sapere lo stesso.
Quando ad un certo punto il sistema mi è stato chiaro, ogni tanto mi sono imbattuto nelle mie ricerche in alcune verità contrarie a quelle ufficiali. Per almeno tre volte mi è capitato di vedere che delitti palesi e di gente famosa, fatti passare per incidenti e suicidi, non erano tali. La prima cosa che fareste voi quale sarebbe? Io ho chiamato i diretti interessati, i familiari delle vittime.
La reazione di rifiuto di costoro, che pure, a loro dire, cercano la verità, mi ha fatto capire che il problema non è solo culturale e processuale. E’ psicologico e sociologico.
Perché accettare la realtà è duro e, anche se uno si lamenta delle ingiustizie subite dallo stato, degli inquinamenti delle indagini, dei depistaggi, è molto più facile accettare la realtà ufficiale e sperare che un giorno tutto torni alla normalità.
In questo senso è un esempio mio padre. Pur avendo vissuto accanto a me determinati avvenimenti, pur avendo ricevuto minacce di vario tipo che gli hanno fatto perdere il sonno e la tranquillità per sempre, non accetta l’idea della Rosa Rossa. I miei incidenti sono casuali, nessuno ha mai tentato i uccidermi, quella notte del 2 gennaio in un albergo di Modena, e mi sono semplicemente suggestionato. E così può continuare a votare quelle stesse persone che sono i mandanti delle minacce da lui subite. E se un giorno mi uccideranno, a parte il comprensibile sollievo per la fine di un incubo che incombe nella loro vita, il mio sarà stato senz’altro un incidente. E continuerà a votare le stesse persone.
In tal modo sarà ristabilito lo status quo. E finalmente la sua mente troverà pace.
Con la mia famiglia non ho più molti rapporti. In particolare con mio padre non ci parliamo più perché ritiene che io sia il problema. Non il sistema io cui viviamo, e la necessità di non voltarsi dall’altra parte. Io.
Come meravigliarsi allora se qualcuno legge i miei articoli e poi passa agli insulti, alle derisioni, ecc…?
Invece di porsi il problema e studiare e approfondire, meglio pensare che il problema sia io. E’ più comodo. Si perde meno tempo e non si deve ribaltare convinzioni che oramai sono acquisite da anni.
E quando qualche magistrato coraggioso fa un’inchiesta coraggiosa… meglio mandare via lui, piuttosto che parlare dei problemi da questo sollevati. Il problema è chi indaga, mica l’indagato.
Il meccanismo è lo stesso in tutti i campi.

13. In Conclusione.
Ricapitoliamo dunque.
L’anticomplottista è quella persona intelligente e razionale che:
– ritiene che non siano mai stati individuati i responsabili delle stragi perché i mandanti sono davvero bravi ad occultarsi e a non farsi scoprire. E i nostri poliziotti e magistrati sono dei deficienti.
– ritiene che la mafia non può essere sconfitta perché i meridionali sono omertosi. E poi la mafia ha ancora un forte consenso sociale nelle campagne e nei paesi.
– ritiene che la politica demenziale della sinistra di questi ultimi decenni è dovuta a scarsa coesione interna, dissidi, ecc…
– ritiene che i giornali siano assolutamente uniformati quanto a qualità e quantità di notizie, e quanto alla ripetitività di esse, perché succedono sempre le stesse cose;
– ritiene che la Chiesa non prenda posizione contro la guerra, non condanni i guerrafondai, nello IOR nasconda i soldi della mafia mondiale, perché il messaggio di Cristo impone di amare prima di tutto il delinquente e la prostituta; la parabola del figliuol prodigo non dice forse che per il figlio perduto si allestisce il banchetto col vitello grasso? E lei infatti la parabola l’ha presa alla lettera. Ecco perché ad esempio Paolo VI diede delle importanti cariche vaticane a Gelli e Ortolani, gli ideatori della P2. Erano le pecorelle smarrite. Erano i figli perduti e poi ritrovati e quindi gli ha allestito un bel banchetto con le casse dello IOR.
– Ritiene sia un caso se molti membri che erano nella lista della P2 ora ricoprono cariche importanti, da Berlusconi, a Maurizio Costanzo.
– Ritiene che l’11 settembre è stato organizzato da uno che vive in una caverna; poi gli aerei hanno centrato il bersaglio, e per puro caso le torri sono venute giù interamente. Dopodichè Bush, avendo a cuore la sua gente, ha deciso di attaccare l’Iraq perché era uno stato canaglia, sperando in tal modo di risolvere il problema terroristico, non avvedendosi della leggerissima contraddizione tra il voler combattere il terrorismo (cioè un fenomeno interno) con lo scatenare una guerra (cioè un fenomeno esterno); si sa che le guerre in genere aumentano gli odi e i dissidi, ma si vede che i suoi analisti non arrivano a un simile livello di profondità.
– Ritiene che la Banca d’Italia è privatizzata e la BCE è fuori dal controllo dei governi perché si sa, il privato è più efficiente del pubblico. Stesso discorso vale per la privatizzazione dell’acqua, del servizio delle esattorie degli enti locali, ecc… Meglio darli ai privati. Siamo in un’epoca liberale, che diamine, e basta con questo centralismo statale di tipo comunista!!!
– Ritiene che non si facciano leggi serie di riforma dei codici perché i parlamentari non hanno tempo. Sono troppo impegnati a combattere la mafia, il terrorismo, la situazione economica attuale, ecc… hanno altre priorità loro. Le riforme possono aspettare.

In realtà l’anticomplottista è due tipi. C’è l’ignorante che non ha mai letto un atto giudiziario, che non ha mai approfondito la cultura massonica, e quindi segue le vicende politiche solo sui giornali ritenendo magari che leggere due o tre quotidiani sia sufficiente per essere informato veramente. E quindi il suo anticomplottismo è sintomo unicamente di chiusura mentale e ignoranza ma non di mala fede.
E poi c’è l’anticomplottista colto, il giornalista che scrive libri e ci informa su tutte le vicende della vita italiana, lo scrittore, ecc…. Questo anticmplottista in genere non è deficiente. E’ intelligente, spesso anche tanto, ma è solo in mala fede e fa parte del sistema. E il sistema presuppone che chi ne fa parte debba negare i fenomeni che abbiamo elencato.

Il complottista invece è quella persona che vede una regia unica dietro tutti questi fatti, una precisa volontà di non perseguire i reati dei colletti bianchi, ma di vessare la povera gente, gli extracomunitari, la gente che non ce la fa ad arrivare a fine mese. Il complottista arriva addirittura – orrore orrore – a ipotizzare un accordo tra Chiesa Cattolica e poteri massonici…. Davvero una cosa inconcepibile, eretica.
Il complottista è quello che crede alle scie chimiche, alla massoneria rosacrociana come regia unica delle mafie e delle varie criminalità mondiali, all’esistenza di un’organizzazione chiamata Rosa Rossa dietro a molti dei delitti che la stampa ci propina come delitti comuni. Talvolta, si sa, alcuni complottisti sfociano nel paranoico, credono agli UFO, e pure ai rettiliani di Icke.

Ma se la scelta è questa… allora preferisco essere paranoico. Meglio paranoico che deficiente. E sono orgoglioso di essere un complottista.

 

Il giorno che andrò in giro a dire le stesse cose che dice Icke non mi preoccuperò più di tanto. Al massimo mi curo con qualche pastiglia di Serenase (un antidelirante).

 

Mi preoccuperei invece se cominciassi a dire le cose che dicono Vespa, Gawronski, Facci, Giordano, Ferrara, ecc. Perchè per questi casi non c’è cura: Sono troppo gravi, e alcuni di loro, forse, sono pure in buona fede.

 

Ma se comincerò a parlare come Travaglio o Santoro, per cortesia uccidetemi. Perché vorrà dire che mi hanno comprato, o mi hanno fatto il lavaggio del cervello col programma MK Ultra (che ovviamente a quel punto dirò di non conoscere).

Ps. Termino il post con una frase tratta da un blog che lessi tempo fa. Il blog è “Tra cielo e terra” di Santaruina.

Quello che ho scoperto in questi anni è che il “complottismo” per come lo si intende generalmente, è fenomeno alquanto raro.
Vi sono invece numerose persone che ad un certo momento della loro vita scoprono, qual novità, che i governi mentono, scoprono che la storia che si insegna a scuola omette alcuni particolari alquanto importanti, che gli eventi spesso si svolgono in modi molto più complessi di come potrebbe apparire ad uno sguardo superficiale.
E’ una questione di ricerca, perché, per quanto possa sembrare strano, documenti e fonti autorevoli che svelano la faccia occulta della storia esistono, sono a disposizione.
Basta cercarli.

321 Commenti

  1. eh certo, perchè la chiesa è santa no? e non può essere coinvolta in questi complotti
    ma per favore! lo sappiamo bene che la chiesa ha intrallazzi ovunque
    proprio bello come primo commento il tuo, toni
    un perfetto esempio dell’anticomplottista che ha descritto paolo nell’articolo
    cioè una persona che invece di chiedersi perchè, dice subito “ma no, non può essere”

  2. Toni complimenti per il commento, costruttivo e intelligente.

    Allora spiega a tutti perchè secondo te il paragrafo n. 6 è “di un’assurdità ridicola”. Dai che siamo curiosi di sentire le tue argomentazioni. Se ne hai.

  3. Endgame mi ha lasciato senza parole. L’ho visto tutto e ci rifletterò. Complimenti per il lavoro di traduzione, davvero ottimo!

    Sal

  4. Toni.
    La mia non è una critica a tutta la Chiesa e soprattutto non a tutti i fedeli. Ti sorprenderà, ma proprio oggi torno da un viaggio a Perugia, e una delle tappe è stata… un prete in una chiesa di campagna che considero il mio consigliere spirituale.

    Ti consiglio di andare sul sito “Chiesa viva” il cui link lo trovi anche nel nostro blog. Aggiornarsi sui mali della Chiesa equivale ad avere più strumenti per riformarla. ostinarsi a negare certe evidenze, invece, fa male soprattutto alla Chiesa e alla comunità di fedeli in buona fede.-

  5. nella infinita guerra tra Bene e Male i guerrieri della luce operano in trasparenza e purezza di spirito. I figli delle tenebre, per raggiungere i loro scopi, ricorrono a qualunque mezzo incluse la dissimulazione, la falsita’ e l’infiltrazione fra le file del nemico. Questo forse aiuta a spiegare le posizioni diverse ..
    Alberto m

  6. Paolo, scusa, ma perché, invece di attaccare Travaglio, non fai come ha fatto lui dal 2002?
    Scrivi 1 bel libro sulle tematiche di questo tuo sfogo/post ed inizia a massacrarti di fatica per presentarlo in giro x l'Italia, senza tralasciare sagre, sale parrocchiali e librerie di serie z.
    Magari avrai successo come lui e qualcuno, vedrai, dirà che sei 1 specchietto per le allodole, massone, inserito nel sistema e magari illuminato …. perché, nei tuoi libri o nelle tue interviste, non avrai parlato di chissà quale argomento + o – complottista.
    Travaglio & co sono solo giornalisti, non eroi o salvatori del mondo.
    Ed a me basta leggere le notizie che danno x orientare, spero al meglio, la mia breve vita.
    Gli altri, facciano come vogliono.
    Ke

  7. Io ricordo una puntata di Anno Zero l’anno scorso in cui Travaglio fece una tirata antimassonica di mezz’ora, con tanto di fumetti illustrativi coi politici incappucciati. Rimasi sbalordita e compiaciuta.
    Perchè non ve lo ricordate e vi ostinate a classificare Travaglio nel calderone?

  8. Non sei solo…stanne certo…la famiglia è fatta da unità di intenti…grazie.
    Siamo una umanità immatura che non ha il coraggio di conoscere la verità… l’unica che rende liberi dalle proprie paure!

  9. Articolo da incorniciare!
    Complimenti Dott. Franceschetti!
    L’ho riportato anche sul mio piccolo blog.

    All’anonimo che chiede di Travaglio: non è certo una “tirata di mezz’ora” sulla massoneria a rendere, agli occhi di chi ogni gionro si pone interrogativi, questo giornalista una persona libera di pensare e di scrivere. Tenendo conto dei fatti concreti si può ben capire a cosa sia dovuto il suo modo di agire. Alcune questioni, che questo articolo tira in ballo e che sono di vitale importanza per tutti noi, per lui sono balle, teorie complottiste. Ci sarà un perchè?! Non credi?

    Pasolini nella sua ultima intervista disse questo: “Hai mai visto quelle marionette che fanno tanto ridere i bambini perché hanno il corpo voltato da una parte e la testa dalla parte opposta? Mi pare che Totò riuscisse in un trucco del genere. Ecco io vedo così la bella truppa di intellettuali, sociologi, esperti e giornalisti delle intenzioni più nobili, le cose succedono qui e la testa guarda di là. Dico: smettete di parlarmi del mare mentre siamo in montagna..”

    Ecco, il buon Travaglio rientra proprio in quella categoria descritta a suo tempo da Pasolini. E ciò, purtroppo per tutti, lo rende molto più pericoloso (in quanto a disinformazione) dei “semplici anticomplottisti”.

    Un saluto a tutti.

  10. Travaglio non si espone molto nel parlare della massoneria, accenna ad essa solo tangenzialmente, al massimo ne fa intuire la presenza nei suoi discorsi. Lui denuncia singoli fatti e pone l’opinione pubblica di fronte a tutta una serie di problemi che l’informazione ufficiale omette.

    Il punto è, secondo me, che lui non si sbilancia nello spiegare chiaramente qual è la matrice comune, il filo conduttore. Lui conosce tutti questi meccanismi, lui sa. Però non ne parla, o se ne parla pone il discorso in chiave ironica, così da mandare dei messaggi di difficile comprensione (è un giochetto allegorico? satirico? o qualcosa di più? io povero cittadino che ne posso sapere? sii più chiaro, caro Travaglio; non ne sei capace – dubito – o non vuoi?).

    Ne consegue che la maggior parte delle persone che lo ascoltano non giungono a reali conclusioni, non capiscono cosa c’è veramente dietro agli eventi che lui descrive. Per cui l’effetto è paradossalmente opposto: la gente (ed io stesso prima di imbattermi in questo blog) ascoltando Travaglio ignora completamente il problema della massoneria o la considera come una cosa del passato legata alle vicende di una P2 che non esiste più. La mia domanda è: se Travaglio volutamente evita di parlare di certe cose lo fa per paura di esporsi o perché è anche lui appartenente al sistema?

    PS. Paolo, complimenti per l’articolo!

    Sal

  11. L’articolo riporta fatti incontrovertibili; le stragi di stato, la mafia alleata dei servizi (se non mi ricordo male nella famosa Loggia Scontrino di Trapani venne trovata una foto di Moro nel covo) e sostanzialmente braccio armato dei poteri forti (la ndrangheta, affermava Lucarelli, ha un giuramento particolare, massonico). Parecchie cose le ho riscontrate nella lettura dei testi di Pinotti e di Flamigni, e sono diventato complottista anche io. Per quanto riguarda gli omicidi rituali, le stranezze della cronaca, sono cose che ho letto solo qui (la Massoneria dei Rosacroce). Ovvio che la cosa è sconvolgente, ma io ero stato vaccinato da una rivista di fotografia che si era messa a parlare di Massoneria e di messaggi occulti anni orsono. Considero Marco Travaglio una persona intelligentissima, da cui attingere alcune importanti informazioni di storia giudiziaria e niente più: da tenere presente che si è schierato a favore di De Magistris, il che gli fa onore. Poi non so perchè non parli della Rosa Rossa; di questa organizzazione ho sentito solo parlare qui, ma che il potere avesse dei segreti inconfessabili penso che solo un imbecille potrebbe negarlo. Se è vero quello che Paolo Franceschetti afferma, potrebbe essere anche istinto di sopravvivenza a non nominare mai certi livelli. Sbaglio?

  12. “Il sistema è quello che è perché se lo si semplificasse, verrebbero fuori le magagne del potere. “
    Semplice e diretto come la verità, e come tutto l’articolo.
    Anch’io credo che gli “anticomplottisti” si possano dividere in ingenui ed infammi, ma gli ingenui non li troviamo di certo in TV. Quanto a Travaglio, è chiaramente un gatekeeper, uno che informa su 1 fatto e disinforma su 3, anche se molti sciocchi si dicono convinti che egli “non sappia perché non gli compete”, basta vedere con che faccia tosta derida e screditi chi parli di signoraggio e rituali massonici; la sua ironia è più infame di mille austere cattedre.
    Quando la gente capirà come non ci si debba scandalizzare per l'”abuso di potere”, ma per il potere stesso, poiché esso è già un abuso, sarà sempre troppo tardi.
    Concludo dicendo che già il solo parlare di “complottismo” ha un che di malato e perverso; è come se fra, 30 anni, si smettesse di considerare l’assassinio come un fenomeno reale e si iniziasse ad additare chi ne avvallasse l’ipotesi come un “assassinista”, o, parlando di furti, un “furtista”. Sì, perché la cospirazione è un fenomeno storicamente provato, quindi ripetibile, non una mera “teoria”.
    Questo è il modo subdolo in cui il potere manipola lo stesso linguaggio di cui ci si serve, divorando direttamente la terra sotto i piedi delle persone raziocinanti, le quali sono costrette ad argomentare l’ovvio (il potere tutela se stesso/la ricchezza tutela se stessa) ed a difendersi da accuse prive di senso logico. Oggi, così come non esiste una legge per punire la tortura, non esiste una vera parola per indicare l’attuatore di un complotto, dato che quella parola è stata rivoltata contro chi tenti di individuarlo.

  13. Cittadina spaventata

    Per Paolo Franceschetti-

    Ho lasciato un commento al precedente post in cui vi chiedevo un’opinione sul caso di pedofilia di Rignano Flaminio, ma purtroppo non mi ha risposto nessuno, pur essendo stato citato il tema da altri visitatori. Volevo sapere cosa ne pensa lei, di questo caso e se ne ha parlato in qualche articolo. Un visitatore ha citato quanto riferito dai bambini sul gesù buono e sul gesù cattivo, ma in rete ho trovato una raccolta delle dichiarazioni rese dai bambini e pubblicate sui vari giornali nel corso dei mesi e le ho trovate agghiaccianti. Nessuno ha pensato di interpretare cose tipo le croci, i riti, le preghiere? “SATANISMO:Oltre alle indicibile violenze sessuali, ai bambini veniva insegnato a disegnare croci capovolte, a bere sangue umano; una maestra bruciò di fronte a loro il Crocefisso urlando che Gesù era cattivo e il diavolo buono. Durante le riprese filmate, i violentatori indossavano maschere e corna da diavolo. “
    Mi dica, secondo lei, qual’è il vero fine di tutto ciò?

  14. Grande articolo, Paolo (mi permetto il tu)

    Il punto che mi ha colpito di più personalmente è la parte in cui parli del sistema processuale italiano. Sono uno studente di master in diritto internazionale e so cosa è l’interesse legittimo, il diritto soggettivo, la giurisdizione esclusiva ecc… Ora che mi ci fai pensare, effettivamente quello che dici ha senso. Insomma, perché basare tutto su una raffinatezza intellettuale che non dà risultati dal 1889 e NON cambiarla!

    Una domanda: su Garibaldi dici che “le truppe borboniche non combattevano neanche perché avevano ricevuto ordine di ritirarsi”. Qual’è la fonte, se ce l’hai sotto mano?

    Sull’argomento Travaglio io penso che lui non parli di certe cose perché ormai ha una sua etichetta, una sua clientela; insomma, perché mai dovrebbe uscirsene di improvviso col signoraggio e i poteri occulti? Poi da quello che scrive a da quello che dice mi sembra che quando va fuori dal terreno del “giornalismo processuale” non è che abbia le idee molto chiare.

  15. In merito ai rapporti Chiesa – massoneria: in realtà la Chiesa è sempre stata attaccata dalla massoneria recente, cosiderando il periodo dalla Rivoluzione francese in poi. I vari papi hanno sempre cercando di contrastare questo attacco. Consiglio i libri di Angela Pellicciari “i papi e la massoneria”, oppure “i panni sporchi dei mille” per capire come lo Stato Italiano sia nato dalla massoneria italiana ed inglese. Non sono libri di opinione, ma basati su fatti storici e scritti reali e documentabili.
    In merito a “Chiesa Viva”..senza giudicare il resto degli articoli presenti nel sito, posso solo dire che quello relativo a Medjugorie contiene molte e troppe inesattezze sulle apparizioni (anche queste documentabili). A Medjugorie avvengono parecchie guarigioni ma soprattutto centinaia di conversioni, che è la prova più lampante della reale presenza della Madonna.

  16. Forse OT ma sarebbe interessante riflettere che “Israele” commette un duplice omicidio infatti uccide uomini
    palestinesi e l’anima dei propri soldati per un mondo o terra che non le appartiene.

  17. Ciao Paolo, complimenti per questo bellissimo blog, sappi che moltissimi lo leggono, i quali anche dopo averlo letto non afferrano al volo il messaggio un giorno gli servirà per togliersi da questa lobotomizzazione Crionica celebrale.

    Stai facendo un lavoro immenso sei un grande veramente bravissimo.

    Tanti altri la pensano come me ma non lo scrivono stanne certo.

    Vai avanti così l’inchiostro verde alla fine perderà consumandosi.

    Cordialmente Scire

  18. Una domanda: su Garibaldi dici che “le truppe borboniche non combattevano neanche perché avevano ricevuto ordine di ritirarsi”. Qual’è la fonte, se ce l’hai sotto mano?

    Chiaramente il discorso é molto piú complesso, anche se il succo é proprio quello dell’articolo.

    I Borbonici erano tra i piú agguerriti nemici della massoneria, ma non riuscirono ad impedire certe infiltrazioni, come la presenza di una filiale della Rothschild bank a Napoli testimonia (la banca fu chiusa non appena l’unitá d’Italia fu fatta… a quel punto non serviva piú).

    E’pensabile che una parte dei vertici militari fosse direttamente passata al nemico, un altra fetta fu semplicemente corrotta (e di questo vi sono prove evidenti). Chi rimase fedele non ebbe molte speranze (vedi resistenza a Messina ed a Gaeta).

    Quindi l’ordine non venne direttamente dai Borbone, ma dai nuovi “re”.

    Per tutto questo vi é una letteratura sterminata, decine di siti, libri, film, partiti politici, organizzazioni culturali etc etc.

    Salvo poi bollare tutto come complottismo. Anche da parte degli stessi “complottisti” italiani, secondo i quali tutto quello che dice il Corriere della Sera é falso ECCETTO per quanto riguarda i terroni.

    Un ultima cosa: non é completamente vero che Garibaldi quel poco che doveva fare lo fece da solo. Insieme a lui sbarcarono dalle navi inglesi combattenti magiari e persino indiani. Anche per questo vedasi sterminata letteratura.

    Potreste cominciare da questo dettagliatissimo volume di Nicola Zitara disponibile in rete:

    http://www.eleaml.org/nicola/economia/unita1truffaldina.html

    Personalmente non mi piace il tono generale dell’opera che in alcuni punti sembra fare il verso a Bossi, ma i fatti descritti sono…. fatti. Di ogni minimo dato é citata la fonte.

  19. Ottimo articolo Paolo, hai fatto un sunto di una serie di concetti già esplicitati in altre occasioni, abbastanza semplice e divulgativo e che avrà un’ampia eco.
    Ci sono una serie di precisazioni che vorrei avere, ove possibile:
    1. Cosa centrano i Rothschild e i Rockefeller (due nomi a caso) con i Rosa+Croce?
    2. La massoneria ebraica è davvero a capo della massoneria internazionale ovvero se gli ebrei col tempo si siano infiltrati nell’ordine dei templari, e ad un certo punto abbiano in qualche modo preso il comando del movimento?
    3. Quanto sono presenti i Rosa+Croce in Russia, in Cina ed in India, anche lì hanno il controllo quasi totale della situazione?

    Scusate se è poco
    P

  20. lascio un commento prima di leggere l’articolo, un commento ai commenti.
    Travaglio o chicchesia, che ha la possibilita’ di parlare e non parla, e’ un falso, io che non ho certo tante informazioni che ha lui, che ho meno anni e meno istruzione, io mi sento offeso ogni volta che parla, offeso di parlare la stessa lingua e appartenere alla stessa razza. Lui sorride al pubblico mentre il mondo che lui dovrebbe descrivere farebbe gelare il sangue anche al diavolo in persona, basta una foto di gaza… e non continuo perche’ gli esempi sono, infiniti, solo una frase
    40000 BAMBINI OGNI GIORNO MUOIONO DI FAME NON PERCHE’ NON C’E’ IL PANE, PERCHE’ NON HANNO I SOLDI PER COMPRARLO

    lui e tutti quelli come lui non lo sanno

    NON LO SANNO??
    NON LO SANNO???

    scusate lo sfogo

    cl

  21. Cittadine spaventata.
    Attorno a Rignano Flaminio si giocano interessi molto più grandi di quelli che si pensa.
    Le organizzazioni pedofile, in italia e nel mondo sono organizzatissime e protette ad altissimi livelli.

    Qualche genitore ha sollevato la questione e denunciato questi fatti. E immediatamente è partito il depistaggio ad opera specialmente di canale 5 (tenga presente che nell’inchiesta è coinvolto anche un giornalista di canale 5; e si ricorda quale TV mandò in onda gli interrogatori del primo bambino che fu sottoposto ad incidente probatorio, inquinando in questo modo tutti gli incidenti probatori successivi? Canale 5, guarda caso).

    Purtroppo in quel caso il problema è che alcuni genitori delle vittime, sono collusi con i pedofili. E questo è probabile che i genitori in buona fede non lo sappiano.

    Se mi scrive in privato le mando alcuni documenti, riguardanti un caso analogo, e ovviamente insabbiato. Così potrà rendersi conto della dimensione del fenomeno.

    Purtroppo contro questi poteri non c’è tutela. La tutela deve provenire dai singoli genitori e dalle singole persone che, una volta resisi conto del problema, devono capire da soli come difendersi. Ma non è possibile sperare nelle istituzioni o nei giornali perchè il problema parte da lì.

  22. @ Paolo

    Riguardo il discorso mafia, camorra, ndrangheta penso che anche li’ ci siano ‘menti raffinatissime’ o sistema perfetto per far si che queste realta’ continuassero ad esistere fino ai nostri giorni.

    Uno strumento per lo status quo e’ stato, a mio parere, il non applicare quello che nell’Europa cui sulla carta apparteniamo esiste gia’ da tempo, ed usero’ il bruttissomo termine italiano: Reddito Minimo di Cittadinanza.
    Nei paesi europei esiste una misura di contrasto alla poverta’ figlia delle teorie keynesiane per cui si dice che ogni cittadino ha il diritto ad una somma che gli consenta di vivere decentemente, altrimenti non si puo’ parlare di lavoro, ma di schiavitu’ e soprattutto le idee di pari opportunita’ muoiono alla nascita perche’ senno’ dipende sempre dal culo che hai a nascere in questa od in quella famiglia.
    In Olanda si chiama Bijstand, in Francia Revenue Minime e non sto a fare la lista ma cercate un po’ voi. Ricordo che nel 92/93 la Comunita’ Europea aveva richiesto ufficialmente a tutti i membri di conformarsi ed adottare questa misura.
    Al 2003 chi non l’aveva applicata erano l’Italia e la Grecia (per un pezzo che ho vissuto in Italia ricordo un ‘esperimento’ – Regione Campania – 300 euro (ah ah in Olanda sono 800 + sussidi) di cui fu reso noto via giornali che ne approfittarono solo famiglie legate a clan camorristi o non bisognosi (e allora vedi che se vogliono le indagini patrimoniali le possono fare e veloci pure) .

    Ora, se tu fossi un giovane del sud, che tra vivere nella sua terra in omerta’ perche’ ‘ pur’ iss adda’ campa’ (ed e’ vero, tutti noi abbiamo bisogno di un tetto sulla testa e cibo) ed emigrare, se avessi avuto la possibilita’ di non doverti prestare a, connivere con, far finta di non vedere che perche’ la tua Indipendenza e’ garantita dal necessario per vivere, cosa sceglieresti?

    Quindi, NON applicando (non so, magari paghiamo anche una multa per questo dovrei controllare) quanta manovalanza ci si e’ garantiti al SUD? E gli elementi ‘fastidosi’ autopurgati che se ne vanno all’estero?

    @ Abate Vella

    volevo gia’ da tempo chiederti dei testi sulla Sicilia, sai anche io sono andate in scuole dove la storia che ti spacciano e’ altra (pensa che da piccola ammiravo Cavour perche’ sul libro ti dicevano che era andato “… viaggiando in Europa per poi portare le cose da noi che ci avrebbero aiutati tutti a progredire …” ehm …. Ho letto solo Controstoria del Risorgimento di Di Fiore, ora passo a qullo da te linkato, ma se hai altri titoli sono i benvenuti.

    @ WalRus
    Ti rispondo qui ad un precedente, visto che il concetto lo ha espresso anche Paolo. In Belgio (come nelle atre nazioni visto che man mano veniva fuori che la cosa si estendeva a livello europeo ed oltre) non succede niente perche’ – a parte pochi gentiluomini nei parlamenti – i governanti sanno e connivono,

  23. P

    Rotschidl e Rockfeller sono ai vertici della massoneria rosacrociana.

    In Russia la massoneria rosacrociana è presente da secoli.
    In Cina e India non so. presumo di no. Ma si stanno infiltrando da tempo, oramai, e le alleanze economiche tra questi paesi lo dimostrano.

    Sul ruolo ebrei abbi pietà. Risparmiamoci le dispute sugli ebrei e la massoneria. A me non frega nulla se i vertici della massoneria sono ebrei o negri, o eschimesi. Quello che conta è il fenomeno della massoneria.

  24. …sono complottista!

    bell’articolo, quando scrivi “Per anni dall’età di venti fino ai trenta anni, ho letto anche due quotidiani al giorno, oltre ai vari settimanali, Panorama e l’Espresso. A un certo punto smisi di leggerli perché mi pareva che dicessero sempre le stesse cose.”

    L’altro giorno ho fatto lo stesso ragionamento!

    da Cattolico ti dò ragione sullo stato della Chiesa, insomma è difficile che il Papa non sappia come stanno le cose, dovrebbe denunciare prima di tutto i cardinali e vescovi coinvolti con la massoneria, fare luce sulla Banca Vaticana, e successivamente “attaccare” le collusioni politico finanziarie mafiose massoniche italiane ed estere, criticare tutte le guerre del mondo….mah…utopia?probabilmente si

    @anonimo
    Sul sito Chiesaviva attaccano pesantemente il fenomeno Medjugorje, ho letto alcuni libri in merito di Socci, Gaeta e altri e Chiesaviva porta moltissime nozioni false,per chi vuole approfondire il tema qui cè la posizione ufficiale della Chiesa

    http://www.radiomaria.it/documenti/dwnl.php?id=1201

  25. Leggo con attenta simpatia i tuoi post da tempo. Oggi pero’ mi hai stimolato qualche considerazione molto critica, in particolare sul tuo modo di argomentare.

    1)
    Tu dici:
    “Il problema però è quello della prova. Mi spiego. Prima di deridere la teoria degli UFO, dovrei avere delle prove contrarie. Ma il punto è che le prove contrarie non esistono.”

    Certo che se ragioni in questo modo allora puoi davvero credere a qualunque cosa. Io ad esempio affermo che tutti i nostri problemi sono dovuti a piccoli omini blu di Giove che ci controllano tutti per via telepatica.
    Avete delle prove contrarie?? No?? Allora dovete crederci altrimenti siete dei cretini anticomplottisti.

    Quando si afferma una cosa si deve essere in grado di portare delle prove certe, dei fatti: altrimenti siamo nel campo della narrativa (o della fede).

    L’anticomplottista diventa cretino quando chiude gli occhi davanti a fatti o indizi significativi, non quando si rifiuta di credere ad una cosa che nemmeno tu sei in grado di dimostrare.

    2)
    Il fatto che ci siano tanti libri su Templari e Rosacroce (come anche sugli ufo o altri argomenti stuzzicanti) dimostra con certezza solo una cosa: l’argomento affascina, interessa e permette di vendere. Se un libro e’ scomodo puoi stare certo che sparisce presto (ad esempio “Pasque di sangue” di Toaff).

    La verifica dell’attendibilita’ delle fonti e’ importante.

    3)Complicita’ (?) della Chiesa
    Non vedo perche’ dovrebbe denunciare complotti occulti che, in quanto tali, non sono dimostrabili. La scomunica per chi aderisce alla Massoneria traccia una linea sufficientemente netta.
    Quando esprime delle posizioni si puo’ essere d’accordo o non ma sono nette e spesso confliggono con i grandi poteri (vedi la netta opposizione alla guerra con l’Iraq, l’aborto etc. )

    4) I giornalisti coraggiosi
    Hanno un difetto imperdonabile per i complottisti: fanno solo affermazioni che si appoggiano su fatti e documenti certi.
    Il che e’ molto piu’ faticoso ma li rende decisamente piu’ pericolosi per il sistema.

    In genere quelli che vengono colpiti non sono i “complottisti” ma testimoni, giornalisti, magistrati: cioe’ persone che fanno affermazioni basate sui fatti (e quindi pericolose).

  26. Complimenti Paolo,
    (mi sono permesso di darti del tu), con questo articolo hai veramente raggiunto un altissimo livello, sia nella sintesi (pur nella sua inevitabile lunghezza), che nella chiarezza di esposizione.

    Infine, la citazione di Santaruina è una vera ciliegina sulla torta (tra l’altro mi fa un piacere immenso che trovi il tempo di leggere i suoi brani: è un profondo conoscitore sia di esoterismo che di essoterismo).

    Grazie.

    Suerte,
    manolete

  27. Professor Franceschetti, la scrivo per ringraziarla e darle i complimenti: l’articolo è stupendo!
    è di una chiarezza unica e colma alcune lacune che avevo sui fatti..io la seguo ormai da mesi ma questo è stato davvero il miglior articolo! Sa io sono circondato da anticomplottisti e da perfetti idioti (se li meritano tali aggettivi!) che credono ancora nei partiti, nella chiesa e a tv e giornali…e mi creda mi cadono le braccia ogni volta che li sento parlare…lei professore ha ragione soprattutto su una cosa:
    LA GENTE NON VUOLE CAPIRE
    e questo è ancora più grave per me dei banchieri e dei governanti criminali…perchè così facendo si rendono complici del sistema e restano là nella perenne incoscienza degli eventi…io cerco di avvisarli, di spiegarli ma arrivano a dire che vivo io tra le nuvole, pazzesco!
    Leggere il vostro articolo è stato un gran toccasana, la ringrazio ancora Professore!
    Mi permette solo di chiederle una cosa a cui nessuno qui mi ha ancora risposto (ed è un poco OT): perchè vogliono i cari massoni fare determinate cose entro il 2012? perchè tale anno, cosa temono?
    Claude

  28. @ Paolo
    Paolo, la reazione di molti è che non ce la fanno a capire. Putroppo (o, in realtà, per fortuna) non siamo tutti uguali. Siamo figli di diversi genitori, educazioni, situazioni contingenti. C’è chi si riempie di cose da fare perché non vuole pensare (i miei genitori, per esempio, ormai devoti alla logica dell’accumulo e mai soddisfatti di ciò che hanno). C’è chi odia leggere. C’è chi ha una laurea e usa il cervello molto meno di chi ha fatto la terza media ecc…si potrebbe andare avanti all’infinito. E non mi piace la logica che “è, chiaro, è il sistema che crea queste persone”. Ciò è vero in parte. In parte no, è che proprio non si arriva a queste cose. Certa gente non ci arriva e basta così. Tu, noi, nessuno può costringerli a vedere o a provare, almeno, a mettersi gli occhiali per guarire dalla miopia.
    E poi vorrei fare una considerazione a margine: devo purtroppo dire che, da quando ho cominciato a leggere questi blog, da un lato ho una serie di conferme (quindi, mi dico, non sono proprio tutta toccata), dall’altra, però, mi è aumentato il senso di angoscia. Certo che la mia fede mi aiuta, però capisci…nella prospettiva che ci sia una terza guerra mondiale, o cmq, che un mio eventuale figlio possa diventare preda di pedofili…con che coraggio metto al mondo un figlio? E questa, capisci, è la fine della vita. Una possibile madre che, pur amando la vita, ha paura di trasmetterla. Perché, poi, capisci, la mia vita sarà a difesa di mio figlio, mi farà perdere la spudoratezza con cui parlo di certe cose in certi ambienti. Mi renderà paurosa e impotente. Forse ho bisogno, da una parte, di non credere a tutte queste ipotesi complottiste, per poter continuare a vivere in questo mondo. Per poter aver l’incoscienza di mettere al mondo dei figli. E poi il senso di impotenza. Va bene, io leggo queste cose, mi informo…e poi? Poi ho cmq un conto in banca, lavoro e produco reddito, consumo, sono dipendente dal sistema (non mi posso procacciare il cibo da sola, sono una vittima dei supermercati, come tutti). Anche se consumo in mondo consapevole, consumo lo stesso. I soldi li uso, non mi faccio usare da loro, ma cmq li uso e li faccio circolare. Alimento il sistema. E’ impossibile sfuggirne. Anche Terzani, quando si è rifugiato in meditazione, è stato raggiunto dalla notizia dell’11 settembre e ha interrotto il suo cammino di conoscenza interiore. Ha detto: “è una buona occasione per fermarci”. Tutto inutile. Non ci si può fermare. Scusa lo sfogo, io continuerò a leggerti. Ma scusa se spero che tu non abbia, almeno in parte, sempre ragione.

  29. X Ginevra, e per gli altri:

    raccomando di leggere sempre su questi testi o sul mio stesso blog in prospettiva. Cioé: io mi rivolgo specificatamente ai Siciliani (o Zitara a tutto il meridione) ed usiamo la relativa “retorica”.

    Ma é ovvio che per gli altri quella ha valore relativo e bisogna concentrarsi sui fatti.

    La cosa che ancora non é stata capita bene a sud di Roma é che non é del nord Italia la colpa della repressione. La divisione tra nord e sud é funzionale agli obiettivi dei vertici della massoneria. Al nord si sono ritrovati il coltello dalla parte del manico… Qualcuno potrebbe sostenere che a parti invertite al sud avrebbero fatto la stessa cosa.

    Il motivo piú ovvio é che se ci pensi bene, la VERA unificazione d’Italia non poteva esserci, perché avrebbe creato uno stato troppo forte che avrebbe avuto pieno controllo sul Mediterraneo occidentale. E con la Chiesa dentro a cucire le sue trame non sarebbe stato molto furbo.

    Anche se con i dovuti distinguo, é come quello che sta succedendo ora tra Israeliani e Gaza. Quando gli israeliani non serviranno piú, l’Entitá se ne libererá senza problemi.

    Come dice Paolo, i vertici possono essere qualunque cosa, non é quello il punto.

  30. Beh Franceschetti, è un articolo da incorniciare.

    Ma ho due appunti da fare.

    Se invece capisci che i Rosacroce sono i vertici del potere internazionale, e che i loro colori d’elezione sono il rosso, il verde e il bianco… allora i conti tornano.

    A dire il vero… no. A meno di pensare che solo l’Italia e l’Ungheria nel mondo siano creazioni rosacruciane 🙂

    Ma se comincerò a parlare come Travaglio o Santoro, per cortesia uccidetemi. Perché vorrà dire che mi hanno comprato, o mi hanno fatto il lavaggio del cervello col programma MK Ultra (che ovviamente a quel punto dirò di non conoscere).

    Non ho capito questo attacco. Se uno è con il sistema, è un pervertito. Se uno è contro il sistema, è pervertito lo stesso. Quali sarebbero i fatti che Travaglio e Santoro tacciono?

    E puoi dire che Travaglio sia un pervertito solo perchè tace su di un centesimo mentre Fede tace sui 99 centesimi e Vespa sui 98?

  31. @marisol
    Sono una mamma, via via che prendo coscienza di alcune cose non solo lette in questo blog anche a me aumenta l’angoscia… penso che se diamo troppo spazio all’ansia e alle paure attraiamo involontariamente esperienze molto negative, certo è difficile come dici tu vivere la realtà di tutti i giorni, andare a lavorare, lasciare i nostri figli nelle scuole, andare a fare la spesa etc. sapendo cosa c’è dietro…
    Paolo, in effetti mi riconosco nelle parole di Marisol ma oltre che sviluppare la nostra consapevolezza spirituale…che possiamo fare per “difenderci da soli” come genitori e come esseri umani che vorrebbero vivere una vista più serena e vedere un nuovo mondo dove Amore e Pace esistano veramente? A proposito delle tante previsioni sul 2012 e su questo momento energetico particolare tu ke ne pensi?
    Stimo la tua forza interiore e il coraggio di percorrere questa strada così faticosa.
    Mimì

  32. @ Marisol

    Capisco l’angoscia che ti prende, come generatrice di vita, allo scoprire quali brutture il mondo puo’ riservare. Ma questo dare la vita puo’ essere un punto di forza interiore e di lucido rifiuto alle stesse brutture.
    Come mamma ti posso dire che non e’ facile ma non sei impotente, puoi difenderti anche con la conoscenza di queste cose. Iniziare a vedere le cose dagli occhi di un bambino, cercare di trovare un canale di comunicazione, non perderlo di vista emotivamente ma anche fisicamente. Tra l’altro ti insegna a guardare anche agli altri bambini.
    Inoltre, se studi il problema ti accorgi che molto spesso queste cose accadono all’interno dell cerchia dei paraneti/amici dei bambini e che il predatore sconosciuto e’ meno frequente della prima casistica.
    Fiducia-dialogo-attenzione. E coadiuvnti, come per esempio un paio di fiabe che ho trovato (sul segreto, il “..non dirlo alla mamma…” che parte dalle caramelle date di nascosto per magari sfociare oltre – o sull’appropriatezza o meno di certe affettuosita’.

    Ginevra

  33. Volevo fare una precisazione.
    EtaBeta dice:

    “3)Complicita’ (?) della Chiesa
    Non vedo perche’ dovrebbe denunciare complotti occulti che, in quanto tali, non sono dimostrabili. La scomunica per chi aderisce alla Massoneria traccia una linea sufficientemente netta.”

    Peccato che poi, ad un certo livello, siano tutti complici. Per questo non denunciano i complotti. Non solo perché ne sono a conoscenza, ma perché sono loro stessi dentro i complotti.

    (Sia chiaro che il mio non è attacco al cristianesimo. Lo preciso, perché non vorrei tornare nella diatribe teologiche)

    Poi volevo dire una cosa a Marisol.
    Dipenda da come si prendono determinate conoscenze. Dipende tutto dalla nostra reazione ad esse.
    Scoprendo questi “poteri occulti”, c’è chi si fa prendere dallo sconforto e dall’angoscia e pensa “ma allora è tutto marcio e tanto vale vivere in questo mondo”; e c’è chi invece si sente una marcia in più perché è più consapevole, affronta la vita con un piglio diverso e si sente fortunato di essere venuto a conoscenza di come va il mondo. Lo fa diventare un punto di forza, insomma, anziché farsi prendere dallo sconforto.
    Però sono entrambe reazioni umane. Non è che una è migliore dell’altra.
    In realtà non è la fine della vita. Per come la vedo io invece (e per me è stato così) potrebbe essere l’inizio di una nuova vita, vista e vissuta da un’altra prospettiva e con una consapevolezza diversa.
    Quanto ai figli da mettere al mondo… E’ comprensibile quello che dici. Però anche qui, ci sono modi diversi di reagire e di guardare al futuro. Mi viene in mente l’esempio di Ginevra.

  34. questa e`una sintesi della lettera-video di Seemann alla cancelliera Merkel.
    Dopo una breve presentazione di se stessa, dice che e`stata testimone in Francia di una drammatica vicenda e in questo contesto ha fatto un reportage in Europa sulle violenze fatte ai bambini.Il film non e`ancora terminato, ma ha intenzione appena finito di mandarlo per via internet in visione.Da quel che ha appreso da questo reportage, e`rimasta cosi`sconvolta che non vuol piu`aspettare il termine del film, ma bensi`di rivolgersi direttamente alla cancelliera Merkel per informarle della gravita`della situazione.Racconta che da dieci anni, ogni anno spariscono piu`di 2.100 bambini in Germania e le autorita`non cercano in modo serio i bambini scomparsi.Dice inoltre che ci sono organizzazioni in Europa che rapiscono i bambini, li vendono, li fanno prostituire e li danno a delle bestie, le quali violentano torturano e uccidono questi bambini.Il popolo in generale non conosce questi fatti, in quanto persone facenti parte della giustizia e politica abusano del loro potere per non far passare questi fatti all`informazione e addirittura manipolano l`opinione pubblica,facendo credere che la pedofilia ha che fare solo con l´internet. In realta`secondo lei, il violentare, torturare e uccidere i bambini e facendo su questo gli snuff-video,non ha nulla a che vedere con internet, bensi`sono destinati a circoli chiusi e privati, per persone che si possono permettere cifre astronomiche per la visione di questi orrori;persone che hanno soldi, potere e da fuori rispettati .Al popolo viene cercato di impedire da fare una conessione tra queste cifre astronomiche che vengono pagate per questi video e il comportamento dei rappresentanti del popolo.Dice ancora che un attivista belga, Marcel Vervloesem, dopo anni di ricerca ha scoperto cose incredibili:nel 1998 ha spedito in tutto il mondoprove dell`esistenza di queste organizzazioni.Le prove erano in 21 CD ROM che aveva sequestrato durante le sue ricerche in Olanda in Zandvoort, riguardanti 100.00 documenti su bambini e neonati e le violenze perpretate su questi, compresi torture e omicidi.I bmbini si potevano rintracciare, cosi`pure i loro carnefici.Le autorita`tedesche vennero informate con le prove dei CD, ma la Germania non fece nulla, dicendo che riguardava l`Olanda.Anche gli altri paesi europei,che erano stati informati, reagirono allo stesso modo.Il belga Vervloesem venne addiritura accusato dalla giustizia belga, in quanto aveva fatto un cartellone con alcune foto di questi orrori per svegliare l`opinione pubblica. In giugno 2008 verra`deciso se andra`in carcere per 4 anni senza condizionale.Il consiglio dell`Unione Europea e il parlamento europeo non dice una parola su queste cose, ma solo di pedofilia in relazione con l`internet.La giustizia belga disse addiritura che i documenti in questi CD-ROM non erano significativi, per cui il belga attivista si vide costretto a fare questo cartellone con alcune foto tratte da questi CD_ROM.
    La descrizione delle foto non le traduco,ma potete immaginare di quali orrori si tratta.Seemann si appella alla Merkel, perche`la Germania facci qualcosa per informare l`opinione pubblica du questa realta`, che la giustizia rintracci finalmente i bambini e i criminali venggano arrestati, che queste organizzazioni nel loro insieme vengano fermati.
    Ho letto da qualche altra parte che indirettamente la Seemann aveva accusato un comissario dell`Unione Europea, di fare parte di questa organizzaziopne e forse anche per questo e`stata fatta sparire.Il suo Blog e`stato fatto chiudere.

  35. Stefania Nicoletti dice:

    “Peccato che poi, ad un certo livello, siano tutti complici. “

    Sei in grado di produrre una lista di cardinali e vescovi che sono complici con la massoneria e i relativi fatti almeno indiziari che lo dimostrano?

  36. Grazie infinite anonimo.
    Io avevo capito il senso, ma avere una vera traduzione è importante per far capire. In poche righe, la Seemann ha descritto ciò che avviene in Europa e nel mondo. Purtroppo E’ TUTTO VERO. Le violenze a cui sono sottoposti i bambini hanno dell’incredibile. Credo che neanche il più grande autore cinematografico di tutti i tempi potrebbe immaginare ciò che accade. Sono cose al di là di ogni immaginazione.

  37. @TONI
    Ti consiglio due semplici libri:
    "LA QUESTUA" di Curzio Maltese e "IL LIBRO CHE LA TUA CHIESA NON TI FAREBBE MAI LEGGERE", se poi hai una buona base "IL VANGELO SECONDO LA SCIENZA" di Piergiorgio Odifreddi.

    Ho scoperto questo blog da poco e sembra sia uscito dalla mia mente, ciò che credevo di vedere e di capire non erano mie paranoie, almeno ora siamo in molti ad essere paranoici…
    Perchè esitono sempre persone che vanno contro, Travaglio & co, questo serve per dare una parvenza di libertà ed per dare una speranza a chi non si vuole arrendere. Se le battaglie le faccio combattere da chi posso controllare, non corro il rischio di vedere qualcuno che si organizza in proprio.
    Sinceramente metto in dubbio anche Paolo Franceschetti, non per malafede, ma perchè cercare la verità è porsi delle domande…

  38. Produrre una lista? Ma allora tutto quello che è stato scritto nell’articolo di Paolo e nell’intero blog non ha alcun valore?
    Ti basta se ti dico che non è così difficile capire che i poteri sono poteri, e ai livelli alti vanno tutti a braccetto? Massoneria, Vaticano, servizi segreti…
    No, immagino che non ti basti.

  39. Sarà un caso… forse sono leggermente OT, ma quando il sig. Bossi ha dichiarato “toglieremo l’otto X mille alla chiesa cattolica” la settimana dopo ha avuto un ictus!!! questo è solo un caso, la chiesa non fa di queste cose.

  40. sarà anche un caso che quando il papa doveva andare a parlare all’università la sapienza di roma ed è stato contestato, e il governo prodi non ha fatto niente, poco dopo il governo è caduto.
    mah…è da molto tempo che non credo più alle coincidenze

  41. @ Stefania

    sto cercando di risponderti dalla mia email ma sono al quarto tentativo non mi riesce, sara’ il caso di iniziare a dire che non sono depressa! 🙂

  42. Eta Beta, rispondo alla tua pr5ima obiezione.

    Se tu arrivi nel mio studio e mi dici che sei perseguitato da omini blu, io non sono tenuto a crederti. Ma sono tenuto a verificare ciò che dici, nella lontana possibilità che sia vero.

    Quando venne solange nel mio studio con la sua storia assurda, molti mi dicevano “e se si è inventata tutto?”.
    Rispondevo: “se si è inventata tutto pazienza. Vorrà dire che avrò perso un po’ di tempo. Ma non si può rischiare di abbandonare una persona con una storia simile solo perchè “potrebbe” essere inventata.

    E allora, non si può trascurare di esaminare realtà alternative a quelle presentate dai media, se c’è in gioco la nostra vita, quella dei nostri figli.
    Anche perchè poi le prove si trovano, negli atti giudiziari, nei docuimenti storici.

    Poi, è chiaro… con il mio atteggiamento mi trovo spesso a fare i conti con persone che si inventano tutto e veri e propri mitomani.
    E’ di pochi giorni fa che abbiamo scoperto una persona che per mesi ci aveva preso in giro con una storia inesistente. Per mesi. Ore di lavoro, di telefonate, di lettura di etsti o documenti, di analisi dei telegionarnali e giornali.
    Per poi capire che era tutta una bufala e chje questa tipa, insieme a quello che diceva essere il suo fidanzato, si erano inventati tutto.

    Ma non rimpiango il tempo che ho perso. Avrei più rimpianti a pensare che potrei aver lasciato una persona in pericolo in difficoltà.

  43. Pensare che ci siamo solo noi nell’universo e rifiutare l’idea che esistano altri esseri viventi diversi fisicamente da noi è da imbecilli. Pure gli scienziati ammettono che questo è più che possibile, il che è tutto dire.
    M

  44. A proposito di UFO, c’é una considerazione particolarissima da fare.

    Al momento l’ufficialitá ne smentisce l’esistenza. Chi la sostiene viene come minimo messo nel branco del cospirazionisti, a volte peggio.

    Ma se un giorno all’improvviso ci svegliassimo con i dischi volanti sopra la testa e gli omini verdi in tuta blu pronti a fraternizzare con noi?

    Beh… allora all’improvviso il complottista diventerebbe chi a sosterrá che si tratta solo di una farsa, e che quelli sono solo esseri umani travestiti.

    Nell’ottica di ció, cosa pensare oggi di Steven Spielberg che fa tutti quei bei film sugli extraterrestri? E’ un cospirazionista?

  45. Caro Paolo ,non sono d’accordo su Travaglio e co. Parlare di massoneria è difficilissimo perchè la massoneria è un fenomeno segreto, imprendibile. E’ un potere occulto. ci vogliono inchieste specifiche che possono anche non interessare.
    Travaglio e Santoro sono giornalisti mainstream e non hanno tempo linguaggio e complessità per parlare di queste cose. Sono limitati, non in malafede.
    Dovresti saperlo che a parlare di Massoneria la gente non ti crede. E loro che hanno milioni di spettatori come fanno a spiegare la mASSONERIOA E I POTERI OCCULTI ?

    Vanni

  46. Anche le crisi finanziarie fanno parte dello stesso sistema, cioè sono create apposta per arrivare ad un unica banca mondiale (dei massoni) che farà sparire il denaro cartaceo lasciando solo quello elettronico, meglio controllabile.
    Così verranno finanziate solo le attività approvate dalla massoneria (armi, ogm, farmaci sintetici e sintomatici…), e tutti i nostri movimenti economici sarano registrati.

  47. saluti ,

    vorrei ricollegarmi al discorso dei colori della bandiera italiana .
    che siano colori rosacruciani possiamo accettarlo .
    quello che non ci è svelato dalla storia è chi si celi dietro i popoli orientali che ci vogliono far credere all’origine della civiltà .
    il motto , la luce viene da oriente è prettamente massone .
    torniamo ai colori .
    nella mitologia nordico germanica viene ricordata l’isola di Helgoland , punto di passaggio degli atlantidei verso l’Europa .
    ancor oggi esiste un vecchio proverbio dei Frisoni che dice …

    grun ist das Land ,
    weiss ist der strand ,
    rot ist die Kant ,
    das sind die farben von Hegoland.

    verde è la terra ,
    bianca è la spiaggia ,
    rossa è la falesia .
    questi sono i colori di Helgoland .

    la massoneria è strettamente connessa con l’ebraismo ,
    l’ebraismo è il lato oscuro della faccenda , storicamente non hanno una storia , solo mito .

  48. Al problema di accettare o meno “verita differenti” diverse interpretazioni della storia e dell’attualita, c’e anche alla base un discorso di conformismo.
    C’e chi accetta quello che gli viene detto (da tv e giornali)senza senso critico, ma anche quando gli si fanno presente le contraddizioni nelle notizie, nella storia, afferma che cmq va tutto bene cosi, si iscrivirebbe magari alla p2, per ottenere vantaggi di carriera ed economici.
    Questo nostro e un paese estremamente conformista,e di questi elementi c’e ne sono tanti.
    E cmq e’la posizione piu comoda da temere, perchè accettare tutto passivamente e predigerito è piu comodo che cercare di capire, studiare, sviluppare un senso critico.

  49. Devo ammettere che travaglio e santoro li consideravo come voci fuori dal coro,poi cominci a capire…anche se alcuni meriti ce li hanno

  50. E’ articolo molto denso ed articolato, sebbene credo che Icke stesso sia un agente. E’ forse inopportuno usare il termine “complottista”, neologismo che non amo e che indica un giudizio di valore. Io scriverei ricercatore versus negazionisti e deficienti.

    E’ una ricerca che, però, molti bolleranno come non documentata e delirante. Coloro pretendono sempre le fonti e prefetiscono una rassicurante e falsafonte ufficiale ad una verità che è davanti agli occhi e che non ha bisogno di conferme ufficiali.

    Cordiali saluti

  51. sui colori della bandiera sapevo che il significato “poetico” fosse certamente stato aggiunto dopo. Il rosso e il bianco come colori di Milano a cui fu aggiunto il verde colore dell’esercito.

    poi non capisco perchè gli atleti siano azzurri come i savoia..

  52. Stefania dice:

    “No, immagino che non ti basti.”

    E no che non basta. Senza nomi e fatti circostanziati una affermazione come quella che hai fatto e’ solo una sparata.

    E se non sei in grado di sostenerla con nomi e fatti vuol dire che non sai di cosa parli.

    Il complottismo crolla quando dal generico si passa ai dettagli… ecco che improvvisamente a quel livello rimangono in pochi a sapere cosa dire e i piu’ si arrampicano sugli specchi.

  53. @toni e chi per e come lui.

    Anche lo stesso Franceschetti, nella sua evidente ricerca di verità ed obbiettività, quando al paragrafo 6 ha scritto dei coinvolgimenti della chiesa nel grande compltto, si è un po’ censurato e non ha detto tutto, sarà per il suo passato da cattolico, sarà perchè anche chi non ce l’ha quel passato è comunque intriso fino alle radici dei propri nervi in quello che io personalmente ritengo sia il vero cancro della storia umana.
    Questo dimostra che comunque non esiste un complotto da parte di taluni nei confronti di altri, perche’ è di TUTTI che ha bisogno questo sistema per resistere nella sua “cancerogeneità” (tanto per proseguire nella metafora). D’altro canto TUTTI vogliono, inconsciamente, uscire dal sistema, primi fra tutti i partecipanti “attivi”. Ma sono questo atavico, ancestrale, tremendo senso di colpa e la paura della verità e della libertà che inducono a sostenere il complotto. Potremmo a ragione parlare di autocomplotto. Anzi, parliamo d’ora in poi di autocomplotto. Forse assumendoci le nostre responsabilità ne veniamo fuori. Psicanalisi in fabula……

    Segretius

  54. EtaBeta,
    mi sa che sei tu che non sai di cosa parli.
    Più volte abbiamo detto che in questo campo dare “prove” non significa nulla. Allora stai facendo lo stesso discorso di chi dice “Cogne o Meredith non sono omicidi della Rosa Rossa perché non ci sono le prove”.

    Quanto ai nomi. Cambierebbe qualcosa se facessi una lista di nomi? L’obiettivo non è quello, e l’abbiamo detto più volte. Sapere che Tizio o Caio o Sempronio sono dei massoni non è importante. E’ più importante conoscere il funzionamento del sistema.

    Non capisco perché tu e altri siete disposti ad accettare la spiegazione della massoneria senza particolari “prove” o “nomi”, mentre quando si va a toccare la Chiesa vi mettete sulla difensiva. Un pizzico di equidistanza e di onestà intellettuale in più non guasterebbe.

    Ai livelli alti, tutti fanno parte di questo sistema. Il Vaticano e la Chiesa non ne sono certo esenti. Se poi vuoi/volete continuare a pensare che i massoni sono brutti e cattivi, e il Vaticano è cosa buona, giusta e santa e non può essere coinvolto in questi complotti…

    Detto questo. Mai sentito parlare di una cosa chiamata IOR? Mai sentito parlare dei servizi segreti vaticani? Mai sentito parlare dei Cavalieri di Malta? E’ massoneria anche quella, sai? Poi puoi chiamarla come vuoi: massoneria, potere occulto, cavalieri… Ma la sostanza è la stessa.

  55. va bene, assodando che è tutto vero (ed io voglio pensare che sia così), la domanda che sorge spontanea è : che si fa?
    Che si può fare?
    Come si risolve il problema?
    C’è una soluzione?
    per il resto comprendo perfettamente quanto scritto da Marisol.

  56. X EtaBeta

    Negli articoli di questo blog abbiamo affrontato l’argomento Chiesa e massoneria diverse volte.

    Capisco che rintracciare gli articoli precedenti nel nostro blog, nonostante le etichette, non sia facile (ci stiamo organizzando per rendere il compito più agevole al lettore che per la prima volta accede al blog).

    Uno di questi articoli è http://paolofranceschetti.blogspot.com/2008/10/ior.html .

    Lì vi sono alcuni nomi, come altri nomi sono presenti nel libro da noi segnalato La morte del Papa a questo indirizzo: http://paolofranceschetti.blogspot.com/2008/11/la-morte-del-papa.html

    Ma, la di là, del fare una serie di nomi, od un elenco, ciò che tentiamo di fare scrivendo di questi argomenti è porre un punto di vista diverso al lettore il quale, lungi dal dover acriticamente credere a tutto quanto viene scritto (anche da noi, altrimenti passerebbe da un errore all’altro), ciò che auspichiamo è che si riappropri del senso critico, ovvero torni a porsi delle domande ed a cercare le risposte attingendo alle varie fonti disponibili (ed oggi ve ne sono).

    Ciò che oggi spesso succede, invece, è che il lettore diviene un contenitore da riempire con qualsiasi baggianata, lettore che registra senza porsi alcuna domanda.

    Comunque in questi articoli vi sono nomi e fatti. Per trovarne altri, comodamente, basta digitare alcune parole di ricerca su Google.

  57. Mi complimento per l’ottimo articolo di Franceschetti, che ambirei conoscere di persona quando si troverà a Roma, e per il lavoro fatto per la traduzione di ENDGAME.

    Vorrei adesso sottoporre alla vostra attenzione il lavoro di Jury Lina

    THE LIGHTBRINGERS: The Emissaries of Jahbulon (History of Freemasonry)

    Jury Lina è anche autrice dei libri:

    Architects of Deception

    Under the Sign of the Scorpion

    Riguardo i fatti del 11 settembre vi consiglio la visione del video

    September clues

    11 settembre 2001 – Inganno Globale

    Quando si parla di David Icke occorre prima ascoltare quello che dice senza preconcetti:

    I Segreti del Controllo Globale

    Big Brother, the Big Picture (July 6th 2008)

  58. riguardo alla pedofilia ecco un articoletto di Blondet (del quale varie volte non mi trovo a condividere le idee) di vari anni fa. All'epoca stavo timidamente iniziando a svegliarmi e ricordo che, tra coloro che cercavano notizie alternative, fece alquanto discutere. lo trovavo eccessivo.Oggi no. fornisce una visione applicabile in modo generalizzato:

    http://www.kattoliko.it/leggendanera/modules.php?name=News&file=article&sid=1063

    la vicenda vista nel contesto, legami con la massoneria (rosarossa ed è anche citata la ormai "famosa" villa dell'esperienza del prof.F) in un articolo a firma anche di Gennaro de Stefano (vedo che questo giornalista si è occupato molto di queste cose, chissà quante cose avrà s.coperto):

    http://www.gennarodestefano.it/art0347.asp

    ulteriore articolo, mischia pedofilia e pnl (progetto MK-ULTRA, citato anche dal prof.F sebbene in modo ironico);dobbiamo credere a tutto il suo contenuto?? mhà!…ricordo solamente che non poco tempo fa Dick Chaney durante una battutta di caccia sparò "involontariamente" ad un suo "amico":

    http://italy.indymedia.org/news/2005/07/830751.php

    PA

  59. Sul discorso pedofilia vi consiglio la lettura del libro:

    The Illuminati Formula Used to Create an Undetectable Total Mind Controlled

    La pedofilia è utilizzata sostanzialmente per programmare gli individui, come successo ad Arizona Wilder stuprata per anni dalla infame famiglia Bush:

    Arizona Wilder interviewed by David Icke

    Chi non supera la fase di programmazione viene offerto in sacrificio a Jabulon (Moloch, Baal, Bel-Zebu).

    Quelo che è successio a Rignano Flaminio è grosso modo simile a quanto riportato da questi autori.

    Inoltre la pedofilia su internet viene e verrà sempre più utilizzata per costruire false prove contro gli oppositori del Nuovo Ordine Mondiale. Per un esperto informatico è molto facile intrufolarsi in quello spyware-virus ambulante che è il sistema operativo che ben conoscete tutti. Il mio consiglio è di passare massivamente a Linux su distribuzioni come Ubuntu, Debian o Fedora che vanno molto bene e dispongono di un ambiente Office oramai paragonabile a quello fornito dal famoso monopolista informatico.

    Mi dispiace, ma questa è la pura e dura realtà. Svegliatevi finchè siete in tempo che presto tutte queste informazioni saranno rese inaccessibili dall’impero massonico.

  60. PER ETABETA E CHI COME LUI:
    LISTA DE MINO PECORELLI

    Albondi, Alberto. Obispo de Livorno, (Leghorn). Iniciado 8-5-58; I.D. # 7-2431.
    Abrech, Pio. En la Sagrada Congregación Obispos. 11-27-67; # 63-143.
    Acquaviva, Sabino. Profesor de Religión en la Universidad de Padua. 12-3-69; # 275-69.
    Alessandro, Padre Gottardi. (Doctor en las reuniones masónicas). Presidente de los Hermanos Maristas. 6-14-59.
    Angelini Fiorenzo. Obispo de Messenel, Grecia. 10-14-57; # 14-005.
    Argentieri, Benedetto. Patriarca de la Santa Sede. 3-11-70; # 298-A.
    Bea, Augustin. Cardenal. Secretario de Estado bajo los Papas Juan XXIII y Pablo VI. (Nota del editor: en realidad, alias de Behayim).
    Baggio, Sebastiano. Cardenal. Prefecto de la Sagrada Congregación de los Obispos. (Ésta es una Congregación crucial para el nombramiento de nuevos obispos). Secretario de Estado bajo el Papa Juan Pablo II desde 1989 a 1992. 8-14-57; # 85-1640. Nombre en clave masónica “SEBA.” El controla la consagración de Obispos.
    Balboni, Dante. Ayudante pontificio en el Vaticano. Comisión para estudios bíblicos. 7-23-68; # 79-14 “BALDA.”
    Baldassarri Salvatore. Obispo de Rávena, Italia. 2-19-58; # 4315-19. “BALSA.”
    Balducci, Ernesto. Artista de imágenes religiosas. No dejan ningún detalle. 5-16-66; # 1452-3.
    Basadonna, Ernesto. Prelado de Milán, 9-14-63; # 9-243. “BASE.”
    Batelli, Guilio. Miembro seglar de numerosas academias científicas. 8-24-59; # 29-A. “GIBA.”
    Bedeschi, Lorenzo. 2-19-59; # 24-041. “BELO.”
    Belloli, Luigi. Rector del Seminario de Lombardia, Italia. 4-6-58; # 22-04.
    Belluchi, Cleto. Obispo Coadjutor de Fermo, Italia. 6-4-68; # 12-217.
    Bettazzi, Luigi. Obispo de Ivera, Italia. 5-11-66; # 1347-45. “LUBE.”
    Bianchi, Ciovanni. 10-23-69; # 2215-11. “BIGI.”
    Biffi, Franco, Monseñor. Rector de la Universidad Pontificia de la Iglesia de San Juan lateranense. Es el director de esta universidad y controla lo que está siendo enseñado. Confesaba a Pablo VI. 8-15-59. “BIFRA.”
    Bicarella, Mario. Prelado de Vicenza, Italia. 9-23-64; # 21-014. “BIMA.”
    Bonicelli, Gaetano. Obispo de Albano, Italia. 5-12-59; # 63-1428, “BOGA.”
    Boretti, Giancarlo. 3-21-65; #0-241. “BORGI.”
    Bovone, Alberto. Secretario sustituto de la Oficina sagrada. 3-30-67; # 254-3. “ALBO.”
    Brini, Mario. Arzobispo. Secretario para China, Oriente y los paganos. Miembro de las Comisiones pontificias para Rusia. Tiene el control de la reelaboración del Derecho Canónico. 7-7-68; # 15670. “MABRI.”
    Bugnini, Annibale. Arzobispo. Autor del Novus Ordo Missae. (Reforma litúrgica). Desterrado a la nunciatura en Irán por Pablo VI. 4-23-63; # 1365-75. “BUAN.”
    Buro, Michele. Obispo. Prelado de la Comisión Pontificia para Sudamérica. 3-21-69; # 140-2. “BUMI.”
    Cacciavillan, Agostino. Secretaría de Estado. 11-6-60; # 13-154.
    Cameli, Umberto. Director de la Oficina de Asuntos eclesiásticos de Italia en el cuidado de la educación de la doctrina católica. 11-17-60; # 9-1436.
    Caprile, Giovanni. Director de los Asuntos Civiles Católicos. 9-5-57; # 21-014. “GICA.”
    Caputo, Giuseppe. 11-15-71; # 6125-63. “GICAP.”
    Casaroli, Agostino. Cardenal. Secretario de Estado con el Papa Juan Pablo II desde el 1 de julio de 1979 hasta su retiro en 1989. 9-28-57; # 41-076. “CASA.”
    Cerruti, Flaminio. Jefe de la Oficina de la Universidad para el estudio de las Congregaciones. 4-2-60; # 76-2154. “CEFLA.”
    Ciarrocchi, Mario. Obispo. 8-23-62; # 123-A. “CIMA.”
    Chiavacci, Enrico. Profesor de Teología Moral, Universidad de Florencia, Italia. 7-2-70; # 121-34. “CHIE.”
    Conte, Carmelo. 9-16-67; # 43-096. “CONCA.”
    Csele, Alessandro. 3-25-60; # 1354-09. “ALCSE.”
    Dadagio, Luigi. Nuncio de Papa en España. Arzobispo de Lero. Un buen elemento. Artífice de la “revolución” en la Iglesia española. Se mostró especialmente sádico y rastrero con el General Franco en sus últimos años de enfermedad y vejez. 9-8-67. # 43-B. “LUDA.”
    D’Antonio, Enzio. Arzobispo de Trivento. 6-21-69; # 214-53.
    De Bous, Donate. Obispo. 6-24-68;# 321-02. “DEBO.”
    Del Gallo Reoccagiovane, Luigi. Obispo.
    Del Monte, Aldo. Obispo de Novara, Italia. 8-25-69; # 32-012. “ADELMO.”
    Faltin, Danielle. 6-4-70; # 9-1207. “FADA.”
    Ferraioli, Giuseppe. Miembro de la Sagrada Congregación para Asuntos Públicos. 11-24-69; # 004-125. “GIFE.”
    Franzoni, Giovanni. 3-2-65; # 2246-47. “FRAGI.”
    Gemmiti, Vito. Sagrada Congregación de Obispos. 3-25-68; # 54-13. “VIGE.”
    Girardi, Giulio. Teólogo marxista. Propagandista de la “Teología” de la Liberación. 9-8-70; # 1471-52. “GIG.”
    Fiorenzo, Angelinin. Obispo. Título de Comendador del Espíritu Santo. Vicario General de los Hospitales de Roma. Controla las fundaciones de los hospitales. Consagrado obispo el 7-19-56; iniciación masónica el 10-14-57.
    Giustetti, Massimo. 4-12-70; # 13-065. “GIUMA.”
    Gottardi, Alessandro. Procurador y Postulador General de los hermanos Maristas. Arzobispo de Trento. 6-13-59; # 2437-14. “ALGO.”
    Gozzini, Mario. 5-14-70; # 31-11. “MAGO.”
    Grazinai, Carlo. Rector del Seminario Menor del Vaticano. 7-23-61; # 156-3. “GRACA.”
    Gregagnin, Antonio. Tribuno de las Primeras Causas de beatificación. 10-19-67; # 8-45. “GREA.”
    Gualdrini, Franco. Rector de Capranica. 5-22-61; # 21-352. “GUFRA.”
    Ilari, Annibale. Abad. 3-16-69; # 43-86. “ILA.”
    Laghi, Pio. Nuncio, Delegado Apostólico en Argentina,y después en EE.UU. hasta 1995. 8-24-69; # 0-538.”LAPI.”
    Lajolo, Giovanni. Miembro del Concilio de Asuntos Públicos de la Iglesia. 7-27-70; # 21-1397. “LAGI.”
    Lanzoni, Angelo. Jefe de la Oficina de la Secretaría de Estado. 9-24-56; # 6-324. “LANA.”
    Levi, Virgillio (alias Levine), Monsignor. Director Asistente del periódico oficial del Vaticano, L’Osservatore Romano. Director de Radio vaticana. 7-4-58; # 241-3. “VILE.”
    Lozza, Lino. Canciller de la Academia romana de Santo Tomás de Aquino para la Religión católica. 7-23-69; # 12-768.
    Lienart, Achille. Cardenal. Gran Maestro masón de alto grado. Obispo de Lille, Francia. Encargado de reclutar nuevos masones. Fue el jefe de las fuerzas “progresistas” en el Concilio Vaticano II.
    Macchi, Pasquale. Cardenal. Prelado de Honor y Secretario Privado del Papa Pablo VI y Secretario Privado hasta que fue excomulgado por herejía. Fue reintegrado por el Secretario de Estado Jean Villot, y hecho Cardenal. 4-23-58; # 5463-2. “MAPA.”
    Mancini, Italo. Director de Su Santidad. 3-18-68; # l551-142. “MANI.”
    Manfrini, Enrico. Consultor agregado de la Comisión Pontificia de Arte Sagrado. 2-21-68; # 968-c. “MANE.”
    Marchisano, Francesco. Prelado de Honor del Papa. Secretario de la Congregación para los estudios en Seminarios y Universidades. 2-4-61; 4536-3. “FRAMA.”
    Marcinkus, Paul. Natural de Cicero, Illinois. 1, 90 metros de altura. Presidente del Instituto de enseñanza Religiosa. 8-21-67; # 43-649. Llamado con el espiritual apodo de “GORILA”. Culpable de los delitos y escándalos financieros de finales de los 70. Inmortalizado en la tercera parte de “El Padrino”. Nombre en clave “MARPA.”
    Marsili, Saltvatore. Abad de la Orden de San Benedicto de Finalpia cerca de Módena, Italia. 7-2-63; # 1278-49. “SALMA.”
    Mazza, Antonio. Obispo Titular de Velia. Secretario General del Año Santo. 1975. 4-14-71. # 054-329. “MANU.”
    Mazzi, Venerio. Miembro del Concilio de Asuntos Públicos de la Iglesia. 10-13-66; # 052-s. “MAVE.”
    Mazzoni, Pier Luigi. Congregación de Obispos. 9-14-59; # 59-2. “PILUM.”
    Maverna, Luigi. Obispo de Chiavari, Genoa, Italia. Asistente general de la Acción Católica italiana. 6-3-68; # 441-c. “LUMA.”
    Mensa, Albino. Arzobispo de Verrcelli, Piamonte, Italia. 7-23-59; # 53-23. “MENA.”
    Messina, Carlo. 3-21-70; # 21-045. “MECA.”
    Messina, Zanon (Adele). 9-25-68; # 045-329. ” AMEZ.”
    Monduzzi, Dino. Regente para la Prefectura de la Casa Pontificia. 3-11 -67; # 190-2. “MONDI.”
    Mongillo, Daimazio. Profesor dominico de Teología Moral, Instituto de los Santos Ángeles de Roma. 2-16-69; # 2145-22. “MONDA.”
    Morgante, Marcello. Obispo de Ascoli Piceno en Italia Oriental. 7-22-55; # 78-3601. MORMA.”
    Natalini, Teuzo. Vicepresidente de los Archivos de la Secretaría del Vaticano. 6-17-67; # 21-44d. “NATE.”
    Nigro, Carmelo. Rector del Seminario Pontificio de Estudios Mayores. 12-21-70; # 23-154. “CARNI.”
    Noe, Virgillio. Cabeza de la Sagrada Congregación del Culto Divino. Él y Bugnini pagaron a 6 ministros protestantes y un rabino judío para que elaboraran el Nuevo Orden de la Misa (Novus Ordo Missae). 4-3-61; # 43652-21. “VINO.”
    Palestra, Vittorie. Consejero legal de la Sagrada Rota del estado Vaticano. 5-6-43; # 1965. “PAVI.”
    Pappalardo, Salvatore. Cardenal. Arzobispo de Palermo, Sicilia 4-15-68; # 234-07. “SALPA.”
    Pasqualetti, Gottardo. 6-15-60; # 4-231. “COPA.”
    Pasquinelli, Dante. Consejo del Nuncio en Madrid. 1-12-69; # 32-124. “PADA.”
    Pellegrino, Michele. Cardenal. Llamado “Protector de la Iglesia”, Arzobispo de Turín, donde se custodia la Sábana Santa de Jesús). 5-2-60; # 352-36. “PALMI.”
    Piana, Giannino. 9-2-70; # 314-52. “GIPI.”
    Pimpo, Mario. Vicario de la Oficina de Asuntos Generales. 3-15-70; # 793-43. “PIMA.”
    Pinto, Monseñor Pío Vito. Adjunto de la Secretaría de Estado y Notario de la Segunda Sección del Tribunal Supremo de la Signatura Apostólica.. 4-2-70; # 3317-42. “PIPIVI.”
    Poletti, Ugo. Cardenal. Vicario de S.S. Diocesis de Roma. Controla el clero de Roma desde 3-6-73. Miembro de la Sagrada Congregación de los sacramentos y del Culto Divino. Él es Presidente de los Trabajos Pontificios y de la preservación de la Fe. También Presidente de la Academia de Liturgia. 2-17-69; # 32-1425. “UPO.”
    Rizzi, Monseñor Mario. Sagrada Congregación de Ritos Orientales. Nombrado como “Prelado Obispo de Honor del Santo Padre, el Papa”. Trabaja bajo la órdenes del masón de alto grado Mario Brini en la manipulación del Canon de Leyes. 9-16-69; # 43-179. “MARI,” “MONMARI.”
    Romita, Florenzo. Estaba en la Sagrada Congregación del Clero. 4-21-56; # 52-142. “FIRO.”
    Rogger, Igine. Oficial en S.S. (Diócesis de Roma). 4-16-68; # 319-13. “IGRO.”
    Rossano, Pietro. Sagrada Congregación de Religiones no-cristianas. 2-12-68; # 3421-a. “PIRO.”
    Rovela, Virgillio. 6-12-64; # 32-14. “ROVI.”
    Sabbatani, Aurelio. Arzobispo de Iustiniana (Giusgno, Milar Province, Italia). Primer Secretario de la Signatura Superior Apostólica. 6-22-69; # 87-43. “ASA”
    Sacchetti, Guilio. Delegado del Gobernador Marchese. 8-23-59; # 0991-b. “SAGI.”
    Salerno, Francesco. Obispo. Prefecto Atti. Eccles. 5-4-62; # 0437-1. “SAFRA”
    Santangelo, Franceso. Substituto General del Consejo de defensa Legal.. 11-12-70; # 32-096. “FRASA.”
    Santini, Pietro. Viceoficial de la Vicaría. 8-23-64; # 326-11. “SAPI.”
    Savorelli, Fernando. 1-14-69; # 004-51. “SAFE.”
    Savorelli, Renzo. 6-12-65; # 34-692. “RESA.”
    Scanagatta, Gaetano. Sagrada Congregación del Clero. Miembro de la comisión de Pomei y Loreto, Italia. 9-23-71; # 42-023. “GASCA.”
    Schasching, Giovanni. 3-18-65; # 6374-23. “GISCHA,” “GESUITA.”
    Schierano, Mario. Obispo titular de Acrida (Acri en la provincia de Cosenza, Italia.) Capellán militar jefe de las Fuerzas Armadas Italianas. 7-3-59; #14-3641. “MASCHI.”
    Semproni, Domenico. Tribunal de la Vicaría del vaticano. 4-16-60; # 00-12. “DOSE.”
    Sensi, Giuseppe Mario. Arzobispo titular de Sardi (Asia Menor, cerca de Esmirna). Papal Nunzio to Portugal. 11-2-67; # 18911-47. “GIMASE.”
    Sposito, Luigi. Comisión de los Archivos Pontificios para los Archivos de la Iglesia en Italia. Administrador Jefe de la Sede apostólica del Vaticano.
    Suenens, Leo. Cardenal. Título: Protector de la Iglesia de San Pedro Encadenado, en el exterior de Roma. Promueve el Pentecostalismo Protestante (carismáticos). Destructor de muchos dogmas de la Iglesia cuando trabajaba en las tres Sagradas Congregaciones: 1) Propagación de la Fe; 2) Ritos y ceremonias litúrgicos; 3) Seminarios. 6-15-67; # 21-64. “LESU.”
    Trabalzini, Dino. Obispo de Rieti (Reate, Peruga, Italia). Obispo auxiliar del Sur de Roma. 2-6-65; # 61-956. “TRADI.”
    Travia, Antonio. Arzobispo titular de Termini Imerese. Encargado de las escuelas católicas. 9-15-67; # 16-141. “ATRA.”
    Trocchi, Vittorio. Secretario para seglares católicos en el Consistorio del Estado Vaticano. 7-12-62; # 3-896. “TROVI.”
    Tucci, Roberto. Director General de Radio Vaticana. 6-21-57; # 42-58. “TURO.”
    Turoldo, David. 6-9-67; # 191-44. “DATU.”
    Vale, Georgio. Sacerdote. Oficial de la Diócesis de Roma. 2-21-71; # 21-328. “VAGI.”
    Vergari, Piero. Jefe de la Oficina de protocolo de la Signatura vaticana. 12-14-70; # 3241-6. “PIVE.”
    Villot, Jean. Cardenal. Secretario de Estado con el papa Pablo VI. Fue Camarlengo. “JEANNI,”; “ZURIGO.”
    Zanini, Lino. Arzobispo titular de Adrianópoli, que está en Adrianopolis, Turquía. Nuncio Apostólico.

    in italiano non l’ho trovata…
    cmq è la lista pecorelli, ovvero un lista di persone coinvolte a vari livelli con la massoneria…

    PECORELLI E’ MORTO PER QUESTO, la lista arrivò a Papa LUCIANI che sappiamo che fine ha fatto

  61. Chiedo anticipatamente scusa se il mio commento potrà sembrare una speculazione. Non lo è; serve solo ad aprire le menti e a guardare le cose per come stanno.
    Ho letto i commenti riguardanti la pedofilia, nonchè gli articoli linkati dai vari lettori sul caso Dutroux.
    Questa è una vicenda triste e agghiacciante, come possono esserlo tutti i casi di pedofilia di cui si sente parlare.
    Ma la cosa che mi fa più incazzare, è l’ipocrisia di certi uomini di chiesa o di certi fedeli della chiesa romana!
    Queste persone fanno un’operazione squallida e sono degne di essere considerate la peggior feccia dell’umanità: e cioè, sfruttano casi come quello di Dutroux per fare l’equivalenza Pedofilia=Satanismo.
    Per cui, il messaggio che vogliono far passare (consciamente o inconsciamente) è che i pedofili sono tutti satanisti, e la chiesa è il loro principale oppositore. Mascherando una verità che è ancora più agghiacciante: e cioè che i pedofili non sono tutti “servitori di satana”, ma spesso sono anche “servitori di dio”. E mi riferisco ai preti pedofili, uno scandalo che ha fatto fatica (e fa ancora fatica) a emergere; e non si tratta di pochi episodi, ma di innumerevoli casi in tutto il mondo! E tra i principali insabbiatori di questi casi c’è proprio il “rappresentante di dio in terra”, Joseph Ratzinger, che all’epoca era cardinale, emise un ordine per garantire il segreto delle indagini della chiesa sugli abusi sessuali (http://www.uaar.it/news/2007/05/18/piano-ratzinger-per-nascondere-pedofili/). E chi cerca di nascondere un reato è giuridicamente complice.
    Ora non voglio affermare che tutti i preti siano pedofili, nè che tutti i cattolici siano complici; sarebbe stupido accusare tutta una comunità solo perchè ci sono delle mele marce al suo interno.
    Ma, ribadisco, mi fa incazzare chi vuole far credere che i pedofili sono cattivi e satanisti e i cattolici sono buoni e anti-pedofili. Non era proprio Gesù il cristo a dire di guardare la trave nel proprio occhio?
    Ci sono mostri satanisti e mostri cattolici… e sicuramente anche mostri ebrei, musulmani, atei, induisti, buddhisti o quant’altro. Più che altro, una persona saggia sa che i mostri e gli eroi prescindono dalle religioni, dai partiti politici o dalle associazioni varie. Così come gli ipocriti, che vogliono spacciarsi per eroi ma intanto tacciono sugli orrori commessi proprio dall’associazione di cui fanno parte (in questo caso, la chiesa cattolica).

  62. Stefania dice

    “Più volte abbiamo detto che in questo campo dare “prove” non significa nulla.”

    Dare prove invece significa essere credibili.

    ” Allora stai facendo lo stesso discorso di chi dice “Cogne o Meredith non sono omicidi della Rosa Rossa perché non ci sono le prove”.

    Direi proprio di si: mi sembra un discorso piu’ che sensato. Si possano fare delle congetture, rilevare dei fatti e collegarli… ma da li’ alla ragionevole certezza ce ne passa.

    “Quanto ai nomi. Cambierebbe qualcosa se facessi una lista di nomi?”

    Si. Passeresti da una affermazione generica e infondata ad una precisa e supportata da fatti e notizie.
    Ma sei in grado di farli o no?

    “E’ più importante conoscere il funzionamento del sistema.”

    su questo concordo.

    “Non capisco perché tu e altri siete disposti ad accettare la spiegazione della massoneria senza particolari “prove” o “nomi”, mentre quando si va a toccare la Chiesa vi mettete sulla difensiva.”

    Non e’ cosi’. Anche se per la Chiesa ho un affetto profondo e mi sta a cuore, in ogni caso se tu dicessi “tutti gli alti gradi massoni complottano” ti muoverei le stesse obiezioni.

    Nella Chiesa, per definizione, ci sono santi e peccatori ad ogni livello.

    “..IOR?”

    Si. Una vicenda gravissima. Li i fatti sono accertati anche dal punto di vista giudiziario.

    “…servizi segreti vaticani?”

    un po’ di intelligence in tonaca ci sara’ di sicuro. Che abbiano fatto reati e’ da dimostrare.

    “…Cavalieri di Malta? E’ massoneria anche quella, sai?”

    Mi risulta che sia un ordine religioso cavalleresco riconosciuto dalla Chiesa. Un mio amico ne fa parte ed e’ una persona ottima. Approfondiro’ con lui.
    Conosci fatti che dimostrano che sia un massoneria? testimonianze?

  63. Sui Cavalieri di Malta, un uccellino mi disse che quando la P2 fu messa fuori legge attraverso la legge Anselmi parte della loggia si trasferì proprio nei C.d.M. e l’altra nella Universal Lodge. Sempre lo stesso uccellino mi disse che i C.d.M. controllano il FMI e quindi i flussi economici mondiali. I C.d.M sono diventati di fatto quello che erano i Templari prima che fossero sterminati dalla Chiesa Cattolica. Mi risulta che anche Gelli fu membro dei C.d.M. come del resto Silvio Berlusconi (ex P2) e suo figlio Luigi sono connessi a questa sorta di massoneria bianca.

  64. Complimenti per l’articolo!

    x Abate Vella:
    “I Borbonici erano tra i piú agguerriti nemici della massoneria”

    A Parma (ramo Borbone Parma), dove sono nato e vissuto per 30 anni, come penso anche a Napoli (ramo Borbone Napoli), esiste l’Ordine Costantiniano di San Giorgio…

    Non è massoneria anche questa (l’ex-presidente del Consiglio Generale di Amministrazione dell’Ordine di Parma è tale Calisto Tanzi)?

    Aggiungo che, per chi vuole fare “turismo massonico” a Parma, consiglio:
    – Parma, Chiesa Magistrale di Santa Maria della Steccata, Museo dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio, http://www.museocostantinianodellasteccata.it/home.php
    – Compiano (Pr), Castello di Compiano, Museo Massonico Internazionale Orizzonti Massonici, http://www.castellodicompiano.it/

    Christian

  65. IL POTERE MILITARE E’GLOBALIZZATO…
    GLI STATI NN ESISTONO E NN SONO MAI ESISTITI…
    GLI STATI DEL MONDO SONO SOLO DELLE PROVINCE O MEGLIO DEI DISTRETTI IL CUI UNICO SCOPO E’ SERVIRE L’ IMPERO CENTRALE SITO IN INGHILTERRA.

    APPARENTEMENTE GLI STATI SI COMBATTONO, SI ALLEANO, SI SCIOLGONO, SI CREANO MA SONO TUTTI GUIDATI DAL POTERE CENTRALE CHE LI UTILIZZA A PROPRIO PIACERE NELLO SCACCHIERE INTERNAZIONALE COME UN RISIKO MACROSCOPICO.

    GLI APPARATI MILITARI HANNO TUTTI GLI STESSI SIMBOLI DA SEMPRE, FANNO QUASI TUTTI IL PASSO DELL’ OCA, HANNO LE STESSE MODALITA’ OPERATIVE, RISPETTANO LE STESSE GERARCHIE E GLI STESSI VALORI, SONO L’ ESSENZA DELLO STESSO SPIRITO SATANICO ATTO A CONTROLLARE LE RIVOLTE POPOLARI E TENERE I POPOLI SOTTOMESSI…

    AD ALTI LIVELLI COMUNICANO E FANNO STRATEGIE COMUNI OGNUNA ATTA A REPRIMERE LA VERITA’ E LA GIUSTIZIA…

    IL POTERE E’ UNO SOLO ED APPARTIENE ALLA CORONA INGLESE CHE ESERCITA IL CONTROLLO MONDIALE ATTRAVERSO I SOLDATI (ETIMOLOGICAMENTE DEVOTI)E ATTRAVERSO GLI STATI=DISTRETTI UTILIZZA LA MILIZIA X REPRIMERE GLI UOMINI…

    LA CHIESA SERVE SATANA E CORROMPE LE ANIME, LA MILIZIA INTERVIENE QUANDO IL MIND CONTROL RELIGIOSO NN BASTA A PLACARE LE ANIME, LE BANCHE SERVONO A CONTROLLARE E CREARE O ELIMINARE IL POTERE ECONOMICO A SECONDA DELLE NECESSITA’…

    LE TRE MADRI SONO TRE TENTACOLI DELLA STESSA TESTA…
    LA TESTA E’ UNA TESTA DI DONNA CON LA CORONA SUL CAPO E UNA ROSA ROSSA IN MANO…

    PER NOI, SERVI DEI SERVI, RIMANGONO SOLO LE SPINE…

    ^^^MAESTRO DI DIETROLOGIA^^^

  66. A me sembrava che i Savoia avessero fatto combutta con i Borboni ai tempi dell’unità d’Italia, e che anche attualmente mantengano con la città di Napoli un rapporto “privilegiato”. Però magari mi sbaglio.

  67. Leggermente fuori tema, vorrei chiedervi: perchè ci vogliono riempire di inceneritori quando esistono i modi per riutilizzare i rifiuti? perchè ci vogliono regalare le centrali atomiche come se fossero sicure?
    sono complotti?
    Perchè, e questo forse lo so, non si usa il metodo Kousmine per curare le persone dalle malattie?
    è un complotto finanziario (case farmaceutiche)? non si curano di uccidere famiglie di persone che si passano i tumori…?
    Spiego: ho il diabete da 6 anni e seguo da un anno il blog di stefano montanari…
    gemma

  68. @Daniele

    premessa:io sono agnostico (per qul poco che importi)

    “i servitori di Dio” pedofili, tutto sono tranne che quello. Se servono, oltre il loro malato piacere, servono qualcun altro (se esiste).

    “l’esercito pagato” della chiesa, inquanto tale, è ovvio che difenda i propri “soldati”…che ti aspetti, scusa?.
    Qui spesso ci si accapiglia sulla chiesa. Io ho cercato di costruirmi un semplice schemino mentale.

    Esiste il pensiero filosofico dell’amore e dell’accoglienza. E’ li a disposizione di tutti, qualunque religione se ne stacchi un pezzetto e lo “traduca” secondo il proprio linguaggio potenzialmente fa del bene. E’ una vetta, qualunque strada onesta porti a quella vetta è ok.

    Poi, nel caso specifico, esistono: la chiesa e la Chiesa.

    La prima è “l’esercito pagato” e autoreferenziale (il suo passato parla per se’…nel bene ma soprattutto nel male), come esercito difende i propri “soldati”…scusa ma che ti aspettavi?

    La seconda è la Chiesa fatta di persone che credono in quel pensiero che dicevo pocanzi e cercano di viverci e di applicarlo più che possono.

    Chi obbedisce ciecamente alla chiesa fa parte della Chiesa? la chiesa dice di sì. Io la risposta non ce l’ho, ma magari può provare ad “ascoltare” ciò che sente, dentro intendo.

    Ho postato il link sul caso belga perchè gia qui se ne era parlato. E perchè volevo riportare quello, punto. Non credo che così facendo , senza controbilanciare con un link sui preti significhi che si cerca di scagionare la chiesa. Ma chi se ne frega che indaghino e li arrestino tutti, tutti i pedofili senza distinzione alcuna.
    Scusate ma mi sembrano le chiarificazioni che tutti devono fare in tv quando si parla di ebrei. metti un link e subito, “ma perchè non hai messo questo allora?!?”…che noia.

    Si riporta un fatto, punto.

    PA

  69. Ecco un modo per fare disinformazione!Paolo troppo moralista! E’ possibile la fonte delle verità siano le sue certezze.E’ dominato dai suoi convincimenti,sempre soggettivamente invincibili.

  70. EtaBeta

    Ora che hai quei nomi sei contento? Ti senti soddisfatto? E’ cambiato qualcosa dopo che hai saputo che Tizio e Caio erano collusi con la massoneria? E dunque?

    Dici che leggi il blog da tempo, ma evidentemente non ne hai colto l’essenza.
    Guarda, “approfondire il tema Cavalieri di Malta con uno che ne fa parte”, è come approfondire il tema Rosa Rossa con un massone. Cosa pensi che ti dica? A quale “rivelazione” pensi che ti porti parlare dei CdM con un CdM?

    Non dubito che il tuo amico sia una brava persona. Ma questo che siginifica? Anche i massoni dei gradi inferiori sono spesso brave persone e non sanno cosa combinano ai piani alti.
    E’ ovvio che se lui ne fa parte ed è in buona fede, ti parlerà benissimo del suo ordine. Come è ovvio che un massone dei gradi bassi che non sa cosa fanno i gradi alti, ti parlerà benissimo della massoneria. Non mi sembra così difficile da capire.

    I Cavalieri di Malta non sono massoneria secondo te? Te l’ho detto: puoi chiamarli come vuoi, per me è indifferente. Ci mettiamo a fare sottili distinguo come quelli che dicono “eh no, non puoi parlare di massoneria riferendoti ai rosacroce”, oppure “eh no, esistono i rosacrociani e i rosicruciani, che sono due cose diverse”. Ma stiamo scherzando?

    In secondo luogo. Devo ricordarti alcuni nomi di Cavalieri di Malta “illustri”? Mah, non so… Gelli, Sindona, Ortolani, Borghese. Tanto per dirne alcuni. Gente che non conta nulla nella storia d’Italia eh.

    Dici che lo IOR è una vicenda gravissima. Lo IOR non è una “vicenda”. Lo IOR è l’istituto bancario in cui avvengono i traffici più illeciti di denaro sporco.

    Tornando ai Cavalieri di Malta. Non sono solo un’ordine cavalleresco riconosciuto dalla Chiesa. Sono l’unico ordine cavalleresco ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa, insieme all’Ordine del Santo Sepolcro. Chiediti perché (considerando che maneggiano denaro dalla mattina alla sera).
    I CdM svolgono missioni diplomatiche per conto del Vaticano e, cosa più importante, godono dell’extraterritorialità. Anche qui, chiediti perché.

    Lasciamo perdere poi il modo in cui definisci i servizi segreti vaticani, perché si commenta da solo. “Un po’ di intelligence in tonaca”. Ma credi davvero a quello che scrivi?

    Per il resto. Ho sempre detto che ogni organizzazione e istituzione è fatta da uomini. Ed è proprio per questo che ti dico che ai livelli alti sono tutti complici. Perché per il funzionamento del sistema occorre che ognuno abbia il suo ruolo e che tutti siano d’accordo. Sono POTERI. Basta questa piccola semplice parola.

    Ma tant’è. “Approfondisci” con il tuo amico Cavaliere di Malta. Vedrai che farai un grande passo avanti.

  71. Innanzitutto una precisazione, credo che si debba parlare di cospirazionisti e non di complottisti. I complottisti o cospiratori sono coloro che fanno il complotto mentre i cospirazionisti sono coloro i quali svelano e tolgono il velo alla cospirazione. Da quello che si può leggere dai commenti è difficile catalogare le persone che si seguono queste vicende, il gruppo è più eterogeneo e i cretini può sono molti di più.
    Detto questo, sono d’accordo con quanto scritto nell’articolo anche se non si possono certamente capire le teorie di Icke, che non sono sue, sono molto più vecchie di quanto la gente pensi, senza riflettere sulle teorie nate dalla fisica quantistica. Il mondo che osserviamo ci è dato dai nostri sensi che sono limitati. Riusciamo a vedere tutto ciò che esiste tra le bande dell’infrarosso e l’ultravioletto. E’ tutto all’interno di queste lunghezze d’onda?

    P.S.
    Il video è pessimo ma da un d.j. non posso aspettarmi di più.

  72. @EtaBeta,Stefania, ecc

    io invece conosco una famiglia con diversi membri appartenenti ai cavalieri del santo sepolcro.

    da loro di tutto ho saputo tranne informazioni sull’ordine. a sentire loro non fanno altro che fare del bene tutto il giorno, poveri, chiese e scuole in africa, vaccinazioni ecc…

    io però li vedo sempre diventare più ricchi (ma di parecchio), in famiglia tutti lo stesso lavoro, incarichi a go go. L’unica cosa che dicono a riguardo “se il Signore vuole così”, “come il Signore ha voluto”, “grazie alla misericordia del Sig” ecc.

    Ma dico io, “ma caxxo Sig, guarda pure da altre parti!” (dite che che sarà invidia? ahahaha)

    a parte gli scherzi Stefania qualcosina su sti benedetti (in tutti i sensi) cavalieri del s.s. è possibile saperla? è uno dei pochi ordini su cui in rete si trova quasi tutto in termini positivi. Avremo mica davvero trovato i veri santi laici? eddimmela qualcosina se la sai

    grazie

    PA

  73. Calma signori,
    quando Nimrod scaglierà la sua freccia contro il cielo,
    NWOva Torre di Babele crollerà in un ora come la precedente.
    Sono ebrei, dovrebbero saperle queste cose.

  74. In EndGame 1/14, intorno a 03:40, un tizio ispirato grida “la risposta a 1984 è 1776”.

    Deve aver capito tutto del 1776 questo signore! :)))

  75. @ PA
    Scusa se il mio può esserti sembrato un attacco personale; non era assolutamente quella la mia intenzione!
    Il mio era uno sfogo più generale, perchè cercando notizie sul caso Dutroux mi sono imbattuto anche in persone che cercano di sviare la discussione sul dualismo pedofilia-chiesa cattolica. Il mio era un attacco verso quelle persone, non verso te che hai semplicemente postato un link; anzi ti ringrazio del link, che è sicuramente servito a farci conoscere cose nuove!
    Mi dispiace che il mio commento possa essere sembrato un accusa verso te, l’ipocrita non sei tu, e ovviamente non ti chiedo di parlare di tutto!

    P.S. è ovvio che non ritengo che i preti pedofili siano servitori di dio (per quanto questa espressione possa avere senso), è per questo che ho usato le virgolette; però Ratzinger è un capo di Stato, che si è macchiato di un grave crimine proteggendo dei criminali: se Napolitano nascondesse un pedofilo italiano, non dovremmo ritenere Napolitano una persona spregevole?

  76. @ Scuritox

    come ti è già stato risposto quello strano signore è Alex Jones, l’autore del documentario

    non capisco se sei ironico nel dire che quel signore ha capito tutto..

    perchè credo che la frase vada interpretata così…

    la risposta a “1984” (io lo intendo riferito a Orwell) è il 1776 (data “ufficiale” di creazione degli Illuminati)

  77. @Daniele

    non c’è bisogno di scusarsi..capisco il tuo sfogo sulla questione.

    spesso usiamo lo spazio dei commenti come un forum o quasi come una chat…inevitabilmente a volte ci si fraintende leggermente ma guardiamo tutti dalla stessa parte, credo.

    PA

  78. Ottima Ginevra! Grazie.

    Dimenticavo, sui Cavalieri di Malta: oltre a godere dell’extraterritorialità, sono anche membri osservatori dell’Assemblea Generale dell’ONU, che non è una cosa da poco.

    Pio XII nominò una commissione per sopprimere l’ordine. Ma poi arrivò quel gran simpaticone di Giovanni XXIII, che il 24 giugno (San Giovanni Battista, patrono dei CdM ma anche della massoneria… guarda caso) ricevette in Vaticano una rappresentanza dei Cavalieri di Malta e annunciò di voler sopprimere la commissione e approvare le costituzioni dell’ordine.

    Sull’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (è il nome completo) non so molto, a parte quel poco che si trova su internet.
    Il Gran Maestro è un cardinale.
    E’ appunto l’unico ordine cavalleresco ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa, insieme ai CdM.
    Dell’Ordine del Santo Sepolcro hanno fatto parte i soliti Gelli e Ortolani.

    Roberto,
    la serie Millennium ce l’hai in dvd?

  79. La massa deficiente… Da questo punto di vista i massoni tanto torto non hanno… :D.
    No, ok, più che deficiente direi addormentata, ecco.
    Magari per paura, o per convenienza, o per ignoranza&disinteresse o semplicemente perchè davvero non ci arriva (mangio, dormo, trombo, guardo la tv e son contento).
    Indiscutibilmente addormentata.

  80. Libero Cittadino (che non firma perché non è veramente libero!)
    l’articolo 6 non è assolutamente sconcertante, la chiesa è sempre stata in mezzo alle schifezze della cupidigia e degli altri 6 vizi capitali. Non raccontatevi storielle, La chiesa è un’istituzione corrotta fino al midollo, irrecuperabile e pericolosa. si nascondono dietro il crocifisso e prendono in giro gli ignoranti lasciandoli ignoranti. la chiesa e Gesù sono entità completamente antitetiche, diametricalmente opposte. Chi si ricorda dei roghi delle torture delle guerre benedette? o sono soltanto sterili nozioni di storia?. Il vero credente dovrebbe affondare la Chiesa nell’abisso che ha costruito in 2000 anni, e non farsi rimbecillire con dogmi inventati da marionette perverse.

  81. Io l’ho inteso in un’altra maniera, d’altra parte il 1776 è una data leggermente massonica, come massonica fu l’indipendenza dell’America, la rivoluzione francese, e tutti questi ameni avvenimenti di quegli anni.

    Evidentemente Jones è convinto che l’Indipendenza fu fatta da brava gente che non disegnava pentacoli rovesciati sulla mappa di Washington. Tutto qui.

  82. Ai livelli più alti li chiamano “sacchi di carne” ma davvero? Ma chi di preciso usa questa simpatica terminologia? Come fai a saperlo?

  83. Domanda:
    Per settimane i commenti ai vari post sono stati riempiti di interventi esoterici che parlavano di elentari, poteri paranormali, spiritelli da inviare, dimensioni ultraterrene, etc.
    Paolo, ma se ti volevano fare fuori, perche’ non t’anno mandato un elementare (o elementale.. boh, ho perso il filo) a farti venire il collassino come sostengono sia possibile fare vari commenti?

  84. http://it.youtube.com/watch?v=jCueFeci5To&feature=related

    un video che spiega in poche parole chi decide delle nostre esistenze.
    O meglio, chi pretende di volere…
    Un piccolo numero di famiglie vuole controllare l'intera umanità, attraverso il controllo della sua economia (materie prime, agricoltura, ambiente, aria, acqua, energia…).
    Prossimo passo, la moneta unica globale, sicuramente virtuale ed elettronica (troppo costosa la carta, specialmente quella filigranata…meglio l'informatica digitale…)

    vai Paolo, sei un grande, spero che tutto ciò possa portare anche alla possibilità di trovare nel nostro piccolo vivere quotidiano strumenti per poter fare anche nel ns piccolo, qualcosa che ci aiuti ad uscire da questo baratro, o almeno per potersi difendere in qualche modo.

    Travaglio? potrebbe essere anche l'esempio di paraculo più sofisticato che abbiamo nell'informazione italiana.
    Gli americani hanno Obama (ora, they can..), noi abbiamo Grillo e Travaglio.

    un saluto

    Francesco

  85. @Scuritox:
    “Evidentemente Jones è convinto che l’Indipendenza fu fatta da brava gente che non disegnava pentacoli rovesciati sulla mappa di Washington.”

    Perchè tu sei di “sinistra”?
    Pensi ancora che conti la destra o la sinistra??
    Non ti basta che un signore come lui se ne vada in giro per mezzo mondo per smascherare quello che le élites combinano con l’umanità?
    Che si fa arrestare e fermare dalla polizia di mezzo mondo per portarti e portarci a conoscenza di cose che la maggioranza delle persone non sa. Coloro che volevano capirci qualcosa di più su come funziona questo schifo di sistema sono anni che vanno in cerca sulla rete, ma i media controllati si sognano di dire, altrimenti come fai ad essere un loro schiavo??
    Ricorda oltretutto che A.J. essendo americano ovviamente incentra i suoi documentari con un occhio di riguardo sul sistema USA., puoi definirlo nazionalista, ma in senso buono, aspettandosi che le regole scritte della costituzione vengano applicate, cosa che noi italiani ci sognamo di fare… noi scendiamo in piazza solo per la nostra droga nazionale ossia il calcio.!!!
    Destra e sinistra contano come il due di coppe quando regna bastoni, se hai capito lo spirito del documentario, quando in realtà queste due tifoserie vengono usate da SEMPRE dalle élite, proprio per provocare tutte le frizioni che a loro fanno comodo.
    Guarda alla Cina ad esempio… non è un paese di “sinistra” quello?
    Come al solito… la pagliuzza quando si ha la trave nell’occhio!

    NN

  86. una domanda .. xè l’Italia .. lo so il signoraggio e la massoneria sono diffusi in tutto l’occidente, ma xè in Italia si arriva a tanto, addirittura la bandiera verde, bianca e rossa….

  87. @ Paolo Franceschetti:
    Complimenti davvero x l’articolo!L’ho già stampato e cominciato il “tour” di letture…Non vedo l’ora sia pronto il FORUM in quanto,organizzandosi in gruppi di studio su tematiche ben precise,ognuno potrà dare e ricevere contributi in maniera ordinata e veloce.Con il forum potremo cominciare finalmente ad elencare una serie di proposte per agire nel concreto.Ad esempio,non ricordo dove,avevo sentito dire che se una percentuale (anche davvero bassa) di popolazione mondiale MEDITA o PREGA in GRUPPO,riesce ad equilibrare l’energia del pianeta TERRA e a CONTRASTARE i satanismi vari…Mi piacerebbe provare!
    PS:il tuo blog CREA DIPENDENZA!Mi consigli una comunità? 😉

  88. sarà che ora come si dice sono andato in fissa, e che a volte gli indizi si mischiano con la suggestione, però in una puntata di Millennium , andata in onda negli Usa nel 1998 si parla di una epidemia di virus MARBURG, nella realtà nel 2004 c’è stata una epidemia di questo virus in Angola. boh però certe volte le coincidenze sono strane

  89. Con disincanto e senza pregiudizi invito a leggere la trascrizione del memoriale di Vincenzo Calcara, pentito di mafia e collaboratore del giudice Borsellino, dove narra le gesta di iniziazione alla Massoneria ed altre iper-realistiche relazioni nella vita che scorre sotto la serena vita borghese di tutti i giorni. Forse occorre un piccolo sforzo di fiducia, e di collegare lo sparpaglio massmediatico…
    http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=663
    mi dispiace che chi non abbia avuto un incontro particolare nella propria vita, scarti e ridicolizzi le esperienze altrui che non coincidano con quello che vorrebbe che sia (Icke e dintorni). Possibile che ci siano ancora adulti non in grado di discernere la plasticità dei venditori di saponette con la ruvidezza e la nobiltà d’animo dei portatori di luce?
    Ricordiamoci che dall’invisibile viene il visibile.

  90. Stefania

    “Ora che hai quei nomi sei contento?”

    Si, perche’ adesso ho elementi concreti su cui ragionare. Fra l’altro tu non sei stata in grado di produrli e ci ha pensato un altro lettore (che ringrazio).

    ” A quale “rivelazione” pensi che ti porti parlare dei CdM con un CdM? “

    Uno che e’ dentro forse ne sa di piu’ di uno che e’ fuori.
    Domani invece vedo un altro mio amico che sui CdM aveva espresso perplessita’… sondero’ anche lui e approfondiro’.

    “Ci mettiamo a fare sottili distinguo…”

    Non e’ un sottile distinguo. E’ che a me non piace credere alle cose per sentito dire.
    Il link gentilmente postato da un altro lettore contiene degli elementi interessanti che uniro’ a quelli che raccogliero’ personalmente.

    “In secondo luogo. Devo ricordarti alcuni nomi di Cavalieri di Malta “illustri”? Mah, non so… Gelli, Sindona, Ortolani, Borghese.”

    riporto da http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/02/03/guerra-di-successione-nel-mondo-pio-potente.html

    Quando esplose lo scandalo della P2, ben ventisette cavalieri di Malta (fra cui il generale Santovito, ex capo del Sismi) risultarono iscritti negli elenchi di Gelli. Furono rapidamente istruiti due processi: uno religioso e uno giuridico, e per dieci degli imputati fu decretata la sospensione dall’ Ordine.

    Secondo me e’ possibile che fossero infiltrazioni di massoni nei CdM. (so di eventi simili per altri movimenti..ma questo e’ un altro discorso)

    “Chiediti perché (considerando che maneggiano denaro dalla mattina alla sera).
    I CdM svolgono missioni diplomatiche per conto del Vaticano e, cosa più importante, godono dell’extraterritorialità. Anche qui, chiediti perché.”

    La risposta e’ semplice: l’attivita’ diplomatica e’ molto importante per il Vaticano che ci tiene ad avere buoni rapporti con gli stati e con i popoli. Ed e’ ovvio che si appoggi anche a dei laici.

    “Lasciamo perdere poi il modo in cui definisci i servizi segreti vaticani, perché si commenta da solo. ‘Un po’ di intelligence in tonaca’. Ma credi davvero a quello che scrivi?”

    Non ho fatti e testimonianze sotto mano per sapere cosa fanno gli 007 vaticani. Dico solo che e’ ovvio che ci sia una intelligence Vaticana.

    “Ed è proprio per questo che ti dico che ai livelli alti sono tutti complici…”

    Il tuo ragionamento non mi sembra logico su questo punto. Fai delle generalizzazioni un po’ spinte che sembrano quasi dogmatiche.

  91. @paolo e stefania
    Sarebbe bello se con l’aiuto di Ginevra si riuscisse a scrivere un articolo sull’intera vicenda dutroux di cui io personalmente non so niente ma che qui interessa molti di noi.
    Un’articolo con tutti i link e i video ecc. Che ne pensate?
    @stefania
    ammiro la tua infinita pazienza con uno come etabeta ce ne vuole davvero tanta…..magari tra un pò si scopre che nei CDM insieme all’amico ci sta pure lui ..ahahah!

  92. EtaBeta

    Ti faccio gentilmente notare che anche tu sei dogmatico nel non voler capire quello che ti sto dicendo e nel voler accuratamente aggirare l’argomento e sottolineare ciò che ti fa più comodo.
    Quindi delle due l’una: o non hai afferrato il concetto, o sei in mala fede e sei qui solo per provocare.

    Ti ho riportato dei fatti e dei dati, e non li hai considerati. Problema tuo.
    Le tue osservazioni, più che controbattere, sembrano un voler giustificare questi dati.

    Ma sì, il Vaticano ci tiene ad avere rapporti con altri stati e allora si appoggia a dei laici, è normale. E’ normale anche che i CdM godano dell’extraterritorialità e che siano come un vero e prorio stato a parte? E’ normale che siano membro osservatore dell’ONU? Tutto ciò è normale? Come mai non hai fatto delle osservazioni su questo?
    Ma sì, in fondo sono solo degli innocui mattacchioni che si divertono ogni tanto ad indossare strani abiti tradizionali. Anche i massoni sono solo strani personaggi che siccome hanno una vita noiosa, indossano folkloristici cappucci e grembiulini nelle serate tra amici.

    La lista di Pecorelli è cosa nota. Se non te l’ho riportata non è perché “non sono stata in grado di produrli”, come tu in evidente provocazione affermi. Ma semplicemente perché non è di quello che stavo parlando. Non ho parlato di vescovi o cardinali massoni, o di ecclesiastici collusi con la massoneria. Ho parlato di Vaticano come potere, complice alla pari con gli altri poteri tra cui la massoneria. Sono due concetti ben diversi.

    Su tutto il resto, non mi pare il caso di continuare a discutere, dato che non voglio convincerti di nulla. Io ti ho detto quello che mi è sembrato corretto. Informati da te e valuta come ritieni più opportuno.

    Aggiungo solo che dire che il potere è il potere, e che tutti i poteri si “aiutano” a vicenda e collaborano tra loro perché fanno parte del sistema, non mi sembra un’affermazione così spinta. Mi sembra invece senso pratico, derivato dall’osservazione del mondo che ci circonda.

    Un lettore qui sopra invita a leggere il Memoriale Calcara. L’abbiamo pubblicato anche noi. Ecco, quello sì che ti farebbe bene leggere.
    Se non capirai neanche con quello… beh, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ha ragione Goober: con quelli come te ci vuole prorio tanta pazienza. Ma a un certo punto non ne vale neanche più la pena: è tempo sprecato, quando uno NON VUOLE capire.

  93. Dalle parole di Paolo:

    “Sinteticamente, c’è da dire che spesso l’anticomplottista è un nient’altro che un cretino che pensa che la realtà sia solo quella che ha capito lui.”

    Non è forse un ragionamento che si può applicare anche sostituendo la voce “anticomplottista” con “complottista”?

    Tetis

  94. Oggi ho visto
    Guida al campionato

    C’era la Fabiani con un mazzo di rose rosse in mano….era il suo compleanno! Proprio -guarda caso- lo stesso giorno della morte di De Andrè!!!!!!!
    Maurizio Mosca e Ciccio Graziani ne tenevano in mano una e Mosca l’ha sventolata e poi buttata a terra!

    Maurizio Mosca ha detto no alla Rosa rossa! Aiutiamolo prima che lo uccidano!

    in lettore complottista

  95. @ Serpent:

    da una prima “spulciata” sembra veramente valido e completo il libro da te consigliato (the illuminati formula…)parla pure di snuff movie.

    @ NN:

    moooolto interessante(e vastissimo)il sito illuminati-news,grazie!

    @ un’anima pia informatica:

    mi sapreste consigliare un buon software di traduzione per e-book e articoli vari?So che non si può pretendere troppo da questi software ma forse negli ultimi anni un qualche passo in avanti c’è stato…Io sto per testare Translation v.10 plus ma forse ce ne sono di migliori…
    Grazie mille!

  96. @ Abate

    Grazie mille per il link al libro. Appena trovo il tempo una occhiata gliela dedico.

    Per chi chiedeva a Ginevra un approfondimento del caso Dutroux… non posso che aggiungermi al coro.

  97. X Christian:

    mi riferisco al periodo dell’unificazione italiana. Se dopo vi siano stati dei cambi di alleanze, non saprei: non ho mai approfondito l’argomento.

    Anche riguardo all’ordine di S. Giorgio non sono documentato.

    All’interno del cattolicesimo esistono ordini il cui modo di operare é in qualche modo simile a quello massonico, pur essendo opposti alla massoneria.

    La cosa é complicata dalle infiltrazioni che la massoneria é riuscita a fare ovunque. L’argomento é piuttosto complicato.

    Peró in Italia un effettiva lotta tra poteri massonici e finanza cattolica esiste. Il caso fazio (opus dei) ne é un esempio.

    Al momento tutta la finanza cattolica é arroccata in Unicredit, che di recente é stata fatta segno di pesanti speculazioni finanziarie. Anche qui, questo non vuol dire che non vi siano contatti tra Unicredit e massoneria anglosassone.

    X Sal: non ho alcuna notizia di cotnatti tra Savoia e Borbone. Se ti capita di trovare qualcosa fammi sapere. Al solito, la politica non é mai bianco o nero. I Borbone avevano contatti molto stretti con gli inglesi, ai quali erano giá stati costretti a cedere il monopolio sugli zolfi siciliani. Un pó come l’Iran che vende gas ad Israele o la Russia che concede il passaggio ai rifornimenti per le truppe alleate in Afghanistan.

  98. Tenga presente Franceschetti che il cambio di mentalità che lei pretende è come il passaggio dal sistema tolemaico al sistema copernicano, una rivoluzione. Una rivoluzione che andrebbe fatta anche negli altri paesi. Comunque una buona analisi anche se le elites dominanti esisteranno sempre, ma è giusto studiare i meccanismi del potere.

  99. Nella rassegna stampa di SKY stamattina ho intravisto su un giornale arabo in lingua ingese “The National”, circa il conflitto di Gaza, in prima pagina c’era un titolo in cui era bene evidente a parola “endgame” sarebbe il caso di approfondire

    P

  100. @anonimo
    Sul sito Chiesaviva attaccano pesantemente il fenomeno Medjugorje, ho letto alcuni libri in merito di Socci, Gaeta e altri e Chiesaviva porta moltissime nozioni false,per chi vuole approfondire il tema qui cè la posizione ufficiale della Chiesa

    http://www.radiomaria.it/documenti/dwnl.php?id=1201

    11 gennaio 2009 11.27

    BALLE! si può documentare su http://marcocorvaglia.blog.lastampa.it/mcor/
    e pare che anche a roma si muovano :
    http://www.papanews.it/news.asp?IdNews=11058

  101. Leggendo questo blog verrebbe da dire meno male che c’è qualcuno che capisce tutto.
    Alcune cose possono essere condivisibili,ma è del tutto evidente che i ragionamenti astratti sono il frutto di un teorema:la massoneria governa il mondo e tutti i governanti,compreso Papa e cardinali,sono massoni.
    L’autore di questo articolo definisce,con molta modestia ,imbecilli gli anticomplottisti
    ,ma non si pone il problema di dire che non è mai stato dimostrato che esistono gli ufo o che in una strage ci sia un mandante.Di questo si può dire tutto e il contrario di tutto,ma mi sembra disonesto tacciare da imbecilli chi vede la realtà in modo un pò più concreto.
    Non commento sul revisionismo della storia,perchè mi sembra un delirio di presunzione.
    Per quanto riguarda la Chiesa,per un cristiano è santa come istituzione,anche se i suoi membri sono peccatori.
    Perquanto riguarda le banche,forse l’autore di dell’articolo non è al corrente che,forse entro il 2009,non saranno più proprietarie della Banca d’Italia.
    Chi ha scritto l’articolo mi sembra più un imbonitore che una persona informata.

  102. ” Perquanto riguarda le banche,forse l’autore di dell’articolo non è al corrente che,forse entro il 2009,non saranno più proprietarie della Banca d’Italia. “

    Caro anonimo, quando questo capiterà concretamente (e sostanzialmente, non basta la “forma”), allora ci crederemo e faremo festa con te.
    Al momento, questa è solo una bella speranza (o fumo negli occhi, dipende dai punti di vista).

  103. anonimo delle 11.43, benissimo nel 2009 le banche non saranno più proprietarie della banca d’italia , ma ora in passato lo sono e lo sono state, e lei non lo smentisce non le sembra grave, e quindi nel post non c’è nessuna inessattezza

  104. ” Per quanto riguarda la Chiesa,per un cristiano è santa come istituzione,anche se i suoi membri sono peccatori “

    Ma la speranza che il cristiano in questione abbia un cervello funzionante e non si comporti come un esimio beota cerebroleso non muore mai.
    Secondo il tuo ragionamento quello che importa è il contenitore, non il contenuto: se una scatola ha una bella confezione va benissimo e va pure celebrata e glorificata e non ha nessuna importanza se dentro è piena di merda.
    Certo che devi avere davvero una gran bella opinione di chi è cristiano, tu.

    Sai cosa penso anonimo? Penso che quello in mala fede sia tu.
    Penso che ti stia arrampicando sugli specchi e sospetto che tu ci ritenga degli stupidi, il che mi fa arrabbiare.

    ps. da che parte stai, tu?

  105. Marco Travaglio ha appena scritto un commento su Gaza, diramato dalla sua casa editrice Chiarelettere, che inizia così: “Israele non sta attaccando i civili palestinesi. Israele sta combattendo un’organizzazione terroristica come Hamas che, essa sì, attacca civili israeliani”.

    Bene.

    Il compianto Edward Said, palestinese e docente di Inglese e di Letteratura Comparata alla Columbia University di New York, scrisse anni fa un saggio intitolato “The Treason of the Intellectuals” (il tradimento degli intellettuali). Si riferiva alla vergognosa ritirata delle migliori menti progressiste d’America di fronte al tabù Israele. Ovvero come costoro si tramutassero nelle proverbiali tre scimmiette – che non vedono, non sentono, non parlano – al cospetto dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra che il Sionismo e Israele Stato avevano commesso e ancora commettono in Palestina, contro un popolo fra i più straziati dell’era contemporanea.

    Nella foto: Marco Travaglio

    E di tradimento si tratta, senza ombra di dubbio, e cioè tradimento della propria coscienza, delle proprie facoltà intellettive, e del proprio mestiere. Gli intellettuali infatti hanno a disposizione, al contrario delle persone comuni, ogni mezzo per sapere, per approfondire. Ma nel caso dei 60 anni di conflitto israelo-palestinese, con la mole schiacciate e autorevole di documenti, di prove e di testimonianze che inchiodano lo Stato ebraico, non sapere e non pronunciarsi può essere solo disonestà e vigliaccheria. Poiché in quella tragedia la sproporzione fra i rispettivi torti è così colossale che non riconoscere nel Sionismo e in Israele un “torto marcio”, una colpa grottescamente e atrocemente superiore a qualsiasi cosa la parte araba abbia mai fatto o stia oggi facendo, è ignobile. E’ un tradimento della più elementare pietas, del cuore stesso dei Diritti dell’Uomo e della legalità moderna. E’ complicità, sì, com-pli-ci-tà nei crimini ebraici in Palestina. Leggete più sotto.

    I traditori nostrani abbondano, particolarmente nelle fila dell’ala ‘progressista’. Marco Travaglio guida oggi il drappello, che vede Furio Colombo, Gad Lerner, Umberto Eco, Adriano Sofri, Gustavo Zagrebelsky, Walter Veltroni, Davide Bidussa et al., affiancati dell’instancabile lavoro di falsificazione della cronaca di tutti i corrispondenti a Tel Aviv delle maggiori testate italiane. E ci si chiede: perché lo fanno? Personalmente non mi interessa la risposta, e non voglio neppure addentrarmi in ipotesi contorte del tipo ‘il potere della lobby ebraica’, la carriera, o simili.

    Ciò che conta è il danno che costoro causano, che è, si badi bene, superiore a quello delle armi, delle torture, delle pulizie etniche, del terrorismo. Molto superiore.

    Perché una cosa sia chiara a tutti: l’unica speranza di porre fine alla barbarie in Palestina sta nella presa di posizione decisa dell’opinione pubblica occidentale, nella sua ribellione alla narrativa mendace che da 60 anni permette a Israele di torturare un intero popolo innocente e prigioniero nell’indifferenza del mondo che conta, quando non con la sua attiva partecipazione. Ma se gli intellettuali non fanno il loro dovere di denuncia della verità, se cioè non sono disposti a riconoscere ciò che l’evidenza della Storia gli sbatte in faccia da decenni, e se non hanno il coraggio di chiamarla pubblicamente col suo nome, che è: Pulizia Etnica dei palestinesi, mai si arriverà alla pace laggiù. E l’orrore continua. Essi, di quegli orrori, hanno una piena e primaria corresponsabilità.

    L’evidenza della Storia di cui parlo è in primo luogo: che il progetto sionista di una ‘casa nazionale’ ebraica in Palestina nacque alla fine del XIX secolo con la precisa intenzione di cancellare dalla ‘Grande Israele’ biblica la presenza araba, attraverso l’uso di qualsiasi mezzo, dall’inganno alla strage, dalla spoliazione violenta alla guerra diretta, fino al terrorismo senza freni. I palestinesi erano condannati a priori nel progetto sionista, e lo furono 40 anni prima dell’Olocausto. Quel progetto è oggi il medesimo, i metodi sono ancor più sadici e rivoltanti, e Israele tenterà di non fermarsi di fronte a nulla e a nessuno nella sua opera di Pulizia Etnica della Palestina. Questo accadde, sta accadendo e accadrà. Questo va detto, illustrato con la sua mole schiacciante di prove autorevoli, va gridato con urgenza, affinché il pubblico apra finalmente gli occhi e possa agire per fermare la barbarie.

    In secondo luogo: che la violenza araba-palestinese, per quanto assassina e ingiustificabile (ma non incomprensibile), è una reazione, REAZIONE, disperata e convulsa, a oltre un secolo di progetto sionista come sopra descritto, in particolare a 60 anni di orrori inflitti dallo Stato d’Israele ai civili palestinesi, atrocità talmente scioccanti dall’aver costretto la Commissione dell’ONU per i Diritti Umani a chiamare per ben tre volte le condotte di Israele “un insulto all’Umanità” (1977, 1985, 2000). La differenza è cruciale: REAGIRE con violenza a violenze immensamente superiori e durate decenni, non è AGIRE violenza. E’ immorale oltre ogni immaginazione invertire i ruoli di vittima e carnefice nel conflitto israelo-palestinese, ed è quello che sempre accade. E’ immorale condannare il “terrorismo alla spicciolata” di Hamas e ignorare del tutto il Grande terrorismo israeliano.

    Le prove. Non posso ricopiare qui migliaia di documenti, citazioni, libri, atti ufficiali e governativi, rapporti di intelligence americana e inglese, dell’ONU, delle maggiori organizzazioni per i Diritti Umani del mondo, di intellettuali e politici e testimoni ebrei, e tanto altro, che dimostrano oltre ogni dubbio quanto da me scritto. Quelle prove sono però facilmente consultabili poiché raccolte per voi e rigorosamente referenziate in libri come “La Pulizia Etnica della Palestina”, di Ilan Pappe, Fazi ed., o “Pity The Nation”, di Robert Fisk, Oxford University Press, e “Perché ci Odiano”, Paolo Barnard, Rizzoli BUR, fra i tantissimi. O consultabili nei siti http://www.btselem.org/index.asp, http://www.jewishvoiceforpeace.org, http://zope.gush-shalom.org/index_en.html, http://www.kibush.co.il, http://rhr.israel.net, http://otherisrael.home.igc.org. O ancora leggendo gli archivi di Amnesty International o Human Rights Watch, o ne “La Questione Palestinese” della libreria delle Nazioni Unite a New York.

