Purtroppo dobbiamo chiudere. Tragico sfogo del collaboratore di Lercio

La crisi colpisce anche il noto quotidiano satirico.

2

 

E’ recentissima la notizia per cui, a causa della crisi, anche il quotidiano Lercio è costretto a chiudere. Ce ne parla un editorialista del quotidiano, che vuole rimanere anonimo.

C’eravamo accorti – racconta – che in effetti le visite al nostro quotidiano erano in netto calo. Pensavamo fosse un effetto fisiologico, per il fatto che in questa pandemia la gente è più triste, è incazzata, forse ha meno voglia di ridere. Ma poi mi sono accorto che nel condominio, al piano di sotto, i vicini ridevano di gusto, e ridevano pure quelli del piano di sopra. Lo stesso fenomeno lo hanno notato i miei colleghi e, approfondendo, ci siamo accorti che il fenomeno era dovuto alla lettura dei quotidiani ufficiali, e che nel frattempo, mentre i nostri accessi calavano, aumentavano proporzionalmente quelli delle testate ufficiali. Effettivamente ci siamo resi conto che non riuscivamo a tenere il passo con la comicità delle notizie ufficiali. Ve ne cito alcune:

Il coronavirus può essere trasmesso alle tigri (notizia Ansa di qualche giorno fa). Vede? Come si fa a tenere testa a una notizia del genere? A noi già pareva assurda la notizia che il virus si trasmettesse tramite cani e gatti, ma questa delle tigri nemmeno noi l’avevamo immaginata.

Pornhub scrive all’Inps: vorremmo offrirvi i nostri server. Ecco, commenta l’editorialista, questa notizia fa ridere anche più della nostra che suona così: Pornhub si propone per tracciare i contagi: c’è una donna matura con la tosse proprio vicino a te. Come si fa a reggere una concorrenza così?

Per non parlare, aggiunge la nostra fonte, della risposta di Anonymous alle notizie diffuse dai media ufficiali, secondo cui il server dell’INPS sarebbe andato in tilt a causa di un attacco hacker. Anonymous Italia ha risposto con un comunicato ufficiale: Caro INPS, vorremmo prenderci il merito di aver buttato giù il vostro sito web, ma la verità è che siete talmente incapaci che avete fato tutto da soli. Manco noi saremmo riusciti a pubblicare una notizia così divertente.

Proseguiamo e facciamo una rassegna random di notizie assurde.

Coronavirus, primo caso in una tribù remota dell’Amazzonia: morto un ragazzo di 15 anni. Fonte Corriere Adriatico e altri.

Va a fare la spesa con la moglie disabile. Multa da 900 euro. Notizia apparsa su alcuni quotidiani.

Multato perché andava a scopare dall’amante. Notizia apparsa su vari quotidiani nazionali.

Multato perché aveva comprato delle bottiglie di vino. Altra notizia ripresa da numerosi quotidiani nazionali.

Runner solitario in spiaggia inseguito da elicotteri e droni. Altra notizia ripresa da numerosi quotidiani nazionali. una cosa del genere, mai vista manco per la cattura di Riina, fa ridere talmente tanto che è chiaro che il nostro lavoro diventa inutile.

Non ce la faccio più, dovevo trovare qualcuno con cui scopare e sono andato a puttane. Idem come sopra.

Scende a buttare l’immondizia: impallinato da un balcone. Notizia comparsa su L’Arena di Verona.

Andava a fare la spesa in skateboard: multato perché si può andare solo a piedi.

Questa pandemia mi ha messo in contatto con me stesso, e sono uscito per trovare me stesso; la giustificazione non è stata accolta dai poliziotti, che lo hanno multato per 500 euro.

Infermiera multata per essere andata a fare la spesa in un negozio che non era considerato di prossimità rispetto alla sua abitazione (infatti era di prossimità al luogo di lavoro…).

Multato per aver comprato delle uova di Pasqua. Non sono beni di prima necessità. Tusciaweb

Giocavano a briscola ma sono stati scoperti per le troppe bestemmie. Fