Magia esoterismo e potere: la storia segreta

Il professor Giorgio Galli, sui rapporti tra potere politico ed esoterismo

12

Il mago in politica? Conta, sì. Ma non ha l’ultima parola. Certo, esiste: anche se i giornali non ne parlano mai. E spesso, proprio con il mondo esoterico sono in contatto i servizi segreti. Lo rivela il professor Giorgio Galli, autorevole politologo, per lunghi anni docente all’università di Milano. Un monumento della cultura italiana contemporanea. Classe 1928, ha all’attivo quasi cento titoli: dal volume d’esordio sulla storia del Pci, risalente al ‘53, fino all’ultimo lavoro, “Il golpe invisibile” (Kaos, 2015), che spiega “come la borghesia finanziario-speculativa e i ceti burocratico-parassitari hanno saccheggiato l’Italia repubblicana fino a vanificare lo Stato di diritto”. Intervistato da Fabio Frabetti e Paolo Franceschetti a “Border Nights” sul ruolo dell’occultismo nella politica, il professore chiarisce: la deriva “magica” dell’esoterismo ha certamente condizionato importanti leader del passato, Hitler in primis. Ma poi il fenomeno si è attenuato. Perché parlarne, allora? Perché non ne parla mai nessuno, a livello di ufficialità, se non per liquidare l’argomento in modo sprezzante, come se il fenomeno non esistesse. Altrettanto sbagliato, secondo Galli, l’atteggiamento iper-complottista di chi considera onnipotenti le società iniziatiche, massoneria compresa: hanno il loro peso, senz’altro, ma non possono decidere tutto.

La missione dello studioso: svelare retroscena occulti e, al tempo stesso, demifisticare – con l’occhio razionale dello storico – le tante mitologie connesse al presunto potere di grandi “maghi”, al fianco dei potenti della Terra. Nel mirino innanzitutto il Pentalfaleader del nazismo. Un fenomeno al quale – tra Himmler e la società Thule – il professor Galli ha dedicato ben tre saggi. Il primo, “Hitler e il nazismo magico” (Rizzoli) risale al 2005. A seguire, “La svastica e le streghe”, una “intervista sul Terzo Reich, la magia e le culture rimosse dell’Occidente”, pubblicata da Hobby & Work nel 2009, quattro anni prima di “Hitler e la cultura occulta”, libro uscito nel 2013, pubblicato ancora da Bur-Rizzoli. Impossibile non notare il potere ipnotico che la retorica del dittatore esercitava su masse immense, durante le celebri adunate oceaniche del nazismo. Disponeva di tecniche occultistiche? «Intanto era nato a Braunau sull’Inn, paese che ha dato i natali a un numero di medium superiore alla norma: c’è chi ritiene che, in determinate zone della Terra, vi siano cariche magnetiche che conferiscano doti particolari, come quelle che caratterizzano i medium e i veggenti». Inoltre, aggiunge Galli, è noto che Hitler prese lezioni da Erik Jan Hanussen, famoso ipnotista austriaco che, «nei teatri, ipnotizzava gli spettatori, facendo creder loro che fossero reali fenomeni che erano solo immaginari».

Lo stesso Hanussen, mago e illusionista, fu poi ucciso dai nazisti il 30 giugno del 1934 nella strage passata alla storia come la “notte dei lunghi coltelli”. Una buona occasione «per far sparire le tracce della formazione ipnotistica che Hitler aveva ricevuto». Ma una cosa è ammettere che Hitler credesse nell’occulto e si avvalesse di maghi come Hanussen, un’altra è pensare che il nazismo sia “esploso” in virtù della magia: «Mai, il nazismo, si sarebbe potuto affermare senza la sconfitta della Germania nel primo conflitto mondiale, senza la crisi del dopoguerra e senza la grande crisi del ‘29, tutti fenomeni che hanno determinato il destino del paese sino all’avvento del Terzo Reich». Quindi attenzione: «Io non sostengo che l’esoterismo sia la chiave interpretativa della storia», precisa Galli. «Dico che ne è una delle componenti (e non delle più importanti), che però è stata completamente trascurata». E’ chiaro che a partorire il nazismo è stata la crisi politica, sociale ed economica patita dalla Erik Jan HanussenGermania a partire dal 1914. «Le cause che gli storici hanno studiato permettono di capire la vicenda tedesca anche senza bisogno di studiare l’esoterismo. Però, appunto, c’è anche l’esoterismo: e ha avuto un ruolo importante nella formazione culturale di una parte dell’élite nazionalsocialista».

La storia politica ed economica spiega tante cose, ribadisce Galli, ma «talvolta, in determinate circostanze, non spiega tutto». Secondo il gollista Maurice Schumann, gruppi esoterici presenti anche in Vaticano hanno influenzato la nascita della stessa Unione Europea: «E’ una componente sin qui trascurata, meno importante di altre, ma che va tenuta presente». Giorgio Galli ha scritto anche un’introduzione al recente saggio “Mussolini e gli Illuminati”, nel quale Enrico Montermini mette in luce il rapporto (rimasto in ombra) tra il fascismo e l’esoterismo, dal ruolo di Giuseppe Cambareri – il mago di tanti ufficiali dell’esercito mussoliniano – all’intervento della massoneria anglosassone agli esordi delle camicie nere, fino al drammatico epilogo di piazzale Loreto, «macabro sacrificio rituale per celebrare simbolicamente la caduta dell’ultimo Cesare». Magia e dittature, ma non solo: «Lo stesso Churchill, che era massone – racconta Galli – si consultò moltissimo con l’ambiente esoterico, prima di decidere l’atteggiamento da assumere con Hitler». Furono alcuni esoteristi a confermargli che occorreva opporsi strenuamente al Terzo Reich: impossibile conviverci, perché avrebbe trasformato l’Europa nel peggiore degli incubi.

Esoterismo? «E’ una cultura che ha solide radici nella storia dell’Occidente», spiega Giorgio Galli al pubblico di “Border Nights”. «Bisogna risalire agli astrologi caldei, ai profeti ebraici, fino a personaggi molto recenti come René Guénon e Julius Evola». Si intitola “Occidente misterioso” un saggio del 1987, edito da Rizzoli, in cui Galli indaga tra “baccanti, gnostici, streghe”, ovvero “i vinti della storia e la loro eredità”. «E’ una corrente di pensiero che ha solide radici e si ripresenta anche in periodi di grande avanzamento scientifico». Per dire: erano esoteristi Cartesio e Newton. «Si tratta di una cultura che ha profonde radici nello sforzo umano verso la conoscenza: radici così solide che, dal ‘500 in poi, ha potuto resistere al grande avvento della rivoluzione scientifica». Quella dell’esoterismo «è un tipo di conoscenza che prevede approcci diversi da quelli scientifico-razionali». Metodo analogico, pensiero simbolico. Com’è che i politici entrano in contatto col mondo esoterico? Leonardo e l'Uomo Vitruviano«Esistono gruppi e associazioni che mantengono viva questa tendenza». Secondo la cultura esoterica, aggiunge il professore, «sulla Terra sono esistite civiltà molto remote, in genere scomparse per catastrofi naturali: l’esempio più noto sono i riferimenti che Platone fa ad Atlantide».

Giorgio Galli segnala un libro come “L’altra Europa”, nel quale l’autore – Paolo Rumor (figlio di Giacomo e cugino di Mariano, pluri-minustro Dc) – documenta «la convinzione che siano esistite civiltà terrestri delle quali sono rimaste tracce, e in cui affonderebbe le sue radici la politica che poi ha portato all’Unione Europea». Intorno all’anno Mille, dice Galli, in alcuni ambienti «era maturata quella convinzione», riguardo all’ancestrale discendenza da civiltà estinte. E quindi «ci sarebbe un rapporto tra antichi assetti sociali e il progetto dell’Ue, che in realtà è nato molto prima di quanto si ritenga». Se qualcuno ha in mente solo Jean Monnet, la Cee e l’Unione Europea si sbaglia: «Documenti di Mariano Rumor – afferma il professore – dimostrano che questo progetto sarebbe maturato molto più in là nel tempo, in ambienti legati alla cultura esoterica e alla convinzione dell’esistenza di antiche civiltà scomparse, che avrebbero lasciato tracce nella nostra cultura». Sicché, periodicamente, «emergono piccoli cenacoli, che credono di essere gli eredi di un antico sapere». Gli approcci sono diversi, aggiunge Galli: «Alcune società esoteriche sono orientate verso la conoscenza: per loro, l’esoterismo è uno strumento del sapere. In altri gruppi, invece, si ritiene che possa anche essere uno strumento per il potere».

Non ha molti segreti, per Giorgio Galli, la contaminazione esoterica della politica: ne parlava già nel 1995 in “Cromwell e Afrodite” (Kaos), o in libri come “La politica e i maghi, da Richelieu a Clinton”, pubblicato da Rizzoli nello stesso anno. Galli ha firmato studi sulla massoneria, su Fatima, sulla new age, sulle Torri Gemelle. Titoli accattivanti: “La venerabile trama”, del 2007 (Lindau), racconta “la vera storia di Licio Gelli e della P2”. In “Stelle rosse” (Alacran, 2007), mette a nudo “astrologia neo-illuminista a uso della sinistra”. Titoli espliciti: “Politica ed esoterismo alle soglie del 2000”, scritto con Rudy Stauder e pubblicato da Rizzoli nel 1992, e “Esoterismo e politica” (Rubbettino, 2010). E’ del 2004 il saggio “La magia e il potere”, ovvero “l’esoterismo nella politica occidentale”, edito da Lindau. Ma cos’è la magia? Solo superstizione?  «E’ un approccio culturale che si è manifestato in una fase della storia umana», spiega il professore a “Border Nights”, rispondendo alle Tarocchidomande di “Maestro di Dietrologia”. «Non credo che esista una magia con un reale potere», aggiunge. «Credo però che sia una convinzione diffusa». L’esoterismo, dice, è anche questo: «La convinzione che, facendo determinate operazioni, o con certe liturgie, si possano ottenere determinati risultati. La cultura esoterica è legata a questa convinzione, che però non è la mia».

I maghi, aggiunge Giorgio Galli, sono i rappresentanti di questo tipo di cultura: talvolta entrano in contatto col potere e talvolta no. «La rivoluzione scientifica ha reso meno sistematici quei rapporti: quelli che vengono chiamati Magi, astrologi e veggenti facevano parte normalmente del personale vicino al potere – a Roma e in Grecia, poi nelle corti medievali. Fino al ‘500-600 questi rapporti erano organici e continui, in seguito sono diventati più rari o soltanto occasionali». E i famosi maghi consultati da capi di Stato? «In alcuni casi – risponde Galli – ci sono società segrete che trasmettono questo tipo di cultura. Alcune – tedesche, francesi, inglesi – sono elencate in “Hitler e il nazismo magico”. Probabilmente ne esistono ancora, anche se adesso la loro influenza mi pare molto minore di quanto non fosse all’inizio del Giorgio Gallisecolo scorso». Magia e potere, ma soprattutto divinazione: stelle, oroscopi, tarocchi. «Quello che so – aggiunge Galli – è che molti politici, anche di rilievo, consultano abitualmente astrologi e cartomanti: sono un aspetto popolare e diffuso di culture che hanno origini esoteriche, ma è anche un campo che si presta moltissimo alle truffe e alle manipolazioni».