    E torno al “tradimento degli intellettuali” nostrani. Vi sono aspetti di quel fenomeno che sono fin disperanti. Il primo è l’ignoranza in materia di conflitto israelo-palestinese di alcuni di quei personaggi, Marco Travaglio per primo; un’ignoranza non scusabile, per le ragioni dette sopra, ma anche ‘sospetta’ in diversi casi.

    Un secondo aspetto è l’ipocrisia: l’evidenza di cui sopra è soverchiante nel descrivere Israele come uno Stato innanzi tutto razzista, poi criminale di guerra, poi terrorista, poi Canaglia, poi persino neonazista nelle sue condotte come potere occupante. Ricordo il 17 novembre 1948, quando Aharon Cizling, allora ministro dell’agricoltura della neonata Israele, sorta sui massacri dei palestinesi innocenti, disse: “Adesso anche gli ebrei si sono comportati come nazisti, e tutta la mia anima ne è scossa”. Ricordo Albert Einstein, che sul New York Times del dicembre 1948 definì l’emergere delle forze di Menachem Begin (futuro premier d’Israele) in Palestina come “un partito fascista per il quale il terrorismo e la menzogna sono gli strumenti”. Ricordo Ephrahim Katzir, futuro presidente di Israele, che nel 1948 mise a punto un veleno chimico per accecare i palestinesi, e ne raccomandò l’uso nel giugno di quell’anno. Ricordo Ariel Sharon, che sarà premier, e che nel 1953 fu condannato per terrorismo dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU con la risoluzione 101, dopo che ebbe rinchiuso intere famiglie palestinesi nelle loro abitazioni facendole esplodere. Ricordo l’ambasciatore israeliano all’ONU, Abba Eban, che nel 1981 disse a Menachem Begin: “Il quadro che emerge è di un Israele che selvaggiamente infligge ogni possibile orrore di morte e di angoscia alle popolazioni civili, in una atmosfera che ci ricorda regimi che né io né il signor Begin oseremmo citare per nome”. Ricordo la risoluzione ONU A/RES/37/123, che nel dicembre del 1982 definì il massacro dei palestinesi a Sabra e Chatila sotto la “personale responsabilità di Ariel Sharon” un “atto di genocidio”. Ricordo le parole dello Special Rapporteur dell’ONU per i Diritti Umani, il sudafricano John Dugard, che nel febbraio del 2007 scrisse che l’occupazione israeliana era Apartheid razzista sui palestinesi, e che Israele doveva essere processata dalla Corte di Giustizia dell’Aja. Ricordo le parole dell’intellettuale ebreo Norman G. Finkelstein, i cui genitori furono vittime dell’Olocausto: “Ma se gli israeliani non vogliono essere accusati di essere come i nazisti, devono semplicemente smettere di comportarsi da nazisti.” Ricordo che esistono prove soverchianti che Israele usa bambini come scudi umani; che lascia morire gli ammalati ai posti di blocco; che manda i soldati a distruggere i macchinari medici nei derelitti ospedali palestinesi; che viola dal 1967 tutte le Convenzioni di Ginevra e i Principi di Norimberga; che ammazza i sospettati senza processo e con loro centinai di innocenti; che punisce collettivamente un milione e mezzo di civili esattamente come Saddam Hussein fece con le sue minoranze shiite; che massacra 19.000 o 1.000 civili a piacimento in Libano (1982, 2006) e poi reclama lo status di vittima del ‘terrorismo’. Ricordo che il Piano di Spartizione della Palestina del 1947 fu rigettato da Ben Gurion prima ancora che l’ONU lo adottasse, e che esso privava i palestinesi di ogni risorsa importante (dai Diari di Ben Gurion). Ricordo che la guerra arabo-israeliana del 1948 fu una farsa dove mai l’esercito ebraico fu in pericolo di sconfitta, tanto è vero che Ben Gurion diresse in quei mesi i suoi soldati migliori alla pulizia etnica dei palestinesi (sempre dai Diari di Ben Gurion); che la guerra dei Sei Giorni nel 1967 fu un’altra menzogna, dove ancora Israele sapeva in aticipo di vincere facilmente “in 7 giorni”, come disse il capo del Mossad Meir Amit a McNamara a Washington prima delle ostilità, e mentre l’egiziano Nasser tentava disperatamente di mediare una pace (dagli archivi desecretati della Johnson Library, USA); che gli incontri di Camp David nel 2000 furono un inganno per distruggere Arafat, come ho dimostrato in “Perché ci Odiano” intervistando i mediatori di Clinton; che i governi di Israele hanno redatto 4 piani in sei anni per la distruzione dell’Autorità Palestinese sancita dagli accordi di Oslo mentre fingevano di volere la pace (nomi: Fields of Thorns, Dagan, The Destruction of the PA, ed Eitam); che la tregua con Hamas che ha preceduto l’aggressione a Gaza fu rotta da Israele per prima il 4 novembre del 2008 (The Guardian, 5/11/08 – Ha’aretz, 30/12/08), con l’assassino di 6 palestinesi. E queste sono solo briciole della mole di menzogne che ci hanno raccontato da sempre sulla ‘epopea’ sionista.

    Ricordo infine Ben Gurion, il padre di Israele, che lasciò scritto: “Dobbiamo usare il terrore, l’assassinio, l’intimidazione, la confisca delle loro terre, per ripulire la Galilea dalla sua popolazione araba”. E ancora: “C’è bisogno di una reazione brutale. Se accusiamo una famiglia, dobbiamo straziarli senza pietà, donne e bambini inclusi. Durante l’operazione non c’è bisogno di distinguere fra colpevoli e innocenti”. Quell’uomo pronunciò quelle agghiaccianti parole 20 anni prima della nascita dell’OLP, più di 30 anni prima della nascita di Hamas, 50 anni prima dell’esplosione del prima razzo Qassam su Sderot in Israele.

    Ricordo ai nostri ‘intellettuali’ di andarle a leggere queste cose, che sono in libreria accessibili a tutti, prima di emettere sentenze.

    E l’ipocrisia sta nel fatto che questi negazionisti di tali orrori storici possono scrivere le enormità che scrivono sulla tragedia di Gaza, sulla Pulizia Etnica dei palestinesi, e possono dichiararsi filo-israeliani “appassionati” (Travaglio) senza essere ricoperti di vergogna dal mondo della cultura, dai giornalisti e dai politici come lo sarebbe chiunque negasse in pubblico l’orrore patito per decenni dalle vittime dell’Apartheid sudafricana, o i massacri di pulizia etnica di Srebrenica e in tutta la ex Jugoslavia.

    Il mio appello a questi colti mistificatori è: continuare a seppellire sotto un oceano di menzogne, di ipocrisia, sotto l’indifferenza allo strazio infinito di un popolo, sotto la vostra paura o la vostra convenienza, la grottesca sproporzione fra il torto di Israele e quello palestinese, causa e causerà ancora morti, agonie, inferno in terra per esseri umani come noi, palestinesi e israeliani. Sono più di cento anni che il nostro mondo li sta umiliando, tradendo, derubando, straziando, con Israele come suo sicario. Sono 60 anni che chiamiamo quelle vittime “terroristi” e i terroristi “vittime”. Questo è orribile, contorce le coscienze. Non ci meravigliamo poi se i palestinesi e i loro sostenitori nel mondo islamico finiscono per odiarci. Dio sa quanta ragione hanno, cari ‘intellettuali’.
    Paolo Bernard

  106. Troppa confusione. Seguo e non seguo e vedo anch’ io il rischio del dogma cioè che solo i nostri Ospiti ed i partecipanti al blog in linea con il loro pensiero siano i depositari della verità e chi dissenta sia un citrullo oppure sia in malafede. Stefania mi sembra un po’ incazzosa al riguardo.
    Comunque mi sembra impossibile per i non addetti capirci qualcosa. Mettete in guardia anche verso le voci apparentemente contro il sistema perchè, se va bene, trattasi di utili idioti e se va’ male di un’ opposizione fatta in casa.
    E allora il povero spettatore a chi dovrebbe credere? Al blog e basta?
    Non esiste davvero nessuno “visibile” del quale fidarsi? Non si corre il rischio di mettere tutto sullo stesso piano, nello stesso calderone ottenendo il risultato di annullare qualsiasi reale voce onesta?

  107. Non sono incazzosa.
    E’ che non amo i provocatori. Ancor meno amo quelli che ti portano all’esasperazione.
    Il confronto va sempre bene. Ma – sarò banale – deve essere costruttivo. E da entrambe le parti deve esserci la buona volontà di CAPIRE. O perlomeno fare uno sforzo per cercare di capire. E soprattutto occorre essere DISPOSTI a capire.
    Invece qualcuno posta commenti non per controbattere, ma solo per cercare lo scontro.
    E quando mi si chiedono chiarimenti ma poi deliberatamente non li si prende in considerazione, allora permetti che girano un po’ le balle anche a me.
    Ma è colpa mia che gli ho dato corda. Avrei dovuto chiudere il discorso molto prima.
    Detto questo. Ti assicuro che non sono incazzosa, ma anzi sono stata fin troppo calma e mi sono trattenuta. Non risponderò più in merito. Ho risposto ora solo per precisare. Non ho mai offeso né insultato nessuno. Ho sempre tenuto un comportamento corretto e disponibile nei confronti di tutti, anche quando si cercava deliberatamente lo scontro.
    E questo è quanto. Poi ognuno è libero di farsi l’opinione di me che più gli aggrada. Non è un problema mio.

  108. @ Luca:
    “E allora il povero spettatore a chi dovrebbe credere? Al blog e basta?”
    Se il “povero spettatore” smettesse di aspettare passivamente la manna dal cielo(oltretutto vuole pure una manna “certificata”) e si rimboccasse le maniche per studiare,capire,approfondire;dopo un pò non sarebbe più un povero spettatore ma un protagonista del proprio cambiamento ed evoluzione.

  109. Anche se, da ateo, la cosa non mi riguarda, penso che ritenere la Chiesa Romana una santa istituzione non sia una condizione necessaria per essere cristiani.
    Esistono prima di tutto tanti cristianesimi (ortodossi, evangelici, protestanti, metodisti ecc.), e tutti rivendicano (ovviamente) il primato della propria chiesa rispetto alle altre. Ad esempio, nel vangelo Gesù parla dell’anticristo, che arriverà dopo di lui e che farà credere di essere il suo successore; ora, Lutero diceva che i papi sono gli anticristi, e i papi dicono che Lutero era l’anticristo…
    Considerando razionalmente le cose, anche un ateo può essere cristiano, nel senso che stima Gesù come personaggio filosofico, così come si può stimare Socrate (che ad esempio è molto simile a Gesù). Il problema è che la Chiesa Romana è un’istituzione che si è macchiata di crimini nel corso dei secoli: in tutte le epoche c’è qualcosa di mostruoso fatto dalla chiesa, e queste non sono teorie o dogmi, ma semplicemente FATTI storici documentati e dimostrati.
    Daniele

  110. Paolo grazie per questo ottimo articolo.

    Sono d’accordo con te soprattutto sul fatto che uno dei motivi per i quali le cose vanno così (purtroppo) è proprio il fattore socio-psicologico.

    In Germania tempo fa era stata avanzata una proposta che riguardava l’introduzione del pedaggio sulle autostrade.
    I politici stessi si sono rifiutati di proporla (era periodo elettorale) perchè sarebbe stata una mossa impopolare e quindi avrebbero perso consensi.

    Questo semplice esempio rappresenta per me essattamente il rapporto che c’è tra PENSIERO e AZIONE.
    Se tutti gli italiani pensassero che la guerrà non deve esistere l’I
    talia non entrerebbe mai in guerra. Se gli italiani sono dubbiosi perchè i media li hanno presi in giro, ecco la situazione attuale.

    Riguardo alle guerre in primis, per me non è una scusa il fatto che ‘è questione di cultura’ ‘è questione che non possiamo farci niente’ecc.
    Io credo che ogni individuo abbia una grande responsabilità e NON VOLER interessarsi ai temi più importanti che il mondo si trova ad affrontare (guerre, fame, non dico Rosa Rossa in primis) o non voler usare la propria ragione sia già questo un crimine.
    Quando mi trovo a discutere di questi temi con altri mi trovo nella maggior parte di fronte ad un muro, come succede a te.

    Per esempio ritengo criminale pari a Bush chiunque pensa che sia giusto fare una guerra all’Afghanistan, qualunque sia il motivo.

  111. Sono quasi totalmente d’accordo con l’anonimo delle11,43.All’anonimo delle 12,30 dico che la religione cattolica si differenzia dalle altre religioni perchè non è una religione in senso stretto,ma si basa su una Persona che è Cristo.Consiste,infatti,nel seguire Cristo,nel comportarci come Lui ci ha insegnato.Quindi la fesseria del contenitore e del contenuto è fuori luogo.
    Per quanto riguarda il vituperato Israele,gli ebrei occupavano la Palestina dal 1200 circa avanti Cristo.Poi furono colonizzati dai romani e cacciati dagli ottomani.
    Hamas è nato con uno statuto nel quale è scritto che lo scopo è distruggere lo stato di Israele.Alcuni stati musulmani e lo stesso hamas non vogliono uno stato palestinese perchè il loro scopo è soltanto distruggere Israele.
    Non si possono giudicare gli avvenimenti contemporanei con la pancia,senza conoscere la storia,e la storia lasciamola scrivere agli storici.
    Premesso che tutte -o quasi-le persone sono per la pace e contro la guerra,ma ai pacifisti senza se e senza ma chiedo che diano anche delle proposte per risolvere i vari conflitti.

  112. appunto, anonimo qui sopra: non si può parlare senza conoscere la storia e i fatti
    allora per favore prima di sparare cazzate vai a leggerti lo statuto di hamas, invece di bere a canna le stronzate che ti dice claudio pagliara della rai

  113. All’anonimo delle 15:46…

    Bella favoletta…..spero che tu abbia la pazienza di leggere quello che a proposito di Israele hanno scritto Pinco e Serpent negli altri articoli….
    Ricordandoti che la storia è stata scritta dai vincitori (e quindi l’altra faccia della medaglia tenuta ben nascosta)ti saluto dicendoti che Cristo non avrebbe proprio bisogno di una religione (ti ricordi di Pietro? Non è affatto pietra…ma se insisti te lo lascio credere, come si dice “de gustibus….”).

  114. @ ANONIMO 15.46

    “si basa su una Persona che è Cristo.Consiste,infatti,nel seguire Cristo,nel comportarci come Lui ci ha insegnato.Quindi la fesseria del contenitore e del contenuto è fuori luogo”

    Appunto, Cristo è l’esempio da seguire, e ciò che si discosta da Lui o addiritura va nel senso opposto va indicato per quel che è (OVVERO sbagliato) e non seguito pedissequamente giusto perchè un tizio in tonaca ti dice che devi fare così.
    E’ Cristo che va seguito, non il prete (magari pedofilo, magari massone) che se ne fa scudo.

    Quanto alla storia, circa la tua ignoranza e superficialità ti è già stato risposto da altri prima di me.

    Vai, studia e quando hai imparato vedi di dire qualcosa di corretto ( e soprattutto vero), se ti riesce.

  115. Stefania, facile fare la splendida, vero? da quando pinco vi ha lasciati al vostro triste destino…

    probabilmente aveva ragione, questo sito è uno specchietto per le allodole a carattere anti-cristico.

  116. uhmmm…….
    allora, dato che gli ebrei ci vivevano prima e sono stati cacciati, è giusto che adesso si vendichino sui palestinesi sterminandoli???
    beh, complimenti per lo spirito cristiano e cattolico. tu sì che segui davvero la parola di cristo.

    (sugli errori/orrori storici non mi esprimo. non merita neanche: le cazzate che hai scritto si commentano da sole)

  117. @anonimo delle 15:46

    tu prima fai lezioni di storia su israele e poi dici che della storia dobbiamo lasciare che se ne occupino gli storici. sarebbe a dire “adesso parlo io, e poi basta..al massimo gli storici, ma dato che ce ne sono pochi…”.

    da anonimo ad anonimo

    PA

  118. @ Anonimo delle 15:46
    Ripeto, non si possono identificare Cristianesimo e Cattolicesimo. E’ per questo che esistono due termini diversi, perchè sono due cose diverse. Se provassi a leggere i vangeli, scopriresti che ad esempio Gesù sosteneva di non essere attaccati ai beni materiali. Se poi leggi i libri di storia, scopri facilmente che la Chiesa non ha MAI seguito questo principio, e anzi ha sempre rivendicato il possesso territoriale dello Stato Vaticano, dei tesori custoditi gelosamente, ecc.
    Questo esempio basterebbe per rendersi conto che il Cattolicesimo e il Cristianesimo hanno ALLA BASE princìpi molto differenti.
    Chi vuole seguire l’esempio del Cristo farebbe meglio a leggere per bene i Vangeli (magari anche quelli apocrifi) e rendersi conto di quello che diceva Gesù e di quello che dice la Chiesa; infine, come consiglio spassionato, anzichè imitare qualcuno che è vissuto 2000 anni fa provate a ragionare con la vostra testa e a capire da soli cosa è giusto e cosa è sbagliato. Non è stato mica l’unico saggio della storia Gesù…

  119. Correttamente un lettore si chiede: assodato che il sistema è marcio, diabolico, distruttivo e scellerato, come è possibile disintegrarlo? Hic et nunc, prima che sia tardi. Forse è già tardi.

    Esiste anche un piano invisibile in cui si annidano forze oscure: gli gnostici le definivano Arconti. Il loro dominio è forse declinante, ma si deve temere il colpo di coda.

    Cordiali saluti

  120. @Zret
    Quello che possiamo fare è
    1) nella vita quotidiana, evitare di assecondare il sistema, stare attenti alla disinformazione, che non significa essere paranoici e vedere rose rosse ovunque, ma saper distinguere il vero dal falso ed eventualmente cercare il vero. Ad esempio, le rose rosse regalate per il compleanno sono una cazzata, la rosa rossa si regala normalmente alle ragazze; diverso è se si inquadra apposta una rosa rossa in un servizio di cronaca nera!

    2) cercare di diffondere queste informazioni il più possibile, parlandone con gli amici, ovviamente parlandone con tatto e non sparando a zero su tutto e su tutti… sennò iniziano a dirci che siamo paranoici…

    3) linkando questo blog, ad esempio…

  121. @ Etabeta

    volevo far notare come tutti siano vittime del sistema descritto da Paolo Francescetti ed esattamente nel modo da lui descritto. Si reclamano prove, prove, prove … Il sistema in cui viviamo è una garanzia per loro, non per noi: LORO scatenano guerre senza prove (o addirittura con prove false) e da noi le pretendono. Ci ahno convinto che ci vogliono le prove anche solo per parlare … è solo manipolazione; ribadisco, a loro non servono le prove. Quindi, cerchiamo di usare il buon senso quando ascoltiamo una persona invece di pretendere … prove.

    Le persone che vogliono le prove in genere credono a quelle false, agli specchietti per le allodole.

    Deadlock

  122. Per quanto riguarda le parole di Travaglio a favore di Israele: ricordatevi di citare la fonte quando fate queste cose.

    Io l’ho cercata, ed è una fonte assurda. Siate seri.

  123. @ anonimo 11 gennaio 2009 19.59

    perchè PF, praticando meditazione e aumentando la consapevolezza, si protegge da certe cose (almeno dalle cose + deboli). Mi pareva che avessi letto tutti i post, perchè questa domanda? Ti è sfuggita la risposta?

    Deadlock

  124. Bah… io penso che non esista nessuno che abbia pienamente ragione su tutto… Stimo moltissimo le ricerche e le tesi di Paolo, ad esempio, e molte le condivido; ma a volte ho la sensazione che sbagli…
    Così penso anche di Travaglio: che magari ha una sua idea di come vanno le cose, che è molto diversa da quella di Paolo; forse, secondo Travaglio, i legami fra massoneria e politica ci sono, ma non così profondi come sostiene Paolo. E’ semplicemente una differenza di vedute.
    Concordo con Paolo su tante cose, ma non su tutte (avremo pure delle differenze, no?); e così anche concordo con Travaglio su tante cose, ma non su tutte. Ma ormai sono passati troppi anni da quando alle scuole elementari si faceva la lista dei “bravi” e dei “cattivi”; penso che ci siano molte più sfumature tra i due estremi. E quindi, piuttosto che giudicare le persone come “massoni” o “non massoni”, preferisco conoscere ogni aspetto e cercare il meglio da ogni persona.
    E poi, vi ricordo, giornalisti come Travaglio non se ne trovano così spesso. Avrà pure idee politiche diverse dalle mie, ma a uno che denuncia la disonestà della classe dirigente italiana qualche merito bisogna riconoscerlo.

  125. Ad esempio Paolo Franceschetti ha detto di essere buddhista, di rivogersi ad esorcisti, e roba del genere… mentre io sono totalmente scettico e contrario a qualsiasi forma di religione. Ma non per questo ritengo che Paolo sia un mio nemico, nè sono favorevole alla massoneria! Certo, secondo il mio modo di vedere, Paolo sulle religioni si sbaglia, ma su tante altre cose ha (secondo me) perfettamente ragione!

  126. @ anonimo 12 gennaio 2009 16.19

    “Appunto, Cristo è l’esempio da seguire, e ciò che si discosta da Lui o addiritura va nel senso opposto va indicato per quel che è (OVVERO sbagliato) e non seguito pedissequamente giusto perchè un tizio in tonaca ti dice che devi fare così.
    E’ Cristo che va seguito, non il prete (magari pedofilo, magari massone) che se ne fa scudo.”

    A me sembra che l’esempio è stato seguito alla lettera (da noi): perdoniamo, siamo buoni e … LORO prosperano.

    Se Gesù è esistito, forse era complice: come ha fatto a non pensare che così loro avrebbero prosperato? Strano …

    Se non è esistito, allora quello che si legge di lui è opera massonica, propaganda filomassonica … che fa presa su ciò che + impressiona le eprsone: ciò che non vedono.

    Deadlock

  127. Ci sono molti post ma non ho tempo per leggerli tutti. Spero che non mi sfuggano domande o altro…
    Dico solo che, per chi ha lamentato l’assenza di pincoRamone, che mi è venuto il dubbio di averlo offeso con le mie parole allora gli ho scritto in privato e gli ho chiesto scusa.
    Sono convinto che il contraddittorio sia sempre un ‘ottima cosa, anche quando non si condividono tutte le idee dell’altro, come nel mio caso riguardo ad alcune idee di pinco.

  128. Sulla guerra israelo-palestinese:
    Probabilmente si fa confusione su chi ha la colpa e chi no. Fatto sta, che ci sono alcuni dati oggettivi:
    1) I missili che sono partiti dalla Palestina e caduti in territorio israeliano, hanno sicuramente ucciso dei civili;
    2) I missili che sono partiti da Israele e caduti in territorio palestinese, hanno sicuramente ucciso dei civili;
    3) ci sono civili israeliani e civili palestinesi che muoiono ogni giorno;
    4) molti civili israeliani e molti civili palestinesi non hanno assolutamente niente contro i loro “vicini di casa”;
    5) entrambi gli Stati, però, sono governati da politici che, per qualche motivo, hanno interesse a bombardare l’altro Stato.
    Ora, la questione è tutta qui:
    Perché questi politici, sia israeliani che palestinesi, ci tengono ad alimentare l’odio e la guerra?
    Chi vende le armi agli uni e agli altri?
    Perché i Paesi occidentali, che hanno creato questa situazione, non sembrano interessati a risolverla?
    Qual è il ruolo degli Stati Uniti e della Gran Bretagna in tutto ciò?
    Perché nessun capo di Stato denuncia in maniera decisa le reazioni spropositate di cui ogni tanto Israele è protagonista? Infatti il massimo che fanno i leaders occidentali è dire “Mah, secondo me Israele ha esagerato un pò stavolta… speriamo che la prossima volta saranno più buoni”.
    Ci sono alcuni personaggi potenti a livello globale che hanno grossi interessi nel mantenere lo status quo in medio-oriente. Questa è la verità. Non c’è nessuna guerra santa, nessuna jihad: sono solo parole che i politici usano per generare l’odio verso gli altri, così come ad esempio ha fatto anche Bush quando ha attaccato l’Iraq, sostenendo di essere guidato da Dio (sì, l’ha detto… il problema è che molti americani gli hanno creduto).

  129. @ daniele

    perchè noi siamo una cosa e LORO un’altra. LORO sono tutti complici, ce lo vogliamo mettere in testa una buona volta?

    Deadlock

  130. URGENTE URGENTE URGENTE PER IL PROF FRANCESCHETTI e per tutti quelli che mi vorranno rispondere.

    Un mio carissimo e giovane amico sta per essere iniziato. Non so dove e non so quando, so solo che la scorsa notte (di plenilunio) ha fatto strani incontri, di cui mi ha accennato tutto entusiasta.

    Essendo lontani, ci sentiamo di rado e per tutt’altre cose. Tuttavia ha ritenuto opportuno informarmi di quello che è successo, il che ha significato un fulmine a ciel sereno per me. Ecco, io temo che lui si stia gettando con animo ingenuo e vergine, e ho paura per lui.

    Che parole devo usare per tirarlo fuori di lì, prima che sia troppo tardi?

  131. Krion scusami se dirò una cosa contro corrente, ma non si può fare nulla.
    Ciascuno ha il suo percorso di vita. E molti poi vengono iniziati alla massoneria vera, quella speculativa. Magari sarà quello il suo destino.
    Non c’è modo di convincere una persona che ha preso una decisione del genere e in fondo non è neanche giusto.

    Se la persona è pura, la massoneria non riuscirà a corromperlo.
    E se è fortunato, farà il suo percorso in quelle logge dove si fa veramente un percorso sapienziale.

  132. @ Deadlock
    Ma certo. Le mie domande erano retoriche. Le ho scritte perchè ognuno cerchi la risposta, si documenti, perchè non si può riassumere tutto in un breve commento. E perché la ricerca è utile per farsi un’idea propria.

  133. costoro sono forti perchè hanno in mano un potere sia materiale che spirituale e lo usano come sappiamo. ma sono forti anche perchè sono organizzati e utilizzano le opportunità che un lavoro di “team” consente. opportunità sia materiali che spirituali. ora a noi comuni mortali apparentemente questo non è consentito. infatti apparentemente qualsiasi tipo di organizzazione riusciamo a mettere su questa viene velocemente e incontrovertibilmente infiltrata e corrotta. ma allora possiamo solo fare gli one-man-band? io dico di no. paolo una risposta l’ha avuta e fa parte di una organizzazione, che tra l’altro è molto discussa. le organizzazioni religiose forse qualche bastone in mezzo alle ruote, se non altro dal punto di vista spirituale, lo mettono. una prova di questo potrebbe essere il fatto che “loro” sono spesso antireligiosi, per farsi poi i riti loro in santa pace. molti in questo blog hanno detto che pregare / meditare può aiutare. ma da soli? non sarebbe più efficace in gruppo? senza appartenere a nessuna chiesa?
    EsPl

  134. @ EsPl
    Pregare? Ma è proprio quello che LORO vogliono!
    Bravi, mettiamoci a pregare, così mentre noi speriamo che un (im)probabile dio, o una (im)probabile energia positiva, risolva le cose, LORO nel frattempo continuano a fare quello che vogliono senza che nessuno li disturbi.
    Io penso invece che sia molto più utile fare CONCRETAMENTE qualcosa insieme, e magari chi vuole può anche pregare, se ritiene che sia utile. Ma non pensate di risolvere i vostri problemi pregando: è solo una comoda scusa per non alzare il culo dalla sedia

  135. Grazie Paolo. Sì, capisco perfettamente questo punto di vista. Io però credo che lui non abbia tanto “preso” questa decisione, ma piuttosto che lo stiano “cooptando”, anche se non posso metterci la mano sul fuoco.

    L’istinto amicale mi dice che devo, se non fermarlo, almeno metterlo in guardia, anche perchè si tratta di una zona pericolosa, insomma, dove sciacquava i panni un celebre scrittore.

  136. @ Espl:
    “molti in questo blog hanno detto che pregare / meditare può aiutare. ma da soli? non sarebbe più efficace in gruppo? senza appartenere a nessuna chiesa?”
    Mi vien da risponderti:ASSOLUTAMENTE SI’!
    ma la mia risposta è puramente intuitiva,cioè “sento” che è così ma non chiedermi spiegazioni “razionali”.Se colpiscono i MONACI TIBETANI in quel modo ci sarà un PERCHE’.Io sono convinto che abbiano subito tremende RAPPRESAGLIE proprio per il loro contributo ENERGETICO di PACE dato al pianeta Terra.

  137. Si, mettilo in guardia Krion. Su questo fai bene.
    E fagli leggere il prezzo del potere come dice il lettore. Tenendo presente che quello di Solange riguarda i vertici della massoneria. Ho molti amici in massoneria, e quest’anno ho avuto due allievi al mio corso, massoni. Entrambe bravissime persone, simpatiche, e una di loro completamente all’oscuro di rosa rossa e altro cose. Ma erano molto saggi e molto studiosi, e si vedeva che avevano dietro un cammino iniziatico.

  138. X Krion
    Lo so quello che pensi, caso non simile ma critico, ho reagito anch’io così,ero e sono tutt’ora preoccupato, Solange mi ha dato una mano pochi giorni fa e Paolo mi ha detto la stessa cosa. Ha ragione, ho esposto alcune cose del blog alla persona interessata, e ho detto che deve stare alla larga, credimi è il cosiddetto “proprio dovere”, ma oltre sarebbe non rispettare la persona, sarebbe fare violenza, come fanno loro. Metti in guardia, offri alternative soprattutto. Non credo che cooptino come dici tu, dai qualche illusione ed il gioco è fatto.
    Un saluto a Paolo e Solange
    Fatti forza Krion, purtroppo questo è il mondo, pensavo che fosse lontana la realtà descritta in questo blog, pensavo di essere al sicuro, che le cose capitano agli altri, ma purtroppo non è così, prendere coscienza è la prima cosa se si vuole sconfiggere chi lotta contro la vita

  139. @paolo
    in attesa di 1 tua risposta al mio commento del 11 gennaio 2009 0.35, come ulteriore motivo (illuminante) della necessità di lasciar stare travaglio (che il suo lavoro lo fa molto bene), appellandomi anche alla tua professione di giurista …. ti invito ad ascoltare il passaparola di oggi su http://voglioscendere.ilcannocchiale.it/
    🙂
    ke

  140. Per Paolo Franceschetti,

    anch’io ho un carissimo amico invischiato fino al collo con una cosa che puzza troppo di setta,
    trattasi di un gruppo capitanato da un certo Paoletti (Patrizio, forse).

    una fondazione

    sai niente a riguardo,
    tempo fa mi aveva invitato ad un incontro di 2 giorni
    dove per partecipare si dovevano scucire solo 500 euro spese ESCLUSE!!!!
    e poi perche’ ero invitato da un amico senno’ il prezzo pieno era 1000
    ovvio che avevo altro da fare..

    la domanda e rivolta anche a tutti gli altri

    grazie

    cl

  141. “I colori della bandiera italiana derivano da quelli in uso a Milano al momento dell’invasione napoleonica. La bandiera bianca con croce rossa, vessillo della città, ha origine ancor prima delle Crociate e rappresenta l’autonomia comunale. Sull’onda della centralità economica e del prestigio politico di Milano, fu rapidamente adottata da numerose altre città del Nord, tra cui Genova la quale, potenza marinara, la diffuse anche in Europa, e in particolare in Inghilterra.Di poco più tarda è l’adozione del verde, colore che campeggiava negli stemmi araldici della famiglia ducale dei Visconti, e poi di quella degli Sforza. La genesi regale dei colori nazionali era comune in Europa, avendo dato origine ad esempio al blu francese (Capetingi), al rosso inglese (Lancaster) e al bianco tedesco (Asburgo). Essendo il capoluogo lombardo la sede del formale Regno d’Italia, i suoi Signori godevano di un particolare prestigio sui regnanti dei restanti ducati italiani, e il simbolismo del colore verde travalicò così facilmente gli angusti confini del Ducato di Milano.” fonte: Wikipedia

    Ho tratto questa spiegazione da wikipedia, in cui si dice inoltre che l’associazione rosso-sangue dei caduti, verde-valli, bianco-neve sia solo l’origine romantica dei colori della bandiera italiana, mentre l’origine storica di essi sia quella sopracitata.
    Mi sorge un dubbio: forse anche i colori della milano dell’età napoleonica(peraltro già presenti nella bandiera crociata) e il verde degli stemmi araldici dei visconti e degli sforza simboleggiavano già i colori d’elezione rosacrociani?

