Delitti rituali e parassitismo psichico

L'uso della magia nei delitti rituali

7

 

1. Premessa. Il simbolismo nei delitti. 2. L’uso della magia negli omicidi. 3. Conclusioni. 

2L’uso della magia negli omicidi

Alcuni delitti rituali avvengono mediante l’uso della magia. In altre parole, mentre l’assassino o gli assassini agiscono sul piano materiale, un altro gruppo, o dei singoli, agiscono sul piano magico ed esoterico.

L’azione magica scatena l’azione di entità che si affiancano agli esseri umani per raggiungere il fine dell’operazione. Alcune di queste entità prendono il possesso delle persone coinvolte, agendo al posto loro. in sostanza, un prete cattolico definirebbe queste persone “indemoniate”; in gergo esoterico si dicono “parassitate”. Si tratta infatti di veri e propri parassiti psichici che prendono il controllo, a lungo o per pochi attimi, di singole persone o addirittura di gruppi.

Queste entità prendono vari nomi e hanno nomi diversi a seconda delle tradizioni esoteriche di riferimento. Eggregore, elementali… Malanga li chiamava alieni e chiamava addotti coloro che erano sotto il controllo di queste entità. I preti li chiamano demoni e chiamano indemoniate le persone soggette a questi fenomeni. La psichiatria li chiama spesso schizofrenici, talvolta dà invece una diagnosi di psicosi, quando la persona sente le voci (che in realtà sono le voci dell’entità).

Tutte le tradizioni magiche, di tutte le culture, e da sempre, si occupano di queste entità e del rapporto tra gli esseri umani e queste entità. Non c’è quindi bisogno di citare una letteratura specifica o studi specifici. Solo la profonda ignoranza in materia esoterica o spirituale fa dire a qualcuno che parlare di entità è un’invenzione o un delirio paranoico.

Si tratta di entità non umane, che prendono il controllo della persona, in senso letterale. Non a caso la maggior parte dei serial Killer ha sempre dichiarato: “Non so perché l’ho fatto. So solo che dovevo farlo”. Sono queste le parole che pronunciò ad esempio Jeffrey Dahmer, il cosiddetto Mostro di Milwaukee, che uccise e mangiò decine di vittime, il quale aggiunse anche “datemi il massimo della pena”.

E’ recente il caso del Mostro di Foligno, Luigi Chiatti, che ha chiesto scusa alle vittime.

Jonh Wayne Gacy, soprannominato Killer Clown, che uccise – pare – 33 adolescenti, dichiarò al processo di non essere stato lui ad uccidere, ma il suo “doppio”.

Una cosa molto interessante da segnalare è che alcuni serial killer, al processo, dichiararono che erano stati avvicinati da persone eleganti e facoltose che si dichiararono “interessate alla loro attività”. Un piccolo particolare, irrilevante a fini investigativi, ma assolutamente fondamentale per chi studia simbolismo e magia e conosce il comportamento di alcune confraternite occulte.

E sono molti i casi di persone che hanno ucciso e fatto vere e proprie stragi; erano persone normali fino ad un attimo prima e poi, in pochi secondi, si trasformano in mostri.

Queste entità agiscono a livello energetico, e fanno sì che tutto ciò che accada richiami l’energia dell’eggregora o dell’entità che si è scatenata dopo il rito magico.

Nel caso di Jeffrey Dahmer, ad esempio, del simbolismo della vicenda mi colpisce il fatto che costui, dopo essersi convertito al cristianesimo, fu ucciso in carcere da un certo Christopher Scarver, a 33 anni.

Facciamo un esempio di come funziona la magia in rapporto alle entità.

Se un gruppo magico che si chiama Elefante Giallo fa un rito per far morire Pippo, si scatenerà l’eggregora di questa organizzazione, e probabilmente Pippo morirà in una località chiamata Elefante, magari in un’auto gialla, e per coincidenza troveranno nella sua auto un fumetto dal titolo “Pippo e il mistero dell’elefante giallo”.