Da Roma, ha contattato il professore un gruppo di tradizione esoterica che si definisce “Evoliani a 5 Stelle”, dal nome di Evola. «Sono degli esoteristi di cultura evoliana, che si esprimono positivamente attorno al Movimento 5 Stelle», precisa Galli. Non che l’esoterismo sia del tutto estraneo, ad alcuni aspetti del mondo grillino: «Lo stesso cortometraggio di Gianroberto Casaleggio, “Gaia”, esprime una cultura che qualche rapporto con quella esoterica potrebbe averlo: è collegata con la cultura delle grandi catastrofi, che poi alla fine danno un risultato positivo». Ma quello dei 5 Stelle è un populismo destinato a trasformarsi nella vera avanguardia tecnocratica del neoliberismo globalista? Giorgio Galli lo esclude in modo categorico. «I 5 Stelle secondo me sono ancora in una fase magmatica, in cui convivono componenti dell’anticapitalismo di sinistra e componenti dell’anticapitalismo di destra. Penso che siano in una fase di trasformazione – conclude il politologo – ma non credo affatto che possano diventare i nuovi strumenti del grande capitale: rimarranno sempre un movimento indirizzato a cambiamenti che, nella loro cultura, ritengono positivi. Che poi riescano nel loro intento è un altro problema, ma non credo che si mettano al servizio del potere capitalistico».

 

 

 

12 Commenti

  1. qui c’è un Autore che spiega anche alcune Dinamiche presenti in Società e trattate da questo Blog o dal suo Autore, l’uno in Senso concreto [essoterico], l’altro in Senso esoterico,

    laddove è meglio o bene concretizzare [v. Livello essoterico] le Problematiche per poterle meglio gestire, infatti, più ci si innoltra nell’Esoterico, più diventano sfuggevoli,

    proprio come la Sostanza visibile agli Occhi meccanici versus quella invisibile agli Occhi meccanici [ma pur sempre esistente: cfr. p. Es. la stessa Aria che respiriamo, ricca di Elementi e Sostanze, che ci è impossibile apprezzare perché ne siamo insensibili (v. 5 Sensi)

    o anche le Onde che poi si trasformano in Parola udibile, che corrono da un Telefono all’altro o, l’Elettricità invisibile agli Occhi ma presente nell’Aere, e che viene catalizzata tramite i Fili della Corrente, altro],

    e la Soluzione è coltivare una Dimensione esoterica divina [pulita, pura, eticamente impeccabile/perfetta] e veicolarla nella Dimensione concreta.

    Juan Mayorga, e ”il Pifferaio magico”, Racconto di Pedofilia presente in Società [e come è corretto fare, egli essenzializza la Tematica, per evitare di additare un Colpevole o l’altro ma, perché si possa affrontare e risolvere la Situazione in sé, ovunque si presenti] https://www.gazzettadiparma.it/evento/eventi/418003/hamelin-fiaba-noir-di-juan-mayorga.html ;

    Felicità interiore-più-Felicità esteriore ad ognuno, ovunque-sempre.

  2. di Juan Mayorga anche ”Himmelweg” assolutamente pertinente a questo Articolo pubblicato dal Blog [v. Discorso di Galli], v. sotto:

    dal Link http://www.teatrodue.org/video/juan-mayorga-su-himmelweg/

    ”Himmelweg” parte da un tragico fenomeno epocale e ne fa uno strumento di indagine sulle responsabilità dell’uomo nel presente, “mettendo in campo – prosegue Dall’Aglio – tre figure simboliche e paradigmatiche di quelle che sono, secondo l’autore, tre essenziali condizioni umane. La posizione di chi guida il gioco, nell’illusione di potersi arrogare il diritto di manipolare la vita degli altri; quella, all’inverso, di chi vive l’esperienza di una vita reale e che, pur privo di mezzi adeguati, si rifiuta di sottostare al disegno di un altro, conservando l’illusione di poter controllare la propria esistenza; infine la posizione di chi, come arbitro, non sa trovare in sé stesso gli strumenti per indagare nel profondo un mondo di cui intuisce la falsità ma che non riesce a smascherare, aspettando dall’esterno l’autorizzazione a spingere oltre la sua indagine. Gli attori in scena interpretano questi tre stati della condizione umana, circondati da un mondo di “ombre” (in questo caso cinematografiche) che, come nella caverna di Platone, sono solo il riflesso di un mondo reale e sfuggente. L’ardita scrittura meta-teatrale di Mayorga li costringe a muoversi, con la coscienza nel mondo dei nostri affetti quotidiani e con la ragione negli ambigui meandri della finzione teatrale”.