  142. @ daniele

    “Considerando razionalmente le cose, anche un ateo può essere cristiano, nel senso che stima Gesù come personaggio filosofico”

    ne avevo sentite tante, ma questa le supera tutte. complimenti!

    T.

  143. Riflettiamo su queste parole di Paolo Bernard:

    Sono 60 anni che chiamiamo quelle vittime “terroristi” e i terroristi “vittime”.

    (@gemma
    grazie per i link)

  144. Quel Daniele scrive anche nel forum di Effedieffe (Blondet).

    Liberissimo di esprimersi (come NON possono fare i Palestinesi, perché specie in ItaGlia non è loro permesso), ma è “saltato fuori” ultimamente come decine di filo-israeliani in centinaia di forum.

    Non stento a credere che sia uno dei “disinformatori” da blog di professione.

    E VI ASSICURO, ci sono. O pagati o,più probabilmente, lavorano per qualche ambasciata…. Indovinate quale…..

    Ha un settore apposta per questo…..

  145. qualcuno ha visto il film/documentario o letto il libro di Rhonda Byrne “the secret”? il film c’è intero su youtube sia in italiano che sottotitolato, ovviamente anche in lingua originale (consigliabile)

    è basato sulla teoria della “legge di attrazione”.

    ci inciampai tempo fa sul canale di menphis75 e dopo pochi minuti lo chiusi perchè mi apparve come una cozzaglia di pensieri filosofici presi alla carlona mescolati con americanismo. ci sono riinciampato stasera e, pur iniziandolo a guardare nuovamente con sufficienza, durante il film mi sono accorto di molti elementi simil-iniziatici. è tutto pervaso dall’idea della rivelazione del “segreto”, che tutto è possibile basta volerlo,da sincretismo filosofico-religioso. moltissimi simboli e riferimenti grafici.

    lo considerai un film buono giusto per abbindolare neofiti per le “vendite di tipo piramidale” o per motivare gente dei call-center. forse sbagliavo, c’è qualcosa in più. una forma embrionale di percorso iniziatico?

    potrebbe essere un riassunto super banalizzato di quanto viene distribuito inizialmente ai gradi più bassi nelle logge?

    qui è intero
    http://www.megavideo.com/?v=XVIBX6I9

    PA

  146. @ Anonimo 1:45
    Un mia amica mi ha reglato il libro-che è primo nella classifica di vendite da MESI-e già questo mi è puzzato un pò in quanto non ho simpatia per i numeri uno in genere.Ho cominciato a leggerlo perchè credo nella legge di attrazione universale ma più andavo avanti con la lettura e più mi cadevano le ….Infatti ho notato che si ripetono in continuazione gli stessi concetti(pnl docet) e poi si fa continuamente riferimento a come sfruttare la legge di attrazione per(ma guarda un pò) far SOLDI o addirittura diventare MILIONARI.In più,per lo stile,mi è parsa un’americanata.Morale:non sono neanche arrivato a un terzo per il fastidio nel leggerlo.Ho molta curiosità invece di leggere l’effetto Isaia di Gregg Braden e anche la scienza perduta della preghiera.Avevo anche chiesto qui nel blog se qualcuno l’avesse già consultato ma devo ancora ottenere risposta….A “pelle” mi sembrano più veri di the secret…

  147. Mi sono sempre interessato al caso Dutroux. Costruire però un articolo serio e documentato non è semplice. La materia è complicatissima. Si può comunque provarci

  148. @ Paolo, xyz, WaLrus, sR

    … mumble … mumble…

    Si rimarrebbe sicuramente on topic col blog.
    Poteri provare, anche se non credo di avere le doti di esposizione, analisi e sintesi che invece non mancano a Solange, certo un vantaggio documentale vista la conoscenza della lingua per le fonti.

    Ginevra

  149. @ Daniele
    ci sono tante forme di preghiera e se sei capace puoi indirizzarla come ti pare, senza che alimenti il nemico. I monaci tibetani non alimentano il nemico, anzi

    @espl
    puoi scrivermi a questa mail, per favore? magari ti fai una mail giusto per scrivermi …

    artiglio.rapace@yahoo.it

    Deadlock

  150. Lasciatemi andare OT.

    Torno sulla morte di Heider… mi sono messo a cercare qua e la notizie del leader di estrema destra austriaco tanto per capire come sia stato etichettato il personaggio e quale idea venga lasciata ai posteri.

    L’idea che mi sono fatto (o meglio che mi è arrivata dagli articoli sparsi in giro e che hanno trattato la vicenda) è che UN UOMO POLITICO E’ MORTO GIUDANDO A VELOCITA’ PAZZA, UBRIACO 3 VOLTE SOPRA IL LIMITE E DOPO ESSERE STATO IN UN LOCALE GAY… wow che bel ricordo!

    … un po’ come i due ciclisti depressi, tossicodipendenti e magari ladri di PC portatili…

    ma fatemi il piacere!

  151. Ginera stai tranquilla. Tu scrivi. Poi se vuoi ti sistemiamo meglio la forma, correggiamo refusi, ecc… Anche tra noi lo facciamo. Io ad esempio sbaglio sempre i tempi dei verbi e faccio mille ripetizioni…

    Tu butta giù. Poi sistemiamo noi il tutto.
    Idem vale per gli altri. Se ne possono fare più di uno, sotto più aspetti.

  152. Grazie, Solange.

    Non mi sarei mai aspettato un simile riscontro tra le cosiddette “fesserie di internet” e la realtà nuda e cruda dei fatti.

  153. per Gennaro e, indirettamente, per Anonimo 1.45

    ho letto tutti e tre i libri che citi e devo dire che il tuo istinto ti ha guidato correttamente; il contenuto vero di the secret è la “tentazione” (permettimi questo termine) che io chiamo suprema, quella a cui anche Cristo sulla croce è stato sottoposto: il tuo Dio ti ha abbandonato … e allora datti da fare, tu sei un dio e puoi modificare a tuo piacimento la realtà, potrai diventare ricco, nel senso che avrai tanto oro, ecc ecc ecc

    Ovviamente c’è un’altra strada, quella del Vento dello Spirito Santo; è Tremenda ma se hai la forza di seguirla da sodisfazioni ben maggiori.

    Mi pare di capire che ti piace leggere, e mi permetto di suggerirti delle letture.

    Per quanto riguarda la così detta legge d’attrazione il primo che ne parlò apertamente, in Italia, fu Serge Kahili King 15 anni fa in un libro ormai introvabile, forse; nel libro spiegava dettagliatamente la legge d’attrazione in modo completo; in the secret è stato sottaciuto il ruolo della preghiera (guarda caso), in Effetto Isaia e La scienza perduta della preghiera si da enfasi solo a questo aspetto.

    Per quanto riguarda il Vento dello Spirito Santo, prova con Golem di Gustav Meyrink; è un libro pervaso
    da una atmosfera cupa, la luce di lucifero non è luce, angosciante; devi cercarne lo spirito profondo.

    Perdonami la vaghezza voluta, ti posso solo indicare delle vie, sta a te verificarle e percorrerle.

  154. Questo blog è caduto molto in basso.Gran parte del lavoro lo fanno i commenti.Ma anche questi ultimi articoli sul complottismo e sulla villa degli orrori hanno contribuito molto.Un suggerimento a chi scrive gli articoli-anche se non mi sembrano disponibili ad accettare pensieri diversi dai loro-:limitatevi a scrivere sulle vostre esperienze e sulle cose di cui siete sicuri e documentati,lasciando perdere le fantasie e le vostre paranoie.Un pò di umiltà e di moderazione renderebbe più credibile quello che scrivete.La faziosità è sempre la negazione della verità.
    Per il resto state tranquilli:finchè scriverete articoli come questi nessunno vi ammazzerà perchè fate il giuoco dei vostri avversari

  155. @ Cangrande
    “Quel Daniele scrive anche nel forum di Effedieffe (Blondet)”

    Fantastico! Non pensavo di essere l’unico Daniele sulla faccia della terra! Non l’ho neanche mai letto il forum di Effedieffe.

    “Liberissimo di esprimersi (come NON possono fare i Palestinesi, perché specie in ItaGlia non è loro permesso), ma è “saltato fuori” ultimamente come decine di filo-israeliani in centinaia di forum.”

    Ti ringrazio per consentirmi la libertà di esprimermi. Scusa, ma in base a cosa mi ritieni filo-israeliano? Pensavo che fosse chiara la mia posizione: ritengo che i governi israeliani e palestinesi pensino al loro interesse personale, incitando all’odio i due popoli. E su Travaglio ho detto che condivido tante cose, non tutte. Ad esempio non condivido la sua opinione su questa guerra.

    “Non stento a credere che sia uno dei “disinformatori” da blog di professione.”

    Già. Hai ragione. La penso diversamente da te, quindi non posso che essere una persona meschina e subdola. Sono ateo e sostengo la critica che fa Travaglio alla classe politica italiana corrotta, quindi devo essere proprio una brutta persona.

    “E VI ASSICURO, ci sono. O pagati o,più probabilmente, lavorano per qualche ambasciata…. Indovinate quale…..
    Ha un settore apposta per questo…..”

    Magari, caro mio, mi pagassero per scrivere due cazzate su un blog!
    Smettila con le manie da Sherlock Holmes, non insultare gli altri solo perché la pensano diversamente da te. In fondo, se siamo entrambi su questo blog, qualche idea in comune la dovremo pur avere!

  156. “state tranquilli: finchè scriverete articoli come questi nessunno vi ammazzerà perchè fate il giuoco dei vostri avversari”

  157. @ Anonimo delle 12:22
    Leggendo l’articolo, sono rimasto felicemente sorpreso del fatto che abbiano permesso di pubblicizzare una cosa del genere. Non capisco le proteste: su RaiUno, tv di Stato, ogni domenica ci trovi il papa (e ogni giorno nei tg); un pò di spazio anche agli atei non fa male. Anzi.
    Ma sono sicuro che ci sarà il commento di qualcun’altro che dirà che quell’ dell’UAAR sono massoni e che il loro è un complotto per deviare la gente dalla “retta via”.

  158. @Daniele:

    Trovo i loro slogan semplicemente spassosi, nonostante io in Dio, dopo un lungo percorso piuttosto articolato e pur non essendo cristiana (ma vengo da una famiglia con preti, suore e pure chi ha ben pensato di prendersi la seconda laurea in teologia) ci creda eccome, ora.

    ps. l’anonimo che lo ha segnalato ero io

  159. X Ginevra,
    digita su youtube der Fall Dutroux (il caso Dutroux) e Marc Dutroux und die toten Zeugen (Marc Dutroux e i testimoni morti, ben 27!)
    Questi due Reportage spiegano molto bene la vicenda e l`intreccio con politica e giustizia.Purtroppo e`in lingua tedesca, spero che la capisci.

  160. Per non invadere il post ecco una email per convogliare volonterosi per una bozza di articolo sull’affaire Dutroux

    pinguedine@libero.it

    Duffy in effetti ci sarebbero un paio di video che potrebbero essere sottotitolati.

    Anonimo che mastichi il tedesco, io non sono ferrata ma mi do da fare.

    Ginevra

  161. Rinnovo l´avviso fatto anche da altri. L´utente che si firma Daniele è apparso anche su luogocomune.com, con commenti molto simili…
    Troll disinformatore con l´aria da innocente.

    Su Travaglio e le sue dichiarazioni su Gaza,beh, c´è ancora qualcuno che dubita della genuinitá dell´elemento?
    È giustamente l´altra faccia della medaglia come ben descritto da Paolo nell´articolo. Anche se alcune denunce che fa sono anche interessanti. Ma non servono a nulla se non a fare da contraltare ai soliti noti.
    Chi ha detto che la fonte non è attendibile, pubblichi una smentita o dimostri che non è tale altrimenti taccia…

    Saluti
    I_S

  162. @ Anonimo delle 14:49
    Ripeto, non credo di essere l’unico a chiamarmi Daniele.
    Ho provato ad aprire http://www.luogocomune.com, ma risulta che la pagina non esiste… se puoi gentilmente mandare il link esatto, possiamo controllare tutti se le due opinioni coincidono.
    Una volta per tutte: per quanto riguarda Travaglio, stimo il suo lavoro di giornalista, e sono in TOTALE DISACCORDO con lui riguardo la questione israelo-palestinese, perché Travaglio SBAGLIA quando dice che gli israeliani bombardano soltanto Hamas. Su Travaglio non sono così radicale, non penso che sia completamente marcio come altri sostengono; secondo me ha solo alcune idee che ritengo sbagliate, perchè diverse dalle mie. MA E’ SOLO UNA MIA OPINIONE, CHE SONO LIBERO DI ESPRIMERE E CHE LE PERSONE INTELLIGENTI POSSONO CONTROBATTERE SENZA ACCUSARMI DI ESSERE ANTICOMPLOTTISTA. Nei regimi totalitari funziona così: se uno si discosta un attimo dal pensiero ufficiale, diventa nemico.
    Riguardo alla questione israelo-palestinese mi sono già espresso, sicuramente alle spalle di questa guerra ci sono interessi forti, da parte ad esempio dell’industria delle armi, ma non solo. Non sono abbastanza informato per capire bene cosa c’è dietro, ma rimedierò.
    Riguardo la Rosa Rossa, spesso sono d’accordo con gli articoli di Paolo, ad esempio su Rino Gaetano, su Pantani, su Haider, su tante altre cose.
    Sulla preghiera come mezzo per combattere la massoneria, non sono d’accordo, perché sono ateo e sono fermamente convinto che la preghiera non possa alterare la realtà. Ma sono favorevole a tutto il resto, all’informazione, alle azioni concrete, ecc.
    Cordiali saluti da un libero pensatore che cerca soltanto di esprimere un’idea personale su questioni riguardo alle quali molti si accodano semplicemente alle idee degli altri.

  163. Stefania

    “Ti faccio gentilmente notare che anche tu sei dogmatico nel non voler capire quello che ti sto dicendo”

    Stai facendo confusione: il fatto che non ti dia ragione non vuol dire che non abbia capito, vuol solo dire che non hai (secondo me) argomenti convincenti.

    “Quindi delle due l’una: o non hai afferrato il concetto, o sei in mala fede e sei qui solo per provocare.”

    Quindi chi non ti da ragione o e’ stupido o e’ in malafede. Non ti sembra un po rigido e limitante questo modo di porti?

    “Ti ho riportato dei fatti e dei dati, e non li hai considerati.”

    I dati e i fatti hanno iniziato gentilmente a postarli altri lettori (e li ho trovati utili e interessanti), non tu che sei per lo piu’ rimasta sul generico.
    (tranne qualche cenno sui Cdm)

    “E’ normale che siano membro osservatore dell’ONU? Tutto ciò è normale? Come mai non hai fatto delle osservazioni su questo?”

    Sintetizzo: secondo me e’ normale e comprensibile anche per ragioni storiche, e comunque non e’ un fatto che supporta la tesi “complottista”.

    “Un lettore qui sopra invita a leggere il Memoriale Calcara. L’abbiamo pubblicato anche noi.”

    Questa e’ una indicazione utile e concreta che apprezzo.

    “con quelli come te ci vuole prorio tanta pazienza. Ma a un certo punto non ne vale neanche più la pena: è tempo sprecato, quando uno NON VUOLE capire.”

    Con questa frase secondo me dimostri di avere un atteggiamento un po’ settario.
    Altrimenti capiresti che “quelli come me” non vogliono CREDERE fideisticamente ,ma vogliono CAPIRE ragionevolmente. Forse a te basta CREDERE.

    Rispetto sinceramente la passione con cui difendi le tue convinzioni mentre non mi piace per niente il tuo approccio e lo trovo poco costruttivo.

  164. @ anonimo delle 11.15:

    Grazie mille per il feedback,ora mi metto alla ricerca del libro.Mi fa piacere aver conferme riguardo le mie “sensazioni”.PS:sto “riscoprendo” la bellezza della lettura da quando ho buttato la tv nel cesso…

    @ NN:

    Caspita!A prima vista sembra davvero INTERESSANTE il link che tratta di Serge Kahili King.Condivido TUTTI e 7 i punti della FILOSOFIA ALOHA!Forse forse ho trovato l’autore GIUSTO…Grazie!

  165. @esperto di “the secret” (non so come chiamarti 🙂 )

    sono PA (non ero anonimo, eheh) il tipo che ha tirato in ballo il film/libro the secret.

    sicuramente dell’opera ne sai più di me (che ho solo visto sul tubo il documentario)…hai risposto a Gennaro fornendogli anche riferimenti bibliografici.

    se ti va, potresti rispondere un pò più circostanziatamente al mio precedente intervento?

    “…dopo pochi minuti lo chiusi perchè mi apparve come una cozzaglia di pensieri filosofici presi alla carlona mescolati con americanismo. ci sono riinciampato stasera e, pur iniziandolo a guardare nuovamente con sufficienza, durante il film mi sono accorto di molti elementi simil-iniziatici. è tutto pervaso dall’idea della rivelazione del “segreto”, che tutto è possibile basta volerlo,da sincretismo filosofico-religioso. moltissimi simboli e riferimenti grafici.

    lo considerai un film buono giusto per abbindolare neofiti per le “vendite di tipo piramidale” o per motivare gente dei call-center. forse sbagliavo, c’è qualcosa in più. una forma embrionale di percorso iniziatico?

    potrebbe essere un riassunto super banalizzato di quanto viene distribuito inizialmente ai gradi più bassi nelle logge?

    qui è intero
    http://www.megavideo.com/?v=XVIBX6I9

    secondo quanto hai postato sembrerebbe quindi puzzare alquanto di zolfo.

    grazie
    PA

  166. Noi possiamo apprendere solo ciò che già conosciamo.
    Mi viene in mente questo leggendo i commenti a volte increduli, a volte polemici di chi non crede ai complotti. Forse non sono mai stati oggetto di un attentato, o non hanno mai avuto un parente minacciato.
    Veramente neanch’io, ma nel leggere gli articoli di Paolo e Solange si percepisce un sincero desiderio di approfondimento, la loro onestà intellettuale, ed il nobile desiderio di condividere con altri ciò che via via scoprono.
    Non nascondo che questo blog è divenuto una mia lettura quasi quotidiana, e non sono arrivata neanche a metà degli articoli.

    Grazie Paolo, Solange e Stefania.
    Chi deve intendere, intende. Gli altri…Sarà per la prossima vita.

    “La mente è come un paracadute” diceva Einstein, “funziona solo se la apri”.

  167. Mi associo a Daniele e come lui sottolineo che sia sbagliato etichettarlo come disinformatore solo perchè scrive cose in disaccordo con le idee di alcuni altri lettori…

  168. @ gennaro
    cerca il primo libro pubblicato in italia; era il più interessante; ti sto cercando il titolo; sono reduce da un trasferimento e ho ancora i libri imballati.

    @ PA
    non so se ti riferisci a me, comunque…
    Non ho visto il film, mi è bastato il libro; mi è sembrato di essere stato chiaro su cosa ne pensi di the secret, ma forse non ti riferivi a me.

    —————————
    in ricordo di De Andrè:

    dunde ne vegnì ? duve l’è ch’ané ?
    da ‘n scitu duve a l’ûna a se mustra nûa
    e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua
    e a muntä l’àse gh’é restou Diu
    u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu

    da dove venite ? dov’è che andate ?
    da un posto dove la luna si mostra nuda
    e la notte ci ha puntato il coltello alla gola
    e a montare l’asino c’è rimasto Dio
    il Diavolo è in cielo e ci si è fatto il nido

    11/01/1999

  169. Lo vedi, EtaBeta, che interpreti le mie parole come più ti fa comodo? Ripeto: liberissimo di farlo. Ma ti inviterei a non mettermi in bocca parole che non ho detto. Frasi come “quindi chi non ti dà ragione o è stupido o è in malafede” sono TUE deduzioni, quindi per favore tienile per te e non venire a scriverle sul blog come se fossero verità assolute e soprattutto come se mi appartenessero. Ripeto: anche se non si è d’accordo con le opinioni altrui, gradirei almeno un po’ di correttezza.

    Non ho detto che mi devi dare ragione, ma che dovresti PROVARE a capire quello che ti sto dicendo, anziché seguitare a dire “no, non è vero” per partito preso, o a screditare quello che dico. Altrimenti, se non ti interessa, non continuare a chiedermi spiegazioni e passa oltre. Puoi benissimo proseguire la tua ricerca da solo.

    E’ qui che mi viene il dubbio della mala fede: se uno è veramente intenzionato a capire, non attua questo atteggiamento di chiusura a priori.
    Poi puoi anche non condividere quello che dico, ci mancherebbe, ma se mi fai domande cerca almeno di capire ciò che ti sto dicendo senza pregiudizi. Altrimenti non vedo lo scopo di interpellare una persona.

    I dati e i fatti, anzi IL dato che UN lettore ha riportato, è solo la lista Pecorelli. Importante, certo, molto importante. Ma ti faccio notare di nuovo (dato che pari essere di coccio) che NON stavo parlando di quello. Sono due discorsi DIVERSI.
    Inoltre, per come l’hai messa giù, sembra che tu voglia far credere che altri lettori hanno postato chissà quanti altri dati e fatti, un’infinità, mentre io non ho detto niente.
    Sarei rimasta sul generico? Avrei fatto solo QUALCHE cenno sui Cavalieri di Malta? Vedi, è in queste frasi che vedo la provocazione. Se a te quello che ho scritto sembra “qualche cenno”… Correttezza, EtaBeta, correttezza. E onestà intellettuale.
    Piuttosto dì che non te ne frega nulla e che sono tutte stronzate (ammesso che i dati di fatto possano essere opinabili), ma non che ho fatto “qualche cenno” e che sono stata “sul generico”.

    Poi, per quanto riguarda i Cavalieri di Malta. Hai idea del potere dell’organizzazione? Soprattutto, hai idea di cosa sia il diritto internazionale, l’extraterritorialità, il posto all’ONU? Non mi pare, dalla risposta che hai dato.
    Spiegami perché secondo te è “normale e comprensibile anche per ragioni storiche”. Quali sarebbe queste ragioni storiche? Perché è normale e comprensibile? Chiedi a me chissà che “PROVE” e poi fai un’affermazione del genere?
    Non ti pare di essere TU quello che sta sul vago e sul generico?

    Infine (mi sono dilungata anche troppo). Se non ti piace quello che dico, probabilmente perché mette in dubbio le tue di convinzioni – altrimenti non saresti così sulla difensiva – non vedo perché continui a scrivermi. Non condividi il mio atteggiamento? Va bene. Non muore mica nessuno.
    Che il mio modo di pormi sia rigido e limitante lo dici tu e, ti ripeto, le opinioni che hai di me non mi riguardano. Che a me basti “credere”, che le mie siano “convinzioni” e che abbia un atteggiamento “settario”, ancora una volta lo pensi tu, interpretando come più ti fa comodo ciò che ho scritto ed etichettandomi come ti pare e piace. Benissimo: è un tuo pensiero e non discuto (a dimostrazione del mio atteggiamento niente affatto rigido).
    Ma ti ricordo la regola dello specchio.

    Buona ricerca.

  170. @ Anonimo 16.55:

    Purtroppo sul mulo c’è poconiente e nelle case editrici sempre i soliti 4 titoli (abbastanza recenti)

    L’energia nascosta della terra 1995

    La Terapia kahuna 1998

    A scuola dallo sciamano. Manuale di trasformazione personale basato sulla via hawaiana dell’avventura 1998

    La padronanza del sé nascosto. Saggezza hawaiana per scoprire e utilizzare le potenzialità del subconscio 2002

    Se riesci a trovare il titolo sarebbe ottimo.Intanto ho raccolto dei pdf introduttivi da leggere.Però la vedo dura reperire la prima pubblicazione in Italia in libreria…Magari su e-bay…oppure,se hai uno scanner,potremmo metterci d’accordo(ovviamente mi sdebiterei per il disturbo).Intanto grazie!
    PS:penso proprio che PA si riferisse a te!

  171. @ eta beta

    sono stato nei cavalieri di malta: ti posso assicurare che sono completamente marci. come lo é la chiesa cattolica, anzi se preferisci dico il vaticano. te lo dico da cattolico quale sono. e non mi sembra di essere meno cattolico dicendolo. anzi proprio perchè riconosco la corruzione nella chiesa (e nello smom) credo di seguire appieno il messaggio di cristo.
    non mi sembra che stefania abbia detto niente di così fuori dal comune. ha detto la pura e semplice realtà. é così evidente che ai piani alti tutti i poteri vanno d’accordo. che prove vuoi, a parte la realtà che é intorno a noi? basta sapere guardare, eta beta.
    sottoscrivo in pieno ciò che ha detto deadlock ieri sera.

  172. Stefania

    “Frasi come “quindi chi non ti dà ragione o è stupido o è in malafede” sono TUE deduzioni,”

    La tue frase che riporto e’:
    ‘Quindi delle due l’una: o non hai afferrato il concetto, o sei in mala fede e sei qui solo per provocare.’

    Mi hai accusato con leggerezza di essere un provocatore in malafede: ma forse questo e’ solo il tuo modo di essere corretta.

    “Non ho detto che mi devi dare ragione, ma che dovresti PROVARE a capire quello che ti sto dicendo, anziché seguitare a dire “no, non è vero” per partito preso”

    Non ho mai detto non e’ vero per partito preso. Se rileggi i miei post con serenita’ lo capisci. Ho solo sottolineato la debolezza dei tuoi argomenti oppure risposto secondo come la vedo io.
    Non ho nessun partito da difendere e nesuna posizione da tenere a tutti i costi.

    “o a screditare quello che dico.”

    Ti stai screditando da sola con il tuo modo di reagire.

    “E’ qui che mi viene il dubbio della mala fede: se uno è veramente intenzionato a capire, non attua questo atteggiamento di chiusura a priori.”

    Il mio e’ un atteggiamento di ricerca a priori, non di chiusura.

    “(dato che pari essere di coccio)”

    e qui siamo giunti agli insulti personali. Complimenti per lo stile.

    ” che NON stavo parlando di quello. Sono due discorsi DIVERSI.”

    A parte dire che TUTTI fanno parte del grande complotto non hai saputo dire altro e portare argomenti.

    “Se a te quello che ho scritto sembra “qualche cenno”…”

    Sei tu che hai scritto “non so molto, a parte quel poco che si trova su internet.” ..mica io!!!

    ” Correttezza, EtaBeta, correttezza. E onestà intellettuale.”

    La correttezza non so, ma l’onesta’ intellettuale e’ proprio quella che sembrerebbe mancare a te.
    In realta’ il tuo problema e’ che messa alle strette con domande precise non hai saputo rispondere in modo adeguato e questo proprio non lo sopporti. E to lo dimostro
    subito.

    “Poi, per quanto riguarda i Cavalieri di Malta. Hai idea del potere dell’organizzazione?”

    Hai detto tu stessa che non ne sai molto… pero’ sei convinta che siano potentissimi e facenti parte del grande complotto.

    Essendo questo il tuo approccio alle cose e’ evidente che non puoi essere di nessun aiuto per approfondire.

    “Quali sarebbe queste ragioni storiche? Perché è normale e comprensibile?”

    Te lo spiego in sintesi.
    Il Vaticano e’ uno Stato a tutti gli effetti e ha quindi ovviamente una attivita’ diplomatica. La struttura diplomatica del Vaticano e’ uno strumento che la Chiesa utilizza come supporto per la sua attivita’ peculiare (una Chiesa per definizione cerca di diffondere le sue idee e di sostenere i suoi fedeli/missionari in giro per il mondo)

    L’attivita’ diplomatica e’ fatta di relazioni internazionali, di contatti, incontri a vari livelli della societa’. Ovunque puo’ la Chiesa cerca di influire per portare avanti o difendere le sue idee.

    L’influsso della Chiesa in Polonia ai tempi di Solidarnosc e’ un esempio interessante, come anche i rapporti che prima del 1989 venivano tenuti oltrecortina, oppure la campagna per ridurre il debito ai paesi del III mondo.

    Tutte iniziative che richiedono una struttura diplomatica, una rete di rapporti, relazioni.

    La Chiesa ha anche dei beni mobiliari e immobiliari frutto di lasciti, donazioni etc. che essendo consistenti vanno gestiti.

    Non entro nel merito se le idee che la Chiesa cerca di portare avanti siano belle, brutte, giuste, errate.. per il discorso che stiamo facendo non e’ rilevante. E’ solo un soggetto che liberamente cerca di influire come qualunque altro.

    A questo punto mi sembra del tutto ovvio che cerchi di coinvolgere dei laici in grado di partecipare
    per competenza e introduzioni a livello sociale al suo progetto
    lo faccia attraverso associazioni ecclesiali.

    L’extraterritorialità e’ utile come garanzia di autonomia e indipendenza soprattutto in certe zone del mondo (che credano anche in Vaticano al grande complotto?).

    Il posto all’ONU e’ utile per potersi far sentire (a volte provocando anche polemiche)
    anche se l’ONU conta poco come potere (e lo si vede purtroppo rispetto ai massacri dei palestinesi da parte del governo Israeliano)

    Ovviamente, e non c’e’ da stupirsi, dove ci sono poteri e soldi ci sono sempre anche disonesti che se ne approfittano e poteri che cercano di infiltrarsi.
    Succede ovunque e dipende dalla natura dell’uomo.

    Che ci siano dei massoni anche fra i preti e’ accertato. Uno e’ anche diventato Maestro.
    Voci confidenziali ne ho raccolte personalmente e la lista Pecorelli sembra attendibile (anche se lui a sua volta era membro della P2 e qui la cosa diventa complicata)

    Ma dire che tutto il Vaticano sia al servizio del grande
    complotto e’ una fesseria assoluta.

    Per approfondire puo’ essere utile questo link: http://www.vaticanstate.va/IT/Stato_e_Governo/StrutturadelGovernatorato/Presidenza/Presidente/2008/17_novembre_2008.htm

  173. per Anonimo ex Cavaliere di Malta

    Finalmente un testimone!!

    perche’ non ci racconti fatti,
    situazioni, luoghi (per quanto la difesa della tua privacy permette)?

    Come si diventa Cavalieri di Malta?

    Cosa combinano di losco?

    La tua testimonianza puo’ essere preziosa.

  174. ” X ETABETA

    lascia stare, non l’hai capito che questi sono una setta?”

    Fico! siamo pure diventati una setta!!!
    Abbi il coraggio di firmarti!!!

    NN

  175. EtaBeta possibile che non leggi tutti gli articoli e i post agli stessi? Molti hanno avuto modo di approfondire….il fatto di dire “no non è così” è un tuo punto di vista che ognuno di noi rispetta ma cercare di approfondire quello che si dice in questo blog no eh? Fare ricerche proprio no? Magari potresti cominciare dallo IOR o da Marcinkus (altro noto massone).

  176. x IL PROF. Franceschetti,

    una precisazione, il messaggio del Cristo come riportato non solo nei vangeli ma in tutte le Sacre Scritture è molto più profondo del semplicistico pace amore e porgere l’altra guancia.
    Immagino sia stata da parte Sua una semplificazione voluta per motivi di spazio e tempo ma purtroppo per la Chiesa Cattolica in realtà ilmessaggio è semplicemete quello che Lei ha riassunto, punto e basta.

    La verità è che l’ebreo Gesù Cristo ha adempiuto un compito che gli era gia stato affidato perchè deciso molti secoli prima dal Padre, Dio.
    Il suo compito era di rendere testimonianza alla verità, disse “…conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi…” ed al Regno di Dio, quello per cui ha insegnato a pregare nel “Padre nostro”.
    Ci sono molti particolari storici che varrebbe la pena approfondire in quanto legati anche alla massoneria, oltre che alla Chiesa.
    Mi permetto di consigliare una sana lettura in merito a chi come Lei ha desiderio di ricerca della Verità.
    Legga il Libro biblico di Daniele e se non vede il nesso tra quello che il profeta scrive, in particolare nei capitoli 2, 7 e 10, e la storia umana Le dirò come procurarsi un libro che spiega in modo serio e approfondito questo collegamento.
    Personalmente l’ho trovato sbalorditivo, certo è necessaria una certa “apertura mentale” ma questo non penso sia un suo problema.
    Cordiali saluti
    Sandrino

  177. @etabeta
    Non mi far innervosire Stefania per favore!!
    Se continui con quest’atteggiamento non arrivi da nessuna parte.
    Chiedi prove e dimostrazioni di qualcosa così oscuro e sfuggente che nessuno è in grado di fornirti(anzi se leggessi tutti gli articoli e i commenti del blog le troveresti da solo ma a te non basterebbero lo stesso!)
    Lo zio di mia moglie è uno storico monarchico,ultra cattolico .. un po fuori di testa MA ASSOLUTAMENTE ONESTO e per un periodo ha fatto parte di un ordine cavalleresco(mi sembra di S.Michele e S.Giorgio o cavalieri del santo sepolcro) e alla fine ne è uscito perchè,parole sue in siciliano:”a megghiu cosa chi facianu erano cene inta a ristoranti!”
    Lui,che ha ristrutturato una chiesa diroccata in montagna di tasca sua,come immaginerai ne è rimasto alquanto disgustato. Ma il problema è che, come abbiamo ripetuto allo spasimo su questo blog, le istituzioni sono fatte di persone e più un istituzione è potente,più è grossa la tentazione per coloro che ne fanno parte di servirsi del loro potere per delinquere.
    Io NON MI FIDO NEANCHE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E TU VUOI LE PROVE DELLA CORRUZIONE DEI CAVALIERI DI MALTA?

  178. Qua, da “blog anticristico ” (eh?) a “setta” a “disinformatori” (ambè…), all’amico di Archimede, tale “Etabeta” vedo un gran fiorire di troll e trovo che questo sia un buon segno.
    Per quel che riguarda questi individui vale la regola d’oro: NON SI NUTRONO I TROLL.

    IGNORATELI, SEMPLICEMENTE NON ESISTONO.
    OK?
    Questa gente mira solo a screditare a piantare casini e VA IGNORATA.
    Specie se non hanno neanche le palle di farsi una stupida identità google tramite la quale poter essere rintracciati.

  179. @ Stefania

    “stavo parlando dell’Ordine del Santo Sepolcro, non dei Cavalieri di Malta”

    Hai ragione, scusami.

    @ per i vari Anonimi

    I post li leggo e faccio anche ricerche (amatoriali, non sono un giornalista o un investigatore).

    Non ho mai detto e non penso che siano tutte balle, anzi, ritengo che ci siano tanti elementi sospetti che fanno pensare insieme a cose che mi sembrano romanzate.
    Io stesso conosco per testimonainza diretta alcuni fatti che ritengo significativi.

    Come in tutti i campi anche in questo evidentemente ci sono persone dalle convinzioni fortissime che pero’ non ritengono necessario appoggiarle su argomenti solidi.

    Sono proprio quelle che discreditano un po’ un ambito dove invece c’e’ del vero anche se molto intricato. Che siano loro le vere emanazioni dei poteri occulti?

  180. @ gennaro

    ho passato il pomeriggio ad aprire scatoloni (prima o poi avrei duvuto farlo); quello che mi (ci) interessava non l’ho trovato; ho ritrovato A scuola dallo sciamano e la Padronanza del sè nascosto; il primo te lo sconsiglio, all’epoca mi sembrò un po’ banalotto, scritto sull’onda del successo di altri libri; ho riguardato il secondo e mi è sembrata l’edizione riveduta e corretta di quello che sto cercando. In attesa che ritrovi quello cerco puoi, se vuoi, iniziare da qui.
    Scusami.

  181. @ eta beta
    basta con questa storia!
    smetti di seminare zizzania!
    vai a leggerti tutti gli articoli e poi vedi se non sono basati su argomenti validi.
    poi vai a leggerti gli articoli di stefania su pasolini e su haider.
    ripeto: smettila di seminare zizzania e di insinuare che gli autori di questo blog siano emanazioni di poteri occulti.
    hai mai fatto qualcosa tu in prima persona? loro lo stanno facendo, esponendosi e rischiando, mettendo ogni giorno in pericolo la loro vita.

  182. quella della setta mi mancava proprio….

    @ tutti
    ignoriamo questi ragazzotti poco inclini a costruire dibattiti e passiamo oltre

    ci manca di doversi difendere da accuse di essere una setta o cose simili….

    lasciate che continuino a informarsi con il TG1, Cioè, Pimpa e gli altri grandi classici della loro istruzione

  183. @ Anonimo 19:57
    Grazie veramente!
    Domani parto con l’ordine nella libreria di fiducia(non costa neanche tanto).Ti farò sapere….Thanx 😉

  184. oggi mi sono ritrovato con questo libro in mano

    Scienza dei Magi di Giuliano Kremmerz ed. Mediterranee

    qualcuno lo conosce?

    miki

  185. Secondo me nn c’e’ nessun complotto.
    E’ solo che ci troviamo con una classe dirigente ignorante, incapace, mafiosa e criminale.
    Leggete Evola.

  186. Interessantissimo. Corregga questa frase:

    “l’America per averci liberato dagli americani”

    (ovviamente l’America ci ha liberato dai… dai comunisti? o dai tedeschi)

    Altrimenti il suo discorso non fa una piega. E lo dice uno che ha sempre guardato un po’ storto i complottisti. Ma nei suoi ragionamenti c’è molta logica. Ottimo!

  187. Che meraviglia. Come fai ad essere ancora vivo? come fai???

    ho aperto gli occhi a 13 anni, non ho mai rifiutato di negare la verità, è troppo difficile per me ingoiare merda. ero un ragazzino l’11 settembre del 2001, e già qualcosa non mi andava giù. sentivo i miei amici e mio fratello che diceva: “l’iraq dovrebbe sparire dalla faccia della terra” e robe del genere, e mi deprimevo perché lo sapevo… avevo capito che era strategia occulta.

    non ho mai smesso di penetrare la superficie di fango che ricopre l’informazione e le notizie per cogliere ciò che il mio intuito trasforma in verità.

    viviamo nella menzogna, ho smesso di guardare la televisione alle medie.

    la soluzione è non credere, approfondire, fare il proprio, crescere, credere in sè, uccidere dio, uccidere il pregiudizio, eliminare le sovrastrutture e soprattutto DIMENTICARE.

    solo dimenticando tutto ciò che si è appreso e tentando di ricostruire una conoscenza più realista e oggettiva si può vivere meglio.

    tentare di parlarne con gli altri? con gli amici? anche con tuo babbo o con tuo fratello? non serve a nulla.
    strappagli il giornale, spaccagli la xbox, taglia il cavo della televisione, svuota il frigorifero da quella merda, regala loro un buon dentifricio naturale senza fluoro, spacca le vetrine del macdonalds, getta via i film della disney, straccia i libri di storia, rileggi i testi sacri, dai un’occhiata alle culture antiche, alle simbologie che esistono da molto tempo prima di una coscienza collettiva.

    in grecia stanno sparando, hanno rapito dei grossi imprenditori.

    vuoi provare a sparare? a rapire fede? prova a rapire berlusconi, o a progettare un bel piano da cecchino, magari secchi anche il papa nazista.

    gli ufo? non li ho mai visti, ci credo, ma non so da dove vengano:
    possono venire da quì, possono venire dalle loro basi, possono provenire dalle viscere del pianeta terra, dalle basi rettiliane che stanno nelle profondità della terra.
    ma questi problemi non mi interessano ancora.
    ho visto la politica, massoneria e mafia.
    queste, so per certo, esistono.

    i rettiliani esistono, ma è troppo difficile passare a quel problema senza prima affrontare il mafioso del quartiere accanto, senza tirare via a calci in culo l’assessore corrotto, ignorando i problemi della tua piccola comunità del cazzo dimenticata da cristo.
    la massoneria? impossibile scalfire la piramide attentando alla cima, bisogna corroderne le fondamenta.
    il popolo è più vicino alle fondamenta.
    non guardate troppo in alto, dietro l’angolo di casa vostra c’è la merda bella grossa.
    inutile credere di spodestare berlusconi se non ne avete idea di ciò che succede in città.
    siete giovani?
    lo sapete che i vostri genitori non ne hanno alcuna idea di come vivano i giovani oggi, di come voi stessi vivete senza accennare nulla a loro.
    così potrete capire come mai non rischierebbero in alcun modo di credere ai complottisti. non sanno un briciolo di niente neanche dei propri figli, come i giovani non sanno un cristo dei loro stessi genitori.
    hanno creato la disgregazione sociale, i loro programmi in tv ci vogliono disuniti, hanno creato le mode, le caste, le classi, uno non va bene con l’altro.
    siamo separati.
    è davvero molto complicato giungere ad una sola speranza di ciò che potremmo definire rivoluzione.
    questo discorso non ha un filo logico e me ne rendo conto, è da tanto che non scrivo da qualche parte, ho scritto una serie di cose che penso, chi ha il cervello per capire capirà.
    (non badate all’interpunzione perché ho sempre fretta)

    i migliori auguri per un 2009 pieno di verità.

  188. Ciao…ma dove sono finiti i bei post di Pinco e Serpent? erano proprio iteressanti, tipo telenovela, poi si era arrivati al punto in cui si capiva che ne’ l’uno ne’ l’altro approvano la Chiesa ma credono nella figura di Cristo.
    Ho letto un bellissimo libro sui punti di contatto fra cristianesimo e zen (mi pare si chiamasse proprio cosi’), e ve ne sono molte di similitudini, solo che non ricordo il titolo esatto…Lo consiglio a Paolo Franceschetti.
    Non ho le prove certe ma credo che anche il Soka Gakkai sia una specie di massoneria buddista. Sempre da prendere con le pinze.
    Questi cammini spirituali, esattamente come quello dei neocatecumenali non si sa bene a dove portino quando si arriva ai livelli alti, cio’ non toglie che molti insegnamenti siano validi.

    Per la questione dell’anima io sono super d’accordo con Serpent quando dice che alcuni sono nati senza. Se salisse al potere uno chiunque di noi, per quanto il potere logora chi ce l’ha non credo arriverebbe ad acconsentire all’assassinio programmato di uno o addirittura piu’ esseri umani.
    Io sarei pronto a sacrificare tutto l’oro del mondo piu’ tutti i monumenti d’Italia per salvare una vita umana. Sbaglio?

    Saluti da David

  189. @ eta beta

    senza astio, non so in quale altro modo scriverlo. Leggo della tua diatriba con Stefania: secondo me state sprecando un sacco di energie. Vuoi delle prove … le vuoi perchè ti hanno inculcato che per parlare ci vogliono le prove (questo serve a loro per impedirti di fare … vedi se loro per fare la guerra esigono le prove, non mi sembra). E poi, come si fa a pretendere le prove se la nostra cultura e scienza ufficiali si basano su ciò che è visibile mentre l’invisibile, il 99%, lo trascuriamo? Se uno mi prta le prove basandosi su quell’1% io non gli credo.
    Ora dico una cosa che pochi sanno: la teoria della relatività non è stata scoperta da Einstein, ma da Henry Poincare. Ma a noi insegnano che è stato Albert … alla luce di ciò e di tantissime altre cose simili, come fai a credere a delle prove basate su un sistema di menzogne? Il sistema è stato studiato bene perchè le vittime come te lo garantiscano.
    Convieni con me che ciò che si basa sull’1% è per forza di cose inesatto?

    @ Miki

    La scienza dei magi è un ottimo libro di antidoti al veleno … vacci piano però. Io non riesco a leggerlo per più di mezz’ora e ti assicuro che sono “cerebralmente forte” … se vedi che ti stona o ti viene il mal di testa, ferma la lettura e riprendila il giorno dopo.

    Deadlock

  190. Piccolo OT

    “Chi ama la zia
    CHI VA A PORTA PIA” (Rino Gaetano, Ma il cielo è sempre più blu, 1975)

    Ora ho capito!!!!!!!

    Da wikipedia:
    “La presa di Roma (20 settembre 1870) comportò l’annessione di Roma al Regno d’Italia, e decretò la fine dello Stato Pontificio e del potere temporale dei Papi. L’anno successivo la capitale d’Italia fu trasferita da Firenze a Roma (legge 3 febbraio 1871, n. 33).”

    Disse Cavour:« La nostra stella, o Signori, ve lo dichiaro apertamente, è di fare che la città eterna, sulla quale 25 secoli hanno accumulato ogni genere di gloria, diventi la splendida capitale del Regno italico »

    Piano piano comincio a capire, è come fare un puzzle. Mi devo ristudiare tutta la storia.

    GRAZIE PAOLO!

  191. @GINEVRA
    VORREI AIUTARTI NELLA SCRITTURA DELL’ARTICOLO SU DUTROUX.
    PUOI DARMI LA TUA MAIL E CONSIGLIARMI INTANTO UNA BIBLIOGRAFIA IN ITALIANO O IN INGLESE?
    GRAZIE.

  192. @Deadlock

    La scienza dei magi
    sarebbe il primo libro che leggerei su questi temi. è per questo che sto esitando a leggerlo,l’ho solo sfogliato velocemente. pensi non sia adatto ad un neofita?considera che da sempre sono a mollo nella cultura scientifica.io non voglio imparare nessuna pratica, ma solo capire.

    miki

  193. @ David444

    “Questi cammini spirituali, esattamente come quello dei neocatecumenali non si sa bene a dove portino quando si arriva ai livelli alti, cio’ non toglie che molti insegnamenti siano validi.”

    – Sicuramente sono validi per LORO

    “Per la questione dell’anima io sono super d’accordo con Serpent quando dice che alcuni sono nati senza. Se salisse al potere uno chiunque di noi, …”

    – Nessuno di quelli che ha Anima E coscienza è interessato al potere, quindi …

    Deadlock

  194. @ miki

    E’ un libro per specialisti, molto di alto livello. Mettiamola così: uno studia il veleno non per avvelenare ma per trovare l’antidoto. Ma se è inesperto può avvelenarsi da solo, basta una semplice svista.
    In dettaglio: il primo volume puoi anche leggerlo velocemente (anche se ti consiglio poi di rileggerlo tante e tante volte: più leggi e più nozioni ci trovi), mentre per gli altri due + 1 è meglio che ci vai piano.
    E soprattutto stai alla larga dai Kremmerziani, quelli della “S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam”
    Il + non è un segno algebrico, ma il segno della croce che devi fare mentre leggi e ogni volta che lo incontri nei testi. Io ne fareio a meno.

    Deadlock

  195. @ Deadlock

    Mi trovi concorde ma tentavo di essere diplomatico.

    La forza piu’ grande e’ il perdono, difficile da utilizzare di fronte alla brutalita’.

  196. Mi associo a Daniele e come lui sottolineo che sia sbagliato etichettarlo come disinformatore solo perchè scrive cose in disaccordo con le idee di alcuni altri lettori…

    @ Anonimo del 13 gennaio 2009 16.54
    Grazie della solidarietà! 🙂

    @ David444
    Cosa sai della Soka Gakkai? Due mie amiche ne fanno parte da poco tempo, ho letto tante accuse contro questa associazione e sinceramente sono un pò preoccupato…
    Inoltre, non appena ho detto loro di aver sentito dire cose brutte sulla Soka Gakkai, ho visto un atteggiamento strano… mi hanno risposto che anche loro hanno sentito parlarne male, ma che sono solo voci. E quando ho detto “prova a farti una ricerca su internet” una di loro mi ha risposto “alla nostra associazione ci hanno detto che…” e, senza finire la frase, ha farfugliato qualcosa e ha cambiato discorso.
    E’ un atteggiamento che non avevo mai visto in lei, e questa cosa mi spaventa 1 pò…

  197. @ Deadlock

    “senza astio, non so in quale altro modo scriverlo.”

    Nessun astio, solo la voglia di capire e di confrontarsi. Il fatto che i toni diventino accesi non e’ un problema per me… significa solo che c’e’ passione (vedi don Camillo e Peppone :-).

    “Vuoi delle prove … le vuoi perchè ti hanno inculcato che per parlare ci vogliono le prove”

    Non per parlare… anzi. Le ipotesi sono importanti e aiutano a progredire nel sapere. Quando ci sono fatti abbastanza consistenti l’ipotesi diventa una teoria che vale finche’ non viene smentita.

    Nella mia diatriba quello che intendevo fare (non so se ci sono riuscito) era sottolineare la differenza fra ipotesi, teorie e certezze. Tutto qui.

    E’ una differenza di metodo, di approccio che vorrei fosse chiaro non mi impedisce di accogliere ipotesi, collegamenti, coincidenze etc… semplicemente li prendo con molta cautela.

    “Ora dico una cosa che pochi sanno: la teoria della relatività non è stata scoperta da Einstein, ma da Henry Poincare. Ma a noi insegnano che è stato Albert …”

    A scuola si semplifica sempre un po’ ma nella letteratura scientifica (anche divulgativa) si citano i contributi importanti di Poincare’, Lorents, Minkowski ed altri.

    In quegli anni intorno al 1905 ci furono molti articoli che presentavano gli embrioni della teoria. Si riconosce tuttavia che Einstein riusci’ ad esprimerla in una forma piu’ compiuta.
    Inoltre gli altri erano essenzialmente dei matematici (poincare’ anche un fisco) e avevano quindi un taglio diverso per quanto importante.

    Fra l’altro Einstein vinse il Nobel ma non per la teoria della relativita’.

    “Convieni con me che ciò che si basa sull’1% è per forza di cose inesatto?”

    Non sono d’accordo sul presupposto , ovvero sul fatto che il 99% delle cose siano invisibili e non comprensibili con la scienza tradizionale. Come fai a dire che e’ il 99%? potrebbe essere il 99,999 o il 50%…boh

    Penso pero’ che la scienza progredisca sempre, a volte facendo errori e rifiutando quello che non entra nei suoi modelli.
    Pero’ ha dimostrato di essere capace capace di distruggere i suoi vecchi modelli per far posto ai nuovi. Lo stesso Einstein fu geniale a superare Newton, ma sbaglio’ fino all’ultimo sulla meccanica quantistica non riuscendo ad accettarla.

    Era un uomo anche lui pur geniale e non credo gli si possa rimproverare nulla.

    Non credo ad una “menzogna voluta” ma ai limiti di un sistema che evolve anche per tentativi ed errori fatto di persone che a volte fanno prevalere interessi particolari etc.. solo questo.

  198. Barzo:

    Si, senza dubbio era chiarissimo.
    Non mi sono dilungato, ma ho cominciato a leggere e informarmi su molti avvenimenti storici (il periodo del regno d’italia) e ho notato come Paolo ha ragione quando parla di spedizione dei mille, di massoneria…ci sono un sacco di riferimenti che portano alla conoscenza della vera storia, non di quella ufficiale.

    Il fatto che via Nomentana e porta pia è un ulteriore indizio.

  199. di La Scienza dei Magi di G. Kremmerz ne parla spesso in tv Gabriele La Porta (nome e cognome sono tutto un programma) nelle sue trasmissioni notturne.

    ZX

  200. caro Daniele,
    sulla soka Gakkai e’ molto informato un mio conoscente che e’ proprio contro per vari motivi.
    Gli adepti sono istruiti ad una corrente di buddismo (quasi tutti gli occidentali buddisti sono Soka gakkai in quanto sono loro quelli che hanno iniziato per primi ad esportarlo) direi quasi esoterica. Molti Yakuza ne fanno parte, come anche molti politici.
    Fanno moltissimo proselitismo e sono molto attaccati al denaro.
    Ai livelli bassi c’e’ tutta gente in buona fede, quelli a cui verranno spillati i soldi dei vari altari e gadget da comprare (piu’ le decime). In genere si assiste a un vero lavaggio del cervello.
    L’individuo viene prima di tutto avvicinato, poi, facendo leva sulle sue debolezze viene invitato a un raduno. Segue la confessione della propria esperienza (con cui i superiori esercitano un ricatto morale), poi vengono fatti esercizi mentali per indebolire il fisico e la mente al termine dei quali c’e’ il LOVE BOMBING, dove la setta si propone come unica sorgente di amore e di insegnamento giusto. Poi si procede in modo piramidale (agli adepti piu’ promettenti vengono affidate responsabilita’) e piu’ vai su piu’ devi spillare soldi/scendere a compromessi.
    I neocatecumenali, uguale, solo in chiave pseudocattolica.

    Se ti devo dare un consiglio tira assolutamente fuori le tue amiche. Fai loro vedere la tecnica del LOVE BOMBING e forse capiranno.
    Io con i neocatecumenali ci ho perso un fratello, nel senso che ormai non possiamo piu’ parlare…
    Tra l’altro il Soka gakkai non e’ un buddismo omologato ma una vera setta che inoltre promulga l’uso del kyoku shin karate, una pericolosissima arte marziale che mira ad UCCIDERE l’avversario ed e’ infatti praticata dagli Yakuza.

    X il prof. Franceschetti: non volevo essere brutale, ma se lei e’ contro la massoneria deve essere per forza anche contro il soka gakkai…il nostro cuore conosce gia’ la risposta e non ha bisogno di redini.

  201. Grazie mille David444!
    In realtà, ora sono molto più preoccupato; ma credo anche di aver capito gli argomenti da utilizzare per metterle in guardia.
    Ancora grazie, avevo già immaginato che ci fosse qualcosa di losco dietro, ma non mi era ben chiaro cosa.

  202. Nonostante sia iscritto alla Soka Gakkai chiunque è libero di esprimere il proprio pensiero. Certo, ci sono dentro da due anni e non mi pare mi abbiano fatto mai un lavaggio del cervello. Men che mai poi ho rilevato esercizi mentali per indebolire (ma neanche rafforzare) il cervello. L’unica cosa che si fa è la recitazione di un mantra, ma su quello si fonda tutto l’insegnamento della nostra organizzazione.

    Per quanto mi riguarda, invece, le esperienze che ho avuto col buddismo, sono quelle che mi danno la forza di reggere in tutto questo casino.

    L’unica cosa che veramente non quadra dela Soka Gakkai è il fatto che il presidente è troppo vicino alClub di Roma, che menziona sempre, e si vanta sempre di averne contatti. Ha pure scritto un libro con Aurelio Peccei. Il che è abbastanza inquietante.

    Aggiungo che è vero che il nostro cuore non ha bisogno di redini, ma è anche vero che da soli non si va da nessuna parte. Le organizzazioni sono fondamentali per far muovere il mondo.

    Non a caso io non sono contro la Chiesa, e contro la massoneria. Sarei per una riforma della massoneria e della Chiesa, che parta dal basso, nel momento in cui gli iscritti di base si accorgano di essere presi in giro.

    Quanto alla Soka… io ho addirittura messo il ghonzon (cioè l’oggetto di culto del nostro buddismo) come simbolo del blog.
    In questo però sono considerato eretico, perchè molti mi dicono che per rispetto al Ghonzon dovrei toglierlo e non posso esporlo. Ma, a parte che l’ho trovato su Internet e non l’ho esposto io, io credo che metterlo sul blog sia una forma di rispetto maggiore.

  203. @ Paolo

    Libero di attingere a tutti gli insegnamenti che ti sembrano positivi, credo che il tuo cuore sappia discernere dal bene e dal male e sapra’ dirti se dovrai scendere dal calesse e continuare da solo (hai comprato il butsudan? mettici una foto di un parente andato dall’altra parte, vedrai che ti proteggera’).

    I mantra sono parole di potenza che si sprigionano attraverso la parola mentre si puo’ usare anche l’hanya shingyo in modo grafico, con ideogrammi.

    La Chiesa ed il buddismo non sono contrastanti, anzi…
    Immagino ci siano diversi modi di reagire al Soka Gakkai, ti parlo della realta’ che conosco io.
    Ti ha forse mostrato la chiave per sgombrare la tua mente dai turbamenti e questo e’ senz’altro un bene.
    Inoltre tu hai accanto una tipa tosta come Solange, dunque nel caso di un lavaggio del cervello lei ti farebbe rinsavire istantaneamente!

  204. Tutto è possibile anche che la Soka mi stia usando contro le organizzazioni rivali.

    Ma ne dubito perchpio ho contatti solo con persone della mia città senz’altro pulite.
    Inoltre, nessuno mi ha convinto a diventare buddista. Nessuno me ne ha parlato a lungo… Diciamo che ci sono incappato per caso, e da solo.
    Per mesi ho iniziato a praticare questa forma di buddismo e a informarmi solo sui libri. Oppure conversando con persone conosciute su Internet.

  205. @ Paolo Franceschetti
    Mah… questo presunto legame con il Club di Roma mi fa pensare ancora di più.
    Il punto è questo: anche le mie due amiche che fanno parte della Soka Gakkai sanno che girano alcune voci critiche verso questa organizzazione, ma non se ne sono mai interessate, e all’interno dell’associazione stessa hanno detto loro di non badare a queste critiche.
    Paolo, tu che sei abituato a indagare sui poteri occulti, com’è possibile che fai parte di questa associazione? A maggior ragione, dato il fatto che potrebbe esserci un collegamento con il Club di Roma!
    Dato che ci sei dentro, probabilmente ne sai molto più di noi, e sarei felice se mi potessi dare dei chiarimenti a riguardo.
    Anche perché le persone che conosco che ne fanno parte cercano sempre di evitare di parlare dell’organizzazione, quasi ci fosse un segreto da nascondere. Boh, forse sono solo mie seghe mentali, spero di avere altre delucidazioni
    Grazie

  206. @Daniele

    sono ancora io…
    se ti va leggiti anche gli interventi qui.soprattutto i “I FURBETTI DEL ‘GOHONZINO'” sembra interessante

    PA

  207. Sulla Soka dico la mia.

    Premesso che per il buddismo è stata l’esperienza più bella della mia vita. Premesso che nessuno mi ha indottrinato ma me lo sono cercato da solo.

    Anzitutto la maggior parte delle cose che raccontano sono balle. Non c’è nessuna struttura verticistica per gradi… Ci sono organizzatori, il che è normale perchè un’organizzazione non si regge senza una struttura in cui ciascuno abbia dei compiti. Ma nessuno impone nulla, nessuno viene sanzionato. C’ gente che viene alle riunioni una volta l’anno e nessuno dice nulla ma tutti sono contenti di vederlo. Io sono tre mesi che non vado a riunioni perchè non posso, ma nessuno mi dice nulla.
    Insomma… questo lavaggio del cervello non lo vedo.

    Le perplessità nascono dai legami dei vertici con l’ONU e con il Club di roma.
    Ma occorre fare queste considerazioni:
    – Il presidente della Soka è giapponese, e potrebbe non sapere cosa è la massoneria occidentale.
    – La soka nacque quando il presidente attuale, Ikeda, era troppo giovane per avere ambizioni, e la soka contava solo poche decine di persone. Quindi non poteva avere, all’epoca, se non le ambizioni di giustizia che animano un giovane di venti anni.
    Mi piace pensare che questi valori gli siano rimasti
    – L’ONU strumentalizza tutte le organizzazioni e le associzioni migliori. E purtroppo pochi hanno la cultura e l’informazione necessaria per capire cosa è veramente l’ONU. Ci cascano tutti.
    Associazioni induiste, ambientaliste, buddiste… fanno piazza pulita di tutti e la maggior parte di esse crede veramente che essere riconosciuti dall’ONU sia un cosa meavigliosa e che l’ONU sia una organizzazione di pace.

    Quindi è possibile che ai vertici la Soka Gakkai sia strumentalizzata.
    Ma ciò non toglie che la base a me piaccia tantissimo, e costituisce il percorso fondamentale, spirituale, che ho fatto per resistere nell’inferno in cui mi trovo ora.

    Se poi mi abbiano fatto il lavaggio del cervello non so… Ovviamente colui che lo subisce non sa di averlo subito, come l’imbecille non sa si essere imbecille. 🙂

    E comunque le organizzazioni andrebbero riformate dalla base, non eliminate. Perchè altrimenti, tranne la bocciofila vicino casa mia, che ha due soli membri, credo che non rimanga una sola associazione o istituzione immune da contaminazioni e corrizioni.

  208. @ Paolo Franceschetti, Stefania o chiunque voglia contribuire

    scusate, qualcuno di voi puo’ darmi qualche link per approfondire la tematica “ONU”…. perchè è saltato fuori piu’ volte nelle mie letture…. ma mi piacerebbe sapere se c’è un bel lavoro riassuntivo sulla cosa da qualche parte

    grazie in anticipo

  209. @Daniele e PA:
    Grazie x gli approfondimenti ed i link sulla soka gakkai.Un pò sapevo già ma è sempre bene approfondire!
    @ Paolo:
    Fossi in te prenderei in seria ipotesi l’idea di cambiare “ramo” nel buddismo….

  210. Aggiungo:
    la mia ragazza è andata ad una riunione UNA volta.Quando me ne ha parlato ho approfondito su internet e la cosa mi “puzzava” parecchio.Quando anche lei ha capito che non era il massimo (soprattutto ikeda) non è più andata…morale della storia?Le tipe che l’avevano portata alla riunione non l’hanno praticamente più SALUTATA.
    @ Paolo:
    ma davvero “confidi” in ikeda??????????
    mi verrebbe da dirti che hai trovato serenità e forza nel buddismo NONOSTANTE la gakkai e NON GRAZIE ad essa………..ma in fondo ne so ancora pochino

  211. Duffy

    uno che spiega bene ,secondo me, la vera faccia dell’onu è marcello pamio nel libro Il Lato Oscuro del Nuovo Ordine Mondiale. parla anche di molte altre organizzazioni internazionali.
    suo articoli a riguardo penso siano anche sul suo sito “disinformazione”.

    PA

  212. Sempre sulla soKa. Il biddismo di nichiren mi paice perchè è semplice, alla portata di tutti e può essere praticato dopo pochi minuti.

    Gli altri tipi di buddismo sono un casino sia dal punto di vista teorico che pratico.

    Mi piace tantissimo il buddismo tibetano, mi piacciono i suoi mantra, tanto che li recito pure. E in studio ho appesi due quadri: uno che rappresenta Nichiren in mezzo ad una tempesta. E uno che rappresenta il budda della medicina tibetano.
    Adoro il buddismo tradizionale hinayana e mi leggi i vari sutra di quel buddismo, che sono molto più belli delle letture del nostro buddismo.