Talvolta, poi, capita che il rito non vada a buon fine. Se la persona o il gruppo di persone prese di mira dal rito sono molto forti energeticamente, o si proteggono in qualche modo, l’energia scatenata dal rito “rimbalza” su un altro soggetto o su un gruppo di soggetti con un’energia analoga, ma minore. Nell’esempio fatto, se Pippo è una persona molto forte, l’energia rimbalzerà su un altro soggetto, sempre di nome Pippo. E magari, se il gruppo che ha fatto il controrito magico si chiama “Formica Maiala”, Pippo 2 verrà ritrovato morto in un allevamento di suini e il suo cadavere sarà scoperto da un impiegato di una ditta di disinfestazione, chiamata dal proprietario a causa di un’invasione di formiche.

In altre parole, alcuni delitti rituali sono il frutto di riti non andati a buon fine. Altri, sono semplicemente andati a segno.

E, per concludere, quando in una vicenda il simbolismo è molto evidente, significa che in questa vicenda c’è l’intervento di entità (scatenate o no da un rito magico).

Per continuare a leggere clicca su “continua”

7 Commenti

  1. La Magia esiste perché l’uomo desidera il potere di alterare gli eventi. La più grande tentazione alla quale tutti siano sottoposti: cercare di controllare la realtà! I gruppi che fanno Magia specie sessuale, esistono e non esitano ad utilizzarla per i loro scopi. Funziona? Certo che si! Ma non perché lo vuole Dio, a Dio di Rosa e Olindo non gliene frega niente, come non gliene è fregato del piccolo Hussain. Credere che in fondo sia Dio ad avere in mano le briglie del mondo, è uno degli ostacoli maggiori al fine di comprendere il vero potere delle Magia. Queste attitudini mentali sono legature energetiche molto potenti, che ci imbrigliano in un immobilismo mentale davvero inutile; liberarsi dalle catene che ci tengono ancorati al bisogno di sapere che via sia da qualche parte, un controllore capace di mantenere l’ordine nonostante tutto, ci rassicura ma ci tiene distanti dalla comprensione vera di cosa sia la Magia. L’Energia contiene l’informazione o se meglio vi piace, l’informazione è veicolata dall’energia; una volta prodotta essa si libera nell’aere e cerca i punti matrice a cui agganciarsi, come l’ape va al fiore in maniera del tutto meccanica, così l’energia veicolante l’informazione vaga fin quando non trova le condizioni ideali per esprimersi, e farà di tutto per esprimere il suo contenuto informazionale! Che poi il soggetto ricevente, possa deviare consapevolmente o no il flusso informazionale a lui diretto, questo è certo come certo è che il risultato, in un modo o nell’altro si esprimerà. E la Fatina di Pinocchio che lo aiuta e lo tira fuori dai guai? Beh si sa, avere degli amici potenti conta, in questo mondo o nell’altro….

  2. Hai qualche idea riguardo alle tragedie del ponte Morandi e Desirèe Mariottini? Sto cercando di capire, ma non trovo un senso, in fondo pure questo governo lo manovrano loro, cosa vogliono allora? Salvini ha deposto una rosa bianca sul luogo del delitto , che sia unicamente propaganda o può essere un simbolo?

  3. Caro Paolo,
    sono cattolica e ti conobbi tempo fa. Sono pugliese e molto spesso mi reco al Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo.
    Qualche volta mi è capitato di pregare anche per te.
    Le coincidenze su San Michele ci sono. Non so, hai mai pensato al paese natale di alcuni protagonisti delle vicende che hai elencato?
    Ho pregato che Maria Paola possa esserti vicino come un secondo angelo custode, ma tu ricordati dell’immaginetta che ti lasciò prima di morire e degli insegnamenti di tua madre.

  4. Paolo, io vorrei farti un paio di domande da profano sull’argomento della manipolazione demoniaca di delitti :
    – perché i demoni uccidono, o fanno uccidere da persone da loro possedute, degli esseri umani?
    che utilità ha per loro un assassinio?
    – perché i demoni costellano le circostanze dei delitti con simboli massonici? Per noi umani il
    simbolismo attribuisce significato ad un evento altrimenti privo di senso ma loro, i demoni, a
    cosa mirano utilizzando gli stessi richiami simbolici che suggestionano gli umani?

    Sperando in una tua risposta, io invio un cordiale saluto a te ed a tutti i lettori

    • Ti rispondo Io.

      Prendiamo il tanto citato caso Bossetti, pensi che sia stato lui ad uccidere la Yara? Lui la voleva violentare, la rapisce ma alla fine la uccide senza portare a termine il suo scopo. Ma che razza di pervertito sarebbe? Lei è stata svestita, uccisa con varie coltellate quindi lasciata dissanguare, rivestita e portata al campo di Chignolo…non ti dice niente? Mai visto il sacrificio della vergine?

      Viene uccisa una vergine sull’altare sacrificale. Le si taglia la gola dissanguandola.

      Ecco, nel caso Bossetti si può vedere una certa forza in azione sulla realtà, mediante qull’intento si viene a creare una Eggregora alla quale tutti noi diamo un pochino di energia, permettendole di crescere ogni volta che ne parli, ogni volta che ne scrivi, ogni volta che viene citata in qualche Tolk-Show o telegiornale. Ma…chi governa l’Eggregora? Bossetti? No d certo, lui, o era d’accordo con il meccanismo e si è immolato alla causa sperando poi che i poteri forti, l’avrebbero scagionato oppure, è un perfetto idiota pescato dal cappello del Cappellaio Matto. Se Bossetti per esempio fosse un Mago o meglio Jerofante ( tipo quello della villa del film Eyes Wide Shout) allora sarebbe lui a comandare l’Eggregora anche da carcere si intende, dirigendone il flusso energetico per se stesso e la congrega. Così però non è, lui sta in carcere e qualcun’altro di grado massonico elevato, prende possesso dell’Eggregora sia per nutrire la congrega sia per nutrire i demoni che ad essa sono correlati. L’arma del delitto in questo caso mai trovata, funge da perno energetico ed essendo collegata alla mente dello Jerofante da a questo, il potere di governare l’Eggregora.

      Ammettendo che Bossetti sia d’accordo con la congrega che ha organizzato tutto, oggi non potrebbe dire niente perché in un Puff sparirebbe lui e tutti i suoi filistei…quindi, o è un adepto volontario al martirio, o era volontario credendo che poi lo avrebbero scagionato o, è un povero sfigato preso di mira…

      Stessa musica per Avetrana, Parolisi, Franzoni ecc ecc…e armi del delitto mai ritrovate…

      Penso di esser stato chiaro a riguardo del perché uccidono, ovviamente ti sfugge il fatto che sei su un pianeta dove di nasce si vive e si muore, un pianeta dove ogni giorno centinaia di migliaia di esseri umani muoiono per le più disparate cause. Questo dovrebbe suggerirti l’idea che qui sul pianeta qualcuno gestisce uno dei Business più redditizi del Cosmo…l’essere umano…e sebbene questa idea possa far storcere il naso (si parla di Gnosticismo ovviamente), se osservi bene l’andamento esistenziale del pianeta (vedi guerre, epidemie, semplici fulmini che uccidono…), ti sarà difficile non porti la domanda: “su quale gradino della catena alimentare siede l’essere umano?”

      Sono consapevole che quanto ho scritto non sia di facile comprensione, la Magia infatti è un qualcosa di molto sottile ma nello stesso tempo altrettanto efficace. Produrre una fonte di energia ex-novo come potrebbe essere l’Eggregora del caso Bossetti, non solo è pregevole per l’uomo che ne trae beneficio prima di tutto fisicamente e poi mentalmente e emozionalmente, ma anche e soprattutto per chi è oltre l’uomo…quelli che tu hai definito Demoni

      La tua seconda domanda è abbastanza scontata, tu non desideri affermare te stesso e le tue opere? non desideri dimostrare che sei sposato, che hai figli, una casa, un lavoro e che sei parte della società? non desideri affermare la tua individualità nelle piccole e grandi cose che fai? Certo che sì! Tutto ciò che vive in termini senzienti sul pianeta, è teso a lasciare una traccia di sé per esprimere a se stesso e agli altri il suo passaggio esistenziale. Sarebbe come dire “Ehi io sono qua!”…ecco…il motivo per cui chi fa cosa, vuole anche fartelo sapere.

      Se devi fare una dichiarazione in tribunale, è la firma in calce rende quel documento legale, senza è solo un insieme di parole, magari coerenti e funzionali ma legalmente, quelle parole iniziano ad avere valore solo dopo che vi hai apposto la tua firma. Ovvio che nei casi sopra citati non puoi scrivere il nome e cognome ma poco importa, la firma non sempre deve essere strettamente personale, appartenere ad un gruppo di un certo tipo significa, rimettere al potere del gruppo la propria identità.

      Spero di aver soddisfatto la tua curiosità.
      Ciao

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here