    Un gioco teatrale che pone domande scottanti sulle cecità storiche di chi l’Olocausto lo vide ma non lo guardò e di chi ieri come oggi non osa indagare la verità, ma ne è passivo spettatore.

    Bene interiore-più-Forza esteriore a ognuno.

    • sapendo che oramai anche i Colori sono comunicativi [cfr. Programmazione neurolinguistica, (per ciascuno un Colore significa inconsciamente qualcosa), oppure Cultura (v. p. Es. Colori delle Fasi alchemiche oppure dei 3 Gunas indiani, altro)],

      tanto quanto i Simboli [ognuno interpreta i Simboli, inconsciamente, per rapporto all’Esperienza che ne ha avuto, (sia diretta che indiretta), oppure, secondo Cultura o Gruppo d’Appartenenza (a certi Simboli vengono dati certi Significati, cfr. p. Es. quanto ne dice Gianfranco Pecoraro)],

      allora è interessante vedere come utilizza questo Artista i Colori nella sua Pièce, https://www.youtube.com/watch?v=8tRSvo7FTZg ,

      ma specialmente è interessante osservare p. Es. come sotto un Colore può celarsene un altro, tanto quanto, sotto un Imbiancatura [Intonacatura] può celarsi un Sepolcro [cfr. ”Sepolcri imbiancati”] oppure, sotto un Sorriso può celarsi Odio [v. chi dice di ”sorridere con la Bocca e maledire con il Cuore”], oppure, anche viceversa, come ”sotto un Sacco di Juta ci sia una Perla” [l’Aspetto umile/povero può celare un’Essenza ricca],

      e anche religiosamente [trasversalmente ad ogni Tradizione etnica] è ricordato che c’è il Frutto di buona Sostanza dentro [salutare] e buono di Gusto fuori, il Frutto di buon Sostanza dentro ma di cattivo Gusto fuori, il Frutto di cattiva Sostanza e di buon Gusto, il Frutto di cattiva Sostanza e di cattivo Gusto,

      [evtl. è considerata anche la Condizione neutra (il Neutro): volendo, paragonabile al Limbo, laddove invece il Cattivo è Inferno mentre il Buono è Paradiso],

      e ad ognuno sta comprendere con chi/cosa ha a che fare, e viceversa, specialmente ed innanzitutto [come infine: infatti nell’Aldilà è i Conti con noi stessi che andremo a fare, e di quel che altri hanno fatto o non fatto non ci verrà chiesto alcun Conto], bisogna comprendersi [cfr. ”gnoti seauton”] e correggersi [diventare il Frutto buono, buono].

      Proseguo di Bene e Felicità interiore-più-Forza e Felicità esteriore a ognuno, ovunque.

  3. come dice Malanga, Hitler è stato reso Archetipo, [da chi ha voluto renderlo tale, per rappresentare certe Qualità (buone o cattive)], mentre egli stesso non essendo che un Essere umano, era dotato certamente di Qualità buone e cattive, come ognuno,

    e se Cose cattive o Cose buone sono state commesse [ed in ogni Ambito, vengono commesse], questa è Opera di svariati Attori assieme, v. Mente e Braccio, e poi, la Mandria che segue, e poi, Principii che guidano gli uni e gli altri,

    [il cosiddetto Paradigma della Complessità si applica sia in Medicina, Terapia, che nei Fatti sociali, antropologici, e se è vero com’è vero che ”ognuno è unico e prezioso”, allora, ognuno ci mette come si suo dire ”del suo” perché si verifichi, o meno, un Fatto quotidiano, (che poi diventa storico: di più o meno Rinomanza, questo dipende da come viene veicolato, v. mediaticamente, se vien reso p. Es. Archetipo o se vien lasciato nel Dimenticatoio)],

    e sempre ricordando Malanga e, pensando agli Archetipi creati, [che però rappresentano Condizioni umane, v. Aspetti psicologici umani], anche i cosiddetti Extraterrestri, incluse le diverse cosiddette Razze aliene, non sono che Aspetti psicologici umani, impersonificati da sapienti Oratori [per cercare di far comprendere il Concetto che si vuole esprimere, ad un Popolo o a delle Persone incapaci di comprendere i Concetti astratti,

    così sono stati p. Es. impersonificati i Pianeti e meglio, le Qualità che rappresentano, la Qualità influenzanteci di ognuno di loro, facendoli diventare, narrativamente, da sapienti Oratori, dei veri e propri Déi umanoidi, v. Venere la bella Pulzella, Marte il forte Guerriero, altro, e raccontate Storie con loro quali Protagonisti, sempre per far concretamente comprendere a chi è più ignorante, qualcosa che il più gnostico può comprendere anche astrattamente],

    e p. Es. la Razza dei Rettili non rappresenta [forse] che il cosiddetto Cervello rettiliano umano [quello dei freddi Istinti], umano, mentre la Razza delle Cavallette la Gentilezza umana, cosicché chi si comporta da Rettile non è che dominato dalla sua Rettilianità, e chi si comporta da Cavalletta, dalla sua Cavall-ett-eria (”Cavalleria”: che sia Maschio o Femmina)],

    e chi rapisce p. Es. i Bambini per farne delle Vittime sessuali [così pare fanno e abbiano fatto tutti i Potenti prepotenti: come dire, si considerano superiori al prossimo e meritevoli di fare ciò che più loro aggrada, incluso soddisfare ogni Istinto ignorante, v. bestiale (e qui si apre un intero Discorso attorno a tutti i Personaggi che, sotto la Luce, ma quella artificiale dei Riflettori, ammiriamo, consideriamo degni, perché Potenti, Regnanti, altro, ma che dietro le Quinte, al Buio, considereremmo ignobili, indegni );

    comunque prima di alludere a questo o a quel, p. Es. Regnante, bisognerebbe verificare se sia veramente così o se non sia colà, p. Es., se sia buono fuori ma cattivo dentro oppure, buono fuori e buono dentro oppure, cattivo fuori e cattivo dentro, e come già detto, innanzitutto ed infine, ognuno controlli sé stesso],

    mentre per quanto concerne i Crimini in generale, e pensando all’Opera di Franco Battiato ”niente è come sembra” ed il Discorso attorno alle ”false Flags” e alle ”fake News” e, alle Strategie manipolatorie sempre più raffinate di Potenti prepotenti [o anche solo Prepotenti],

    e pensando al Caso ”Firenze” e ”Vigna” di cui parla p. Es. Franceschetti, e pensando agli Omicidi cosiddetti rituali [magari chiamabili anche solo ”Regolamento di Conti” o ”Assassinii organizzati”], magari il Colpevole è qualcuno, che si spaccia per qualcun altro,

    p. Es., qualcuno che si fabbrica una Maschera di Cera a Forma di ”Vigna” e compie i Crimini, così da lasciare eventualmente incolpare quello [”Vigna”] quando magari quello non c’entra [veramente] niente [ed è perciò che il Caso da risolvere è stato assegnato a lui], ma dunque, da chi e per cosa è stato assegnato a lui, in Modo macabro, feroce, atroce [laddove il Poveretto (se l’Ipotesi di ”false Flag” è verosimile) debbe venire a scoprire che i Crimini (che lui avversa e che vorrebbe risolvere) sono stati commessi con il suo Volto, (e lui non ha alcuno con cui confidarsi, parlarne, salvarsi),

    ed in ciò senza andare a Casi estremi come il ”Firenze”, basta analizzare le Dinamiche di Bullismo, p. Es. sul Posto di Lavoro, v. Mobbing, dove Innocenti vengono accusati di aver compiuto Errori inenarrabili (mentre quelli sono Operatori impeccabili, e gli Errori vengono confezionati ad Arte, e meglio, artificiosamente, da altri che intendono ”eliminare”, ad ogni Livello, quello che percepiscono come Concorrente, Contendente, valido-issimo, p. Es. relativamente ad una Posizione lavorativa di tutto Rispetto, ”alla Luce del Sole”)],

    e qui lascio Franceschetti, scervellarsi ulteriormente circa i Casi di cui lui, quasi esclusivamente, si è occupato, aggiungendo una Variabile o un’Ipotesi, che chissà se aveva già contemplato o no.

    Silvano Agosti ha affrontato ogni Tema possibile da affrontare umanamente, internamente alla nostra Società umana, al Fine di produrre Felicità interiore-esteriore per ognuno e, elevarci, quali Umani, e per parafrasare Blaise Pascal, dalla Condizione di Bestia involuta, verso la Condizione di Angelo evoluto, dalla Condizione infernale quali Impersonificazioni del Buio e del Vizio, alla Condizione paradisiaca quali Impersonificazioni della Luce e della Virtù,

    ed in ciò non vi è poi più lo Scollamento esistente attualmente fra Esoterico, o Intenzione, e Essoterico, o Azione,

    nelle Interviste a lui ”alla Conquista di sé stessi” con Salvatore Mandarà, egli ha affrontato il Tema ”lasciate stare i Bambini”, e anche ”l’Essere umano quale Patrimonio dell’Umanità”, e anche ”Gente disperata, Schiavi, commettono Crimini, condottivi dalla Disperazione”, e ”la Libertà e Decenza umana viene favorita, se gli Umani vengono tanto per cominciare trattati in Modo decente”, altro.

    Felicità interiore-più-Felicità esteriore a ognuno, ovunque-sempre.

  4. se la Disperazione porta l’Uomo a commettere Scempii, e se chi più potente è, più Scempii potenti compie, [una sorta di Addiction manifestata per cercare di compensare (in Modo disfunzionale) Frustrazioni proprie (v. Schiavo del Lavoro, del Mondo, degli altri <- continue Richieste e sempre più esigenti, da soddisfare, ma sia chi deve soddisfarle di Povero, che di Ricco, è pur solo un Essere umano, con Risorse ma anche Limiti, p. Es. energetici, ed è soggetto ad Esaurimento, sia nervoso che fisico, che cercherà di compensare)]

    allora si può pensare che chi è addentro al Potere si trova infine, coinvolto in Fatti di Cronaca [che sono l'Espressione di Scempii compiuti da Gente disperata], quale Responsabile o Corresponsabile, sicché

    ''è meglio stare fuori dal Potere, che dentro'', per quanto sia popolarmente detto e creduto e diffuso che ''il Potere logora colui a cui il Potere manca'', [ciò che è certamente veridico: ovvero, chi è sottomesso ai Potenti e dai Potenti, soffre; questo è indubbio], ma andrebbe aggiunto ''e il Potere invece logora …ancora di più, chi il Potere ce l'ha'' [v. Frustrazione da Richieste immense e trovarsi Coinvolti in Fatti di Cronaca/Scempii, commessi da Potenti disperati, frustrati, addicted, altro],

    cosicché sia il Povero che il Ricco, sia il debole Suddito che il potente Regnante, debbono sapere di ''essere sulla stessa Barca'' e che a Vantaggi apparenti [Esistenza di Potere politico, mediatico, culturale, altro] potrebbero corrispondere Svantaggi occulti [Condizione coscienziale che va a deteriorarsi drammaticamente, e la Persona ne risente, ne soffre (v. Sonno o Bardo), mentre a Svantaggi apparenti [Esistenza da Schiavo o Dipendente sfruttato, palese] possono corrispondere Vantaggi occulti [Condizione coscienzale integerrima, limpida, e la Persona ne risente, ne gioisce (v. Sonno, Bardo)],

    ed ognuno deve sapere che, molto verosimilmente [mettendo assieme tutte le Informazioni e Controinformazioni, ufficiali e complottiste, che si trovano in Libreria ed in Internet], ''il Potere ha un Prezzo alto'' [v. Sofferenza coscienzale], come ''la Debolezza vien pagata cara'' [v. Sofferenza fisica],

    e l'unica Via di Salvezza per ciascuno e di proporsi ed imporsi di incarnare soltanto la Luce che è Dio,