    Ma trovo che il buddismo soka sia un buddismo adattissimo ai tempi moderni.

    Tra l’altro, quando avevo trenta anni io andai ad una riunione e scappai. Non ci tornai più.

    A quaranta anni l’ho riscoperto, ma da solo.
    Capisco che certe volte uno possa avere una brutta impressione quando si va ad una riunione per la prima volta.
    Infatti io ho fatto tanto “shakobuku” cioè opera di proselitismo… ma non ho mai portato nessuno alle riunioni.
    Prima gli faccio imparare il mantra di base, poi gli faccio leggere delle cose, ecc…
    se la loro vita migliora, se si sentono meglio, allora passo alla fase successiva e li porto alle riunioni.
    ma ad esempio Solange ti potrebbe confermare che non le ho mai detto una volta “vieni ad una riunione”. Non ne ha il carattere, non è pronta, non fa per lei. E mai mi ha sentito fare neanche una volta questa proposta.
    Stefania una volta venne con me ad una riunione.
    Ma ti potrà confermare che mai una volta le ho detto “vai ai gruppi nella tua città”.

  213. Insomma, ogni persona ha il suo percorso da fare, ed è diverso da quello degli altri.
    Quando una persona viene nel mio studio e ha a che fare con sette sataniche, e al tempo stesso è cattolica, la porto da un prete, non certo ai gruppi buddisti…

    Quanto alla gente che ti fa il lavaggio del cervello, la trovi dappertutto, da quello che ti vuole vendere l’aspirapolvere, a certi gruppi Cristiani o Cattolici, e addirittura gruppi di svago.
    Ma dipende molto dalle singole persone, non sempre dall’organizzazione.

  214. Premessa: non voglio offendere i membri della Soka Gakkai, ma solo farli riflettere.
    Premessa2: ciò che scrivo l’ho dedotto ed estrapolato attraverso molteplici fonti. Per eventuali conferme, basta visitare i links già postati in precedenza o fare una ricerca su internet
    Sempre sulla Soka Gakkai.
    Ikeda, presidente di tale associazione, è classificato al 19° posto nella classifica delle persone più potenti in Asia. Più in alto quindi del presidente della Sony Corporation, che è al 29º posto.
    La Soka Gakkai è anche nel Parlamento Giapponese con un partito, il New Komeito, composto esclusivamente da membri di tale associazione. Ikeda ha detto che il proposito del coinvolgimento politico della Soka Gakkai è quello di istituire il “Obutsu Myogo”, o “Democrazia Buddista”, uno stato teocratico.
    Riguardo alla politica estera, il partito si augura di eliminare le armi nucleari e i conflitti armati in generale. Facendo ciò, il partito spera di veder sorgere “l’alba di una nuova civilizzazione dell’umanità”.
    Obiettivo del New Komeito e dei vertici della Soka Gakkai è di rendere tale religione la “religione del mondo intero”, in quanto, a detta di Ikeda, le altre religioni sono “troppo mistiche, sono superate”.
    Considerando questo orientamento mondialista, nonchè i rapporti tra Ikeda e il Club di Roma, nonchè i rapporti tra membri del New Komeito e la Commissione Trilaterale, mi sorge il dubbio che la Soka Gakkai possa far parte del progetto di Nuovo Ordine Mondiale.

  215. Duffy,
    sì il libro di Pamio è ottimo. Breve e riassuntivo di tutto. Un buon modo per iniziare. Tieni presente però che tu sei già molto informato e quindi molte cose (Trilaterale, Bilderberg…) le saprai già e magari ti sembreranno scontate. Il sito Disinformazione, poi, ha un archivio molto ampio. Lì forse troverai qualcosa di specifico sull’ONU.
    Un altro buon libro, specifico sul tema, secondo me è “ONU. Gioco al massacro” di Franco Adessa.

  216. @ Paolo Franceschetti
    “Sempre sulla soKa. Il biddismo di nichiren mi paice perchè è semplice, alla portata di tutti e può essere praticato dopo pochi minuti.
    Gli altri tipi di buddismo sono un casino sia dal punto di vista teorico che pratico.”

    E’ proprio questo il punto che mi ha portato al sospetto. La semplicità. Io ho sempre immaginato il buddismo come un percorso lungo, meditativo, invece quando mi hanno parlato della Soka mi hanno detto che è molto semplice, alla portata di tutti, ecc.
    So già che mi prenderò un sacco di critiche per quello che sto per dire, ma non fa niente.
    Io sono ateo, e secondo una mia ricostruzione credo che la diffusione del cristianesimo sia avvenuta proprio grazie alla “semplicità”. L’ebraismo era una religione complicata, e infatti il popolo ebraico è da sempre una comunità tutto sommato ristretta. Il cristianesimo nasce come una variante dell’ebraismo “semplificata”, alla portata di tutti, con un messaggio più chiaro e semplice. E infatti viene considerato eretico dagli ebrei. Nel giro di pochi secoli il cristianesimo raggiunge una popolarità inimmaginabile.
    Facendo un paragone, ora abbiamo le grandi religioni teistiche in crisi. Molti abbandonano la religione diventando agnostici o atei, o comunque miscredenti. E qui entra in gioco il buddismo. Che non è una religione teistica, bensì è agnostico; quindi può interessare sia a chi crede in dio, sia a chi non ci crede.
    Ma il buddismo è complicato: meditazione, riflessione, tempi lunghi, eccetera. E qui entra in gioco la Soka Gakkai, che sta al buddismo come il cristianesimo sta all’ebraismo: una versione “semplificata”, alla portata di tutti, con un nuovo modello da seguire (Nichiren anzichè Siddharta). E infatti i seguaci della Soka Gakkai sono 12 milioni; ed è il buddismo che più si sta espandendo, soprattutto nei paesi occidentali, supportato da testimonials celebri come ad esempio Roberto Baggio.
    E come il cristianesimo era considerato un’eresia dagli ebrei, così la Soka Gakkai è considerata un’eresia dai buddismi tradizionali.
    Sono sempre più convinto che il Nuovo Ordine Mondiale abbia bisogno di una nuova religione per controllare le masse.
    Ora mi prenderò un sacco di critiche, lo so. Dai cristiani, dai buddisti, ma soprattutto da quelli che sono convinti che io sia filo-israeliano. (non lo sono, come ve lo devo dire?)

  217. “Gli altri tipi di buddismo sono un casino”

    la vita è un casino, caro!

    “L’ebraismo è una religione complicata”

    l’ebraismo è una religione alla quale non si può aderire, noe è una religione, è un sangue.

  218. Daniele…

    il tuo intervento è filo israeliano e ora lo censuriamo…

    Scherzo….

    Volevo dire che è semplice da pratica e da iniziare. Poi per chi vuole approfondire c’è un mondo.

    Il buddismo di Nichiren e della Soka si può praticare limitandosi a recitare io mantra e sperando che la vita si risolva.

    Oppure recitando il mantra e poi studiando quanto si vuole, compresi gli altri tipi di buddismo.
    Io sono partito da lì, ma visito regolarmente altri monasteri buddisti, e penso in primavera di andare a fare una settimana in un monastero che nulla c’entra con la soka, perchè è un monastero zen.
    e ho letto molto anche di buddismo zen.

  219. Daniele,
    credo che il malinteso sia dovuto unicamente al fatto che qualcuno ti ha scambiato per un anonimo filo-israeliano che scrisse qualche giorno fa. Ma lui era appunto un anonimo. Poi non so perché hanno associato il commento al tuo nome. Probabilmente hanno solo fatto confusione.

    Sulla Soka Gokkai sottoscrivo quello che ha detto Paolo.
    Io sono la prima ad avanzare dei dubbi e lo dissi anche qualche settimana fa qui sul blog. Inoltre non faccio parte della Soka.

    Penso però che si debba innanzitutto fare una distinzione fondamentale. Quella cioè tra buddismo Nichiren e Soka Gakkai. Sono due cose diverse e distinte.
    Certo, questa “fusione” si deve purtroppo anche alla Soka, che si è appropriata del buddismo Nichiren, soprattutto in Occidente.

    Credo che Paolo intendesse che è “semplice” perché è alla portata di tutti, non è elitario. Non perché è semplice da praticare. La pratica poi dipende dalla singola persona. E’ lei che decide come praticarlo.

    Soprattutto lascia ampio spazio di azione: non ti dice che solo facendoti monaco puoi raggiungere l’illuminazione (o sperare di raggiungerla), come molte forme di buddismo dicono. Ma che puoi sperimentarla nella tua quotidianità.
    Ora, questo a molti potrà sembrare un messaggio “new age”. Ma invece è proprio ciò che ha cercato di trasmettere Shakyamuni, il Buddha storico, con i suoi insegnamenti.

    Ma non è “semplice”. Anzi, alcuni concetti sono molto forti e richiedono, secondo me, un alto grado di consapevolezza. Alcune cose inizi a capirle dopo un po’ di tempo che pratichi e approfondisci la filosofia che c’è dietro. E non è affatto “comoda”. Anzi, il fatto stesso di lasciare ampio spazio di azione non è, per come lo vedo io, segnale di una visione semplicistica. Ma un modo per responsabilizzare enormemente la persona. Un fattore di maggior consapevolezza.

    Detto questo. Certo che ci vuole impegno, costanza, dedizione. Almeno, io vivo così il mio buddismo. Secondo me la Buddità non si raggiunge o non si tira fuori semplicemente dicendo un paio di volte Nam Myoho Renge Kyo.

    Sento e leggo che a molti la sola recitazione del daimoku ha cambiato la vita. Per quanto mi riguarda non è andata così.
    Diciamo che stavo già facendo un percorso personale e il buddismo di Nichiren è stato lo sbocco naturale, il naturale “approdo” (se così si può definire). Ma non posso certo dire, come invece sento che molti dicono, che la mia vita è cambiata dal momento esatto in cui io ho iniziato a recitare. No. E’ stato un percorso, un cammino. Ma questa è la mia esperienza personale. Per ognuno è diversa.

    Tornando alla Soka Gakkai.
    Sono andata ad una riunione insieme a Paolo e mi ha fatto una buona impressione. Non solo Paolo non mi ha mai detto di seguire i gruppi della mia città, ma non lo hanno fatto nemmeno le persone che ho conosciuto quella sera. Alcune mi hanno raccontato la loro esperienza. Certo, questa potrebbe anche sembrare una maniera “soft” di fare proselitismo. Ma a me invece sembra normale che una persona ti racconti il cammino spirituale che l’ha portata fin lì. Ma nessuno ha cercato di convincermi di qualcosa.

    Insomma, a me come esperienza è piaciuta e la rifarei. Non mi alletta invece il fatto che diventi un impegno settimanale o quindicinale. Comunque un impegno fisso e quasi “obbligatorio”. Ma come ha detto Paolo non è così, tanto che lui non ci va da mesi. E non credo che vengano a prelevare una persona a casa o che la facciano sentire “in colpa” se non partecipa regolarmente alle riunioni.

    Diverso invece il discorso del vertice. A me personalmente Ikeda non piace. E i dubbi che ho su di lui… beh, sono più che dubbi. Gli stessi che ho sulla Soka Gakkai. Non mi piacciono molte cose della Soka. Non riesco a capire quanto Ikeda sia in buona fede quando parla di “rivoluzione umana”. Né quando parla di diffondere Kosen Rufu in tutto il mondo. Se è in buona fede, buon per lui e per noi: significa che vuole davvero portare avanti l’opera di Nichiren. Se è in mala fede, la sua interpretazione è Kosen Rufu = Nuovo Ordine Mondiale e significa che sta sovvertendo i valori di Nichiren e del buddismo stesso.
    Ma questo non lo sappiamo. Resta il fatto che Kosen Rufu è un concetto meraviglioso, che va ben oltre la Soka Gakkai e un Ikeda qualsiasi.

    Scusate il papiro 🙂

  220. Rispondo a Paolo e Stefania in un solo colpo.

    Prima di tutto, chiedo scusa per aver messo troppa carne al fuoco e disperdere così le varie questioni. Per quando mi riguarda, non condivido nessun tipo di religione, quindi non sto dicendo che il buddhismo di Siddharta è migliore di quello di Nichiren, spero che sia chiaro. Oltretutto non ho approfondito nessuno dei due, quindi sono ignorante in materia.
    Il mio era più che altro un accostamento fra due fenomeni storici di mondializzazione di una particolare religione; interpretazione del tutto personale, ma non credo sia infondata. Stefania stessa mi ha confermato che anche lei potrebbe accostare la Soka Gakkai al Nuovo Ordine Mondiale.
    Ovviamente, alla base non penso ci sia nulla di marcio; ma se i vertici sono corrotti, il fenomeno globale della Soka Gakkai merita molta attenzione, e potrebbe essere inquadrato nel piano di governo mondiale massonico.
    Riguardo ai riti e alle pratiche individuali non mi esprimo, quello è un fatto del tutto personale; e se ho detto “semplice” scusatemi per la terminologia, intendevo dire che chiunque può facilmente praticarla a basso livello e quindi si presta bene alle grandi masse.
    Detto ciò, spero che se rispondete a questo commento lo facciate in merito al legame tra Ikeda e la massoneria (e non si tratta di coincidenze: non si possono fare due pesi e due misure, i legami ci sono eccome).
    Grazie, e chiedo scusa anch’io per i vari papiri che continuo ad inviare 🙂

  221. Quanto detto da Stefania (brava!!!) e’ giustissimo, Il Soka Gakkai non ha pensato il Nichiren, lo ha reinterpretato, e diffuso (questo direi che e’ un merito). All’interno delle associazioni le persone sono diverse e si puo’ essere fortunati.

    I Soka Gakkaisti sono visti un po’ come i testimoni di Geova proprio per la loro opera di proselitismo.
    Pero’ se Paolo mi dice che non tutti sono cosi’ e che l’associazione per lui e’ una cosa benefica,gli credo e sono contento per lui.

    Sia io che Daniele, credo, siamo giusto preoccupati ma non desideriamo sconvolgere l’equilibrio di nessuno.
    Personalmente ho imparato ad avere un certo affetto per Paolo Franceschetti (anche se non lo conosco) perche’ da quello che scrive traspare una personalita’ limpida e molto piena di filantropia…
    Quindi so che, come una medusa in mare, andra’ fluttuando sempre verso il proprio bene.

    Credo sia stato il destino a fargli incontrare Solange che ha un’altro tipo di saggezza e spiritualita’,almeno dal poco che posso leggere per dedurlo.

    Dunque da adesso sull’argomento sono felice di tacere.

  222. Stefania ha ragione. A me nessuno ha mai fatot sentire in colpa perchè non vado alle riunioni. Casomai sono contenti di vedermi quando ci vado, ma nessuno mi dice nulla se non ci vado. E non ho mai notato pressioni verso nessuno. Non escludo ovviamente che in certi posti venga pure fatto, ma quello dipende dalle singole persone, appunto, e non dall’organizzazione.

    Sui legami Ikeda-massoneria… anche a me prese un colpo quando vidi il libro di Ikeda con Aurelio Peccei. E venne un colpo la prima volta che lo sentii lodare il Club di roma.

    Ma in fondo, anni fa lavoravo a contatto con gente del Cerisdi. Cioè gente che è coinvolta nella stragi di Capaci e via D’amelio.
    E ad uno di loro ho pure dedicato il primo numero di una rivista da me diretta, perchè non avendo capito un cazzo del sistema, mi parevano pure splendide persone.
    Magari invece la dedica l’ho fatta proprio alla persona che ha portato l’ordine di esecuzione a Palermo.

    Quindi, io vado avanti con la Soka Gakkai.
    Sperando che non sia così. E credendo nella base di persone che ci sono dentro. A me ha fatto del bene. Ad altre persone pure…

  223. @tutti quelli di the secret.
    vedo che c’e’ confusione a riguardo.
    Innanzitutto di The secret io ho visto il video (che pare sia fatto meglio del libro). E’ sicuramente americano come taglio per cui tutto appare un successo facile e puoi diventare ricco in un attimo. Questa e’ un alettura un po’ superficiale purtroppo. Il “segreto” che viene rivelato e’ invece un’altro. Innanzitutto e’ il fatto che attraiamo quello che e’ simile al nostro stato mentale (nessuno ha mai notato che per sesempio quando siamo incazzati troviamo facilmente gente incazzata o litigiosa? Che nei giorni in cui si e’ tranquilli e’ facile incontrare persone affabili? ..sono piccoli esempi che si possono vedere nella quitidianita’ li prendo come piccolo esempio). A causa di questa “legge” viene indicato un modo costruttivo per utilizzarla e cioe’ nella marea di pensieri che ogni giorno pervadono la nostra testa scegliere quelli che ci fanno stare bene magari focalizzandoli su un buon progetto che abbiamo. Tutto qua. Provate ricordandovi pero’ ceh abbiamo anni alle spalle di “cattivi pensieri” che hanno comunque effetto sul nostro quotidiano. Per cui non aspettiamoci il miracolo del giorno dopo ma con la pratica nel restare piu’ a lungo possibile a contatto coi pensieri costruttivi le cose in torno a noi cambiano. In questo non ci vedo niente di negatico o di “tentazione” come qualcuno ha scritto. …sarebbe un po’ come evitare di fare spesa perche’ i soldi sono uno strumento diabolico……(e’ una battuta volutamente esagerata ok??)
    Personalmente ho potuto constatare molto prima di veder questo film che la legge dell’attrazione esiste eccome e funziona continuamente per noi.

  224. Anche io ho visto il video di “The Secret”.
    E’ un prodotto fatto molto bene e dimostra ancora una volta che gli Americani hanno una abilita’ incredibile nel prendere qualunque cosa e trasformarla in un bel prodotto.

    In realta’ non c’e’ nessun segreto (e’ solo una questione di “packiging) perche’ i contenuti sono ampiamente reperibili in una miriade di testi di vari autori di varie “correnti” di pensiero riconducibili, genericamente, al “pensiero positivo” (espressione che uso tanto per capirci).

    Tanto per fare dei nomi trovate gli stessi concetti (con tagli molto diversi) in A. Robbins, Roy Martina, R. Dilts…etc.

    In altri video simili che potete trovare su YouTube si fanno riferimenti piu’ disinvolti alla meccanica quantistica e cose simili.

    Io non credo ad una legge dell’attrazione nei termini un po’ “esoterici” spiegati nel video ma ci credo molto in termini psicologici.

    Effettivamente i pensieri che occupano la nostra mente sono proprio quelli che determinano il nostro stato d’animo, che a sua volta determina in buona parte i nostri comportamenti/capacita’ e che a loro volta determinano le risposte che riceviamo dall’ambiente.

    Sembra semplicistico ma funziona davvero e per cause assolutamente naturali.

  225. su secret

    sono io che ho iniziato a chiedere di più. ok, penso tutti conoscano i concetti che sono sul video. non ne discuto la semantica diciamo (fin troppo semplice), ma piuttosto pragmaticamente la sintassi. il concetto mi pare esposto in maniera un pò troppo luciferina. chiedevo solo se il prometeo offerto nelle logge rechi proprio questi doni, “cantati” in modi simili a questo.

    per i dubbi che mi fece sorgere basta rileggere il mio commento un pò più su.

    PA

  226. spesso quello che vene chiamata magia e’ spiegabile in termini scientifici (nel senso che hanno un senso e che sono riproducibili a patto di avere e usare l’alfabeto giusto) per cui la legge dell’attrazione non e’ magica ma scaturisce dalla natura della nostra mente che tende a riprodurre quello che sa e a cercare quello che conosce … ergo se la sintonizzi su cose piacevoli … ti porta verso cose piacevoli. Le sgradevoli ci sono sicuramente ma vivi decisamente meglioe piu’ facilmente. …comunque PROVARE e non credere!

  227. @pa: francamente non sono cristiano per cui non sono avvezzo al modo di parlare luciferino nel; senso che lo conosco pochissimo. Francamente e’ una chiave di lettura che non mi interessa per cui non so risponderti.

  228. Mi sto leggendo lo sciamanesimo hawaiano di Serge Kahili King (come mi è stato consigliato da un gentile blogger) e lo trovo (per il momento) 1000 volte più POSITIVO e APPROFONDITO del commercialissimo the secret che non ho nemmeno finito di leggere…se vi interessa approfondire,eccovi un pò di link x dei pdf che ho trovato:

    http://www.huna.org/html/italian.html

    http://www.alberomaestro.org/Filosofia%20Huna/Un_Libro_per_il_Web.htm (sulla colonna a destra trovate 9 dispense da scaricare).

    PS:se qualcuno volesse continuare e apportare le proprie conoscenze riguardanti la legge di attrazione,
    facciamolo qui di seguito così non intralciamo gli ultimi post di Paolo andando OFF TOPIC ok?Grazie!

  229. Carissimo Paolo e Solange, tutta la mia ammirazione per il vostro coraggio e la voglia di rendere pubblica la realta’ dietro il potere che realmente governa l’Italia ed il mondo in generale, vi seguo ormai da diversi mesi e vi ringrazio per il lavoro svolto finora. Posso dire che seguo e ricerco le cospirazioni mondiali da diversi anni ormai, leggendo moltissimi blog e siti sia in italiano che in inglese. Mi rammarico per la mancanza in Italia, di siti che veramente vogliano “centrare” il problema alla radice, che non e’ soltanto massoneria o logge deviate, ma riguarda ancor di piu’ le piu’ potenti famiglie di questa terra, quindi lasciando alle masse il compito di stendere il dito accusatore su politici, servizi segreti etc etc. Non che questi non siano colpevoli, ma finche’ la massa dei cittadini continuera’ a vivere nella cecita’ e nell’ignoranza su chi realmente muove i fili del mondo, tante parole si sprecheranno e si continuera’ a fare il loro gioco, schierandosi a destra o sinistra. Un fatto importantissimo penso sia capire che i politici non comandano per niente, il loro ruolo e’ di essere attori, e la maggior parte non sono neanche particolarmente bravi neanche in quello. Ho letto con grande interesse il suo articolo riguardo le cospirazioni ed e’ stato finalmente un raggio di luce in questa terra di oscura ignoranza. E’ facile capire come mai in Italia si viva nell’ignoranza piu’ assoluta, una delle 3 citta’ stato dei veri controllori l’abbiamo noi, dentro la citta’ eterna, quindi la disinformazione e la censura la fanno da padroni, dopo aver avuto secoli di persecuzioni e stermini di massa. Ed e’ anche chiaro come tanti massoni di livelli bassi non riescano a vedere cio’ che realmente la loro organizzazione e’ e fa. Il fenomeno della compartimentalizzazione e’ presente su tutti gli organi di Stato e non, con funzione di protezione di coloro che veramente decidono cio’ che deve accadere giornalmente ed utilizzando un esercito di senza scrupoli che, o per propria decisione o perche’ costretti attraverso ricatti o denaro o qualsiasi altra forma, mettono in atto cio’ che le alte sfere decidono. Purtroppo non penso sia possibile a coloro che stanno dentro il sistema, gli onesti, riuscire a distruggere la piramide del potere, in quanto essi si trovano comunque ad un livello intermedio della stessa, l’unico modo per poterlo distruggere sarebbe la conoscenza, e di conseguenza il risveglio, della massa dei cittadini. Se veramente facciamo i conti, abbiamo circa 3000 persone, in 13 famiglie, che decidono e sanno bene dove il piano, che va avanti da migliaia di anni, portera’, cioe’ il Nuovo Ordine Mondiale. Sotto di loro abbiamo 300 mila agenti che si adoperano per far si che questo piano si concretizzi, minuto dopo minuto. La religione del N O M sara’ il Luciferismo, in quanto costoro sono ben coscienti della verita’ ultima, secondo l’antica tesi gnostica e manicheista, ossia che il creatore del Mondo Materiale e’ appunto Lucifero, il Demiurgo, l’Usurpatore, qualsiasi nome gli si voglia attribuire non cambia certo il concetto. Quindi, quando scrivono sul biglietto da un dollaro In God We Trust, essi dicono forse l’unica grande verita’, sapendo che questo mondo e’ completamente controllato dalle forze dell’oscurita’, quindi consci di stare al servizio del creatore, poco importa se questi chiede sangue e distruzione e continua sofferenza. Mi scuso per il commento lungo e un po’ fuori tema. Tanta LUCE ed AMORE del VERO DIO D’Amore

  230. …"sono stato cattolico"… con la tessera dell'Azione Cattolica… ecco il problòema della tua crisi nella fede. Il pacifismo esasperato per motivi di bieco tifo politico ha fatto perdere la Fede a gente in buonafede come te. La Chiesa non è a priori contro la guerra, leggi il Catechismo dove si parla di legittima difesa. Ed è un discorso molto ovvio e coerente. Io posso porgere l'altra guancia ma 1) di guance ne abbiamo solo due 2) non posso porgere quella degli altri. Poi avrei mille cose da confutarti ma il succo è che l'Azione Cattolica ha FALLITO.

  231. riguado le banche… cosa ne pensi della perdita della sovranità monetaria da parte dello stato italiano a favore delle banche private? uno stato non dovrebbe indebitarsi per avere euro di carta . questi euro di carta dovrebbe stamparli da solo a costi minimi.

  232. accidenti che partecipazione! All'elenco (breve e giusto) di proposte vorrei aggiungere la mia, per quel che può valere in sè, per quel che può valere riportarla qui e per quel che può valere leggerla (a proposito, vista la data dell'articolo e dei post, chissà se sarà mai letta): introdurre la possibilità, per chi lo volesse, di AUTODIFENDERSI in giudizio, senza la mediazione di un avvocato.

  233. Riguardo la collaborazione tra Chiesa e Massoneria, occorre tenere presenti i seguenti punti:

    1- La Chiesa cattolica è stata da sempre nemica della Massoneria e della Gnosi: i papi hanno più e più volte condannato la Massoneria, scomunicandone di fatto gli affiliati. Anche dopo la distruzione del Vecchio Ordine Mondiale (l'Europa cristiana), la Chiesa restò per un lungo periodo l’ultimo baluardo contro i poteri occulti (satanismo, sionismo, massoneria) che negli ultimi tre secoli hanno preso il controllo del nostro mondo. E non di certo un caso che i più grandi santi della Chiesa cattolica degli ultimi due secoli furono tutti apertamente ostili alla Massoneria.
    2- Tutti i più grandi massoni della storia furono apertamente anticattolici. Gli stessi massoni definiscono la Massoneria come l’Antichiesa e considerano il Cattolicesimo come l’ostacolo più grande. La secolarizzazione, la scristianizzazione, l’ateismo e la demonizzazione della Chiesa cattolica sono tutte tappe fondamentali per la realizzazione del NWO.
    3- Esistono numerose profezie cristiane che non solo hanno previsto gli errori del modernismo ma anche il NWO, come il segreto di La Salette riguardo all’era dell’Anticristo (l’Apocalisse), che descrisse: lo stato di decadimento della Chiesa (corruzione, eresia, apostasia), l’esistenza di un complotto massonico a livello mondiale, la collaborazione tra una parte del clero e l’Anticristo (che non è necessariamente una persona, ma l’ideologia anticristiana che unisce satanismo, sionismo e massoneria).
    4- La Chiesa cattolica cambiò atteggiamento nei confronti dei poteri occulti e della Massoneria solamente a partire dal Concilio Vaticano II, da Giovanni XXIII in poi.
    5- La Chiesa cattolica non è solamente composta dalle alte cariche del clero, ma da tutti i cristiani. Chiunque si professi cristiano fa automaticamente parte della Chiesa: il Corpo di Cristo.
    6- Molti cattolici, sia preti che laici, tradizionalisti e non, restano apertamente ostili alla Massoneria, ai poteri occulti e per questo motivo sono etichettati come “complottisti”.

  234. Leon. E un Po di tempo che seguo tutti questi avvenimenti che lei dott. Franceschetti a elencato e concordo pienamente con lei l esistenza di una regia mondiale .il problema e che sono poche le persone informate o che si vogliono informare.ma la cosa peggiore le persone con un grado culturale e come dice lei intelligenti o sono indottrinate o sono vendute al sistema per denaro o fama.Ce qualche speranza per il futuro dei mosti giovani?

  235. Le massonerie sono gruppi, probabilmente in contrasto tra di loro, formati da esponenti della grande borghesia. Lo stato è il comitato d'affari della borghesia. Non vedo dove ci sia la novità… lo diceva Marx 150 anni fa…
    Se poi questi si eccitano con le piramidi e le rose rosse fa poca differenza, i crimini dei potenti sono sotto gli occhi di tutti, la tendenza al controllo e alla manipolazione pure.
    Quello che dici è tutto (più o meno) giusto: Chiesa, massonerie (cioè borghesie) e stati sono poteri intrecciati che hanno il fine di rafforzarsi e allargarsi e quindi si organizzano, fanno piani e "complottano" certo… ma non capisco perché li si debba chiamare con nomi esoterici (rose rosse rosacroce ecc.) quando altro non sono che dei ricconi criminali. Ammantarli di un'aurea misteriosa non fa altro che il loro gioco, ponendo i subalterni in una posizione di inferiorità psicologica (oh mamma mia la "rosa rossa" che paura!). Il nemico è questo sistema e va scardinato facendo i conti col fatto che bene o male tutti noi ne facciamo parte. Lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo si compie a tutti i livelli, non si può pensare che il problema siano solo 10 (o 100 o 1000) incappucciati che decidono chi cosa quando e perché… è semplicistico!

  236. Signor Franceschetti, moderi i termini:

    "Il dibattito tra complottisti e anticomplottisti è stato affrontato già da molti. Sinteticamente, c’è da dire che spesso l’anticomplottista è un nient’altro che un cretino che pensa che la realtà sia solo quella che ha capito lui. E’ uno quindi che quando una cosa non l’ha mai vista né sentita, anziché farsi venire qualche dubbio, inizia a cercare argomenti per confutarla a priori.
    Il complottista, è vero, spesso vede alieni e rettiliani dietro ai problemi mondiali.
    Il problema però è quello della prova. Mi spiego. Prima di deridere la teoria degli UFO, dovrei avere delle prove contrarie. Ma il punto è che le prove contrarie non esistono.
    Perché il fatto è che, anche se tutti coloro che vedono gli Ufo fossero in mala fede o matti, aver dimostrato la loro pazzia non equivarrebbe a dimostrare che gli Ufo non esistono. Avrei solo dimostrato che tutti coloro che ne parlano sono matti. "

    Il cretino non è certo chi dice lei, ma chi fa affermazioni ocme le sue. Perchè, non so se lei lo sa, ma se lei afferma una cosa deve portare le prove. L'onere della prova spetta all'accusa. E se qualcuno mi dice che esistono gli alieni, è quel qualcuno che deve provare che esistono, non sono certo io a dover provare che non esistono. Chi dichiara deve portare le prove, chi riceve le prove le deve verificare. Si fa così, fra persone oneste e in buona fede. Perchè se uno arriva e mi dice che gli alieni (o qualsiasi altro ocmplotto) esistono, e io gli chiedo le prove, non esiste motivo per cui una risposta come un "provami tu che non esiste" debba essere soddisfacente. Lei fa un errore di metodo, che mi stupisce da parte di un avvocato, che queste cose le dovrebbe sapere. Ripeto: se lei afferma che X esiste, deve anche portarne le prove. E se le prove non reggono, tali prove non sono valide e ne deve portare di diverse. Se lei non è disposto a farlo, mi permetta di esprimere dubbi su chi è il cretino, se qualcuno che cerca di capire se le presunte prove sono vere o se sia chi si rifiuta di farlo scaricandosi con un infantile "devi provare tu che questo non esiste, perchè se io dico che esiste allora non ho bisogno di prove".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here