Il delitto Pasolini: il movente esoterico

"Salò", l'ultimo film di Pier Paolo Pasolini, descrive i meccanismi e i rituali delle organizzazioni segrete a cui appartengono i personaggi che detengono il potere

14
Indietro

1. Premessa

«I destinati a essere morti ti insegnano
a non splendere. E tu splendi, invece.»
– Pier Paolo Pasolini, 1975 –

 

Quest’anno ricorre il 40° anniversario dell’omicidio di Pier Paolo Pasolini. Scelgo di pubblicare questo articolo proprio il 2 novembre, giorno della morte del grande intellettuale.

Nel 2008 scrissi un articolo dal titolo “Il delitto Pasolini. Siamo tutti in pericolo”: http://petalidiloto.com/2008/05/il-delitto-pasolini-siamo-tutti-in.html

Analizzai tutte le cose che non quadravano nella notte del delitto e nelle indagini della polizia: le prove inquinate, le bugie del reo confesso Pino Pelosi, la rapida chiusura del processo. Affrontai poi il movente e i mandanti, da rintracciare nelle ricerche che Pier Paolo Pasolini stava compiendo sull’Eni, su Eugenio Cefis e sulla morte di Enrico Mattei; ricerche che fece poi confluire nel romanzo “Petrolio” uscito postumo. Ricerche che gli sono costate la vita.
Ma, come ben sa chi legge questo blog, spesso il movente del delitto di un personaggio scomodo non è uno solo, ma sono più moventi insieme, che non si escludono a vicenda ma anzi sono complementari, come sono complementari gli interessi e le entità che vogliono la morte di un determinato personaggio inviso al sistema. Nel caso di Pasolini, uno dei moventi è quello che scrissi in quell’articolo, ma non è l’unico. Ce n’è uno più occulto ed esoterico, che però riguarda sempre le organizzazioni di potere di cui ci occupiamo sul blog.
In questo articolo analizzerò le novità degli ultimi anni, e infine cercherò di spiegare qual è – a mio parere – la ragione più occulta per cui è stato ucciso Pasolini, oltre al movente già illustrato nel 2008.

Continua a leggere l’articolo cliccando su “successivo”

Indietro

14 Commenti

  1. Riporto un post interessantissimo di qualche tempo fa della compianta Gabriella Carlizzi al proposito:

    "Fu ad esempio sempre Marazzita a difendere la famiglia di Pasolini e a convicerla di non costituirsi parte civile nel processo a carico di Pelosi, e così costui, potè usufruire della perizia psichiatrica che lo ritenne "immaturo" e non emerse nemmeno il concorso con altro noto personaggio che era con Pelosi quella sera, personaggio della Rosa Rossa, e che aveva dedicato a Pasolini un sonetto in cui "profetizzò" la morte di Pasolini esattamente come poi avvenne. Al punto tale che il critico letterario Domenico Porzio, nelle note a margine del sonetto scrisse: "Inquietante il senso profetico di A.B. in questo sonetto…" Il sonetto era di molto precdente la morte di Pasolini "Tu ed io Caino e Abele…tu morirai lapidato… ecc.""

    Credo che potremmo lanciare l'ipotesi che la Carlizzi si riferisse ad Alberto Bevilacqua, in quanto altrove parla di un allievo di Rol, esperto di tarocchi.

    Marazzita…avvocato nel processo Pasolini, avvocato di Pacciani nel processo del Mostro (che guarda caso chiamò in causa lo stesso Bevilacqua), ed avvocato di Donato Bilancia…

    Sembra impossibile un Alberto Bevilacqua sulla scena del delitto insieme a Pelosi?

  2. Una ricostruzione veramente coraggiosa e acuta, Stefania, complimenti!
    Pienamente d'accordo sul film, che evidentemente, e comprensibilmente a molti apparve pericoloso. Quel film non parla realmente "solo" di Salò (anche alla luce delle testimonianze riportate da Franceschetti nel 2011, diciamo…).
    Aggiungerei che, se non ricordo male, qualcuno che tu e Paolo conoscete molto bene in una delle trasmissioni radiofoniche con voi ha affermato che Eugenio Cefis era un Venerabile della loggia P1. Quindi le due piste non sono poi così indipendenti.
    Se quella notte all'Idroscalo c'era quel detto A. B. non lo so, ma personalmente non ci credo molto. Ma che ci fossero personaggi della Banda della Magliana o di Cosa Nostra lo ritengo perfettamente verosimile.

  3. Quando descrivi un delitto rituale non tralasciare di approfondire il significato esoterico dell'atto del denudare la vittima.
    In quanto atto rituale esso ne indica il contesto, il significato delle presenze, l'atto come cerimonia, la vittima come un mezzo.