    [come hanno fatto Santi del Passato e del Presente, e nessuno ha mai lamentato, p. Es., di dover vivere in una semplice Dimora invece che in un Palazzo, e ognuno di loro è stato capace di fare ''Miracoli'', che è una Grazia tale, una Capacità tale da avere, per rapporto alla quale fare ''Terno al Lotto'' sembra una Disgrazia],

    e ''ora pentiti, va', e non peccare mai più'', e poniamoci tutti assieme il Fine di creare un Mondo interiormente-ed-esteriormente felice per tutti, contemporaneamente, finalizzato al Beneficio proprio ed altrui simultaneamente

    [ la Meditazione buddhista, p. Es. come veicolata da Mathieu Ricard, verte a sviluppare questa Attitudine, e ogni Attitudine viene poi, più o meno automaticamente, incarnata https://www.esquire.com/uk/life/fitness-wellbeing/news/a4915/matthieu-ricard-what-ive-learned/ ].

    Bene dentro-più-Forza fuori a ognuno, ovunque-sempre.

  5. La prospettiva del potere è a lungo raggio, credo che forse, in futuro possano avere dei problemi a mantenere la forma umana, ci sono già stati diversi casi l’anno scorso, come di quella attrice che ha iniziato involontariamente a mutare di forma mentre era al ristorante a mangiare, o di quel personaggio famoso che all’aeroporto ha mutato involontariamente di forma e la gente ha iniziato a scappare spaventata , hanno anche chiamato la polizia, chiedendo di ” abbattere il mostro “.. e si sono fatti appelli tramite altoparlante per mantenere la calma…. Oppure forse si tratta , in futuro di gettare la maschera e governare allo scoperto, nei loro sistemi. Ma non possono saltarsene fuori dicendo che : guardate, noi siamo questo e quest’altro, siamo buoni… perchè la reazione della gente sarebbe di totale ripugnanza, come è successo all’aereoporto, con gente fuggita in massa e dichiarando che non vogliono avere più niente a che fare con il tale personaggio, quindi non possono convincere la gente ad accettare una realtà simile sperando di essere accettati dicendo che sono belli e buoni. Allora hanno deciso di mettersi allo scoperto , non dicendo…. guardate , noi siamo questo e quello, ma siamo buoni, ma invece parlandone malissimo, però intanto se ne parla e si mette allo scoperto la cosa….. come evolverà in futuro la cosa non lo so, ma se ci sono veramente dei problemi nel mutamento di forma, cosa che non è detto che sia, e potrebbe non essere, oppure la semplice volontà ” per orgoglio ” di gettare la maschera… la vedo dura farsi accettare dal popolo.

  6. Comunque Franceschetti ha sempre sottolineato che, aldila’ degli effettivi risultati dei rituali, cio’ che conta e’ la CONVINZIONE degli adepti, cosicche’ cio’ che il rituale produce sulla psiche degli adepti in termini di autostima e adesione al gruppo e’ piu’ importante dei risultati che ci si aspetta di ottenere dai rituali stessi e che spesso, come afferma Galli, sono deludenti.

  7. Io i riferimenti ho cercato di postarli, ma non appaiono, ad ogni modo , vera o false che siano le notizie , la BASE è vera, perchè tempo fa, con grande sgomento… adesso non sto a specificare tutta la storia… vidi esattamente la stessa cosa in un luogo appartenente alle istituzioni…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here