Border Nights – puntata 280, ultima di questa stagione

4

Ultima puntata di Border Nights – La notte ai confini su Web Radio Network, in diretta dalla casa di Paolo Franceschetti sul lago di Bolsena. Come al solito sarà l’occasione per salutare tutti i collaboratori ed anche ascoltare qualche altro argomento interessante.

Nel corso della puntata infatti interverranno: Barbara Marchand, Federica Francesconi, Carpeoro, Enrica Perucchietti (per presentarci il suo ultimo libro “Fake News”), Stefania Nicoletti, Germana Accorsi, Maestro di Dietrologia.
Per Vetrina BN parleremo di costellazioni ed enneagramma biologico, di bioedilizia con i cugini Toccasana e di calzature vegane con Nanì.

redazione@bordernights.it

Ascolta “Border Nights, puntata 280 (26-06-2018 ultima stagionale)” su Spreaker.

Buon ascolto!

4 Commenti

  1. i Temi affrontati da Federica Perrucchietti sono interessanti, come quelli affrontati da altrui, e va ricordato quel che è scritto in ”1984” ovvero, che i Dissidenti infine o durante tutto il loro Percorso, vengono truffati [v. Assonanza con ”fake”] e infine, torturati: ciò che spiega anche perché del Tema precipuo è già stato discusso dagli Anni Venti, ma si è ancora nella medesima Situazione, e Jiddu Krishnamurti sosteneva che la Società umana si è sviluppata [è evoluta] tecnologicamente ma è rimasta uguale [involuta] psicologicamente [v. Dimensione esteriore versus Dimensione interiore]: Felicità e Bene interiore-più-Felicità e Forza esteriore a ciascuno, eternamente

    • si ricorda altresì che la Dimensione micro [interiore] all’Essere umano, quella meso [comunitaria], quella macro [internazionale], quella mega [universale],

      si rispecchiano: siamo tutti interconnessi e ognuno debbe e può evolvere per lasciare evolvere tutto.

      Felicità interiore-esteriore a ciascuno, eternamente

  2. Problema sociale ed educativo delle ”fake News”: relativamente a quanto afferma e spiega Enrica Perucchietti, lascerei considerare, magari da affrontare in una prossima Bordernights,

    l’intera Problematica attorno alla Realtà virtuale in cui viviamo [siamo immersi o da cui siamo sommersi], e specialmente, che concerne anche i Giovani,

    che disorienta completamente il Senso della Realtà [anche della Veridicità: a cui è connessa la Ricerca filosofica, ed in ogni Ambito artistico/scientifico], altrimenti naturalmente proprio all’Essere vivente senziente, [v. anche Essere umano],

    tant’é che p. Es. la Pratica interna ed esterna originale, delle Arti marziali [Bontà essenziale/interiore più Fortezza esteriore], si rifà proprio all’Intelligenza reale e verace,

    e diventa quindi necessario ricondurre le Persone, Anziani, Adulti, Giovani, Bambini, a riconnettersi con loro stessi, e qui risuona il ”gnoti seauton”, ”conosci te stesso” antico,

    sapendo che oggigiorno siamo altrimenti condotti a ”ignorare noi stessi”, ”non conoscerci più”, ”alienarci da noi stessi”, specialmente quali Creature viventi senzienti, Opere d’Arte viventi della Creazione vivente,

    che è bene conoscano sia loro stesse [Creature viventi], che quella [Creazione vivente],

    un Miracolo [già Manly P. Hall spiegava l’Importanza di riconnettersi con l”’Awe”, il ”Senso di Stupore e Meraviglia” dinnanzi alla Vita, che è verace e mai artificiale, ed alle sue Espressioni],

    sicché bisogna conoscere sia ciò che è opportuno e nutrirlo, la Luce, l’Oro alchemico, che quanto è inopportuno e smettere di nutrirlo, il Buio, la Nigredo alchemica.

    ed è un’Opera collettiva [siamo tutti interconnessi];

    Amore interiore-più-Potere esteriore e illuminante-Illuminazione a ciascuno, eternamente.

  3. Veramente su Ustica si sa tutto. Il problema è che l’Italia è un stato senza dignità e ha rinunciato a chiedere la testa dei responsabili. E’ pur vero che a livello internazionale e diplomatico il caso era di difficile soluzione. Non ho lo spazio per spiegare tutto ma posso linkare un interessante articolo trovato sul blog dei superstiti di Stampa Libera.
    https://guardforangels.altervista.org/blog/2018/06/itavia-otto-sette-zero-itavia-otto-sette-zero-rispondete/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here