  4. Invece perché non approfondire il fatto che sono malati di mente? Finché li nutriamo con le nostre paure li rafforziamo. Più che menti sopraffine direi puri criminali. E della specie peggiore, tipo i narcotrafficanti messicani.

  5. Un articolo che condivido pressoche interamente … salvo la possibile intrepretazione mediante riduzione al solo profilo esoterico … E mi chiedo, visto che Paolo Ferraro ho messo allo scoperto e reso di pubblico dominio una intera cordata ..e le sue matrici etnico religiose ma in soldoni a prevalente coloritura sioniste internazionali , cosa aspettiate a prendere in seria considerazione i risultati veri cui è giunto, visto che essi ragionevolmente arrivano retroattivamente a lambire varie vicende lontane negli anni ?! E contribuisceno a raddrizzare un insensato profilo solo cattolico deviato ?! Sarebbe ora che prendiate atto che il colore del fiore .. di fronte ad apparati internazionali, centri di potere e strategie che certo usano anche aspetti esoterici, è un elemento del tutto parziale e , se assolutizzato, fuorviante e deviante da una concreta analisi storica … IN questa l'aspetto di copertura , credenza o comunanza esoterica può avere un ruolo. La SUPER GLADIO lo ha nelle vostre "riflessioni " ?! parola di Paolo Ferraro

  6. Non comprendo su quali basi si fonda la tesi del delitto rituale. La dinamica dell'omicidio manca dei paramenti e degli atti simbolici. Sulla scena non sono stati lasciati indizi a "firma". Le coincidenze quali l'idroscalo e i 120 testimoni sembrano piu' un pasticciato depistaggio. In realta' il contesto non quadra quale rituale esoterico.

    E' come se in base al soprannome "Pino la Rana", attribuito al Sig. Giuseppe Pelosi, si volessero far passare come rituali magico-sessuali i rapporti di mercimonio acquistati dal Pasolini (la rana come simbolo egiziano del chaos primordiale, associato alla potenza sessuale femminile e alla rinascita).

    Oppure credere che se fossero state sette le persone presenti al delitto, indicherebbero le sette stelle dell'Orsa Maggiore, le cosidette "Sette Sorelle" per intenderci in relazione al caso affari petroliferi-Mattei-De Mauro. Non esistono prove, solo speculazioni.

    Tuttavia, a proposito di De Mauro, uomo di destra e valido elemento dei servizi segreti italiani, pochi sanno che aveva sentore di essere in forte pericolo e tre giorni prima della sua scomparsa si presento' a Palermo innanzi ad un alto funzionario dello Stato, dichiarato comunista ma affiliato all'occhiello del Gran Maestro Venerabile della Loggia P2 (il suo nome venne pubblicato negli anni Ottanta da "la Repubblica"). Gli chiese chiarimenti in codice, e dalla risposta evasiva comprese che nella sua Sicilia, incredibilmente, nessuno poteva opporsi alla sua fine. La vicenda mi venne raccontata dal funzionario nel corso di un convegno tenutosi a Corleone circa vent'anni fa.

  7. Bellissimo articolo, interessante e che fa il punto su questa vicenda infinita.

    Pasolini con Salò sta raccontando una verità senza metafore, in fondo ha sempre sostenuto che il cinema rappresenta la realtà con la realtà stessa (l'immagine della realtà).
    Le sue parole sul cannibalismo nell'intervista sono abbastanza esplicite.

    Io ho sempre creduto, prima di leggere i vostri articoli, che Salò fosse una metafora del fascismo, senza capire mai perché avesse realizzato un opera così disturbante e che apparentemente, col fascismo, o anche col potere che conoscevo non c'entrasse niente.
    Mi consolavo pensando: -sono io che non ci arrivo, questi sono intellettuali, l'arte è complicata…

    Ora, invece ho una chiave di lettura funzionale a capire ma non credo che rivedrò presto Salò, è avvilente la visione, ma intanto voglio rileggermi Petrolio o, se mi rammentate il titolo, il libro introvabile su Cefis che citò una volta Carpeoro.

    Sullo stesso filone, di film che non capivo interamente, c'è anche Novecento di Bertolucci. I fascisti sono rappresentati con una ferocia animalesca che sembra fuori luogo e misura.
    Scioccante la scena in cui il cattivo uccide un bambino prendendolo per le gambe e facendolo ruotare fino a fracassargli la testa contro il muro (fa pensare alla pineale? il solito rituale?);
    qui nasce la domanda a voi, Stefania, Paolo o Solange: vista anche la contemporaneità dei film, le cui troupe giocavano a calcio assieme durante le riprese, forse anche Bertolucci ha voluto mettere un messaggio simile nel suo film?

    Altra domanda: ne 'La religione del mio tempo c'è questa poesia che riporto. Ho sempre pensato che sia la risposta a Maurizio Costanzo che lo voleva iniziare alla loggia P2 ma non ho mai trovato conferme, voi che ne dite? Se non qui parlatene a bordernights.
    __________
    A COSTANZO

    Idiota! Cercarmi dei seguaci, inventarmi una cerchia?
    Io non credo nell'esistenza del tuo mondo,
    dove si cercano seguaci, dove s'inventano cerchie.
    Sei un cadavere: e mi credi con te in una tomba.

    (1961)
    __________

  8. Non so quale sia il libro su Cefis citato da Carpeoro… Io conosco il libro "Questo è Cefis", di cui ho parlato nel mio precedente articolo, quello del 2008: http://paolofranceschetti.blogspot.it/2008/05/il-delitto-pasolini-siamo-tutti-in.html

    Il libro si può trovare in pdf on line a questo link: http://www.ilprimoamore.com/old/testi/GIORGIO_STEIMEZ.pdf

    E nel 2010 è anche stato ristampato dalla casa editrice Effigie.

    Sulla poesia "A Costanzo" non saprei… ma se è del 1961, è precedente all'affiliazione in massoneria di Licio Gelli. E' vero che già prima esisteva la Loggia Propaganda che poi divenne P2, ma la P2 come la conosciamo inizia con Gelli, quindi nel 1961 ancora non esisteva.

    Il film "Novecento" dovrei riguardarlo, perché lo vidi tanti anni fa. Sapevo della contemporaneità delle riprese, e anche del fatto che le rispettive troupe giocavano a calcio insieme. Quel che è certo è che Bertolucci era molto vicino a Pasolini e iniziò la sua carriera nel cinema proprio grazie a Pasolini, a cui faceva da assistente.

    A metà degli anni '60, Bertolucci fu incaricato dall'ENI di realizzare un documentario proprio sul petrolio. Erano gli anni successivi alla morte di Enrico Mattei e il presidente era Marcello Boldrini, ma di fatto il presidente effettivo era Eugenio Cefis, che diventò ufficialmente presidente nel 1967… anno in cui venne trasmesso in tv il documentario di Bertolucci commissionato dall'ENI (quindi da Cefis). Bisogna sottolineare che Bertolucci all'epoca era giovanissimo e non aveva quasi nessuna esperienza, dunque trovo "curioso" che sia stato scelto proprio lui dall'ENI.

  9. In riferimento alle precisazioni di Stefania Nicoletti 5 Nov. ore 15:13,
    e in particolare alla frase:

    "E' vero che già prima esisteva la Loggia Propaganda che poi divenne P2, ma la P2 come la conosciamo inizia con Gelli, quindi nel 1961 ancora non esisteva"

    Le basi della riorganizzazione della Loggia Propaganda 2 (P2) in Sicilia si concretizzano nel corso della Seconda Guerra Mondiale mediante una rete di collaboratori che precede lo sbarco americano nell'Isola.
    Ufficialmente pero' la P2 venne ricostituita nel 1945 con il forte aiuto della Massoneria U.S.A. Vi confluirono i Massoni che avevano collaborato negli anni precedenti e tutti coloro che per particolari incarichi che ricoprivano nella societa' italiana, dovevano restare "coperti". Alcuni appartenevano alla Sinistra italiana di ideologia socialista o comunista, e svolgevano un importante ruolo spionistico o manipolatore.
    La P2 era quindi ben operativa gia' nel 1945.

    Il "periodo Gelli", al quale Stefania Nicoletti probabilmente si riferisce, inizia "ufficialmente" nel 1965 ed e' da subito legato a incarichi di massima segretezza. Il Grande Oriente d'Italia riconobbe la ricostituzione della P2 nel 1975 elevando Licio Gelli al grado di Maestro Venerabile.

  10. "Poesia in forma di rosa" è la prova che Pasolini fosse DENTRO il giro della Rosa Rossa o quantomeno della Rosacroce. Ecco qui una interpretazione dell'opera che fa addirittura riferimento al Culto di Iside, il quale, secondo la Carlizzi, era alla base dei sanguinari rituali della fantomatica organizzazione. Guardando il suo film "Medea", d'altronde, si capisce a quali rituali sacrificali si faccia riferimento…addirittura con aspersione del sangue della vittima sui GERMOGLI DI VITE… http://pasolinipuntonet.blogspot.it/2012/03/una-possibilita-di-lettura-di-poesia-in.html?m=1

  11. Vorrei aggiungere, in tema di "previsione della propria morte", che il protagonista di Petrolio ad un certo punto si reca in un ristorante con un amico, col quale poi si recherà in un posto solitario a fare sesso…

    praticamente quello che è successo la sera dell'omicidio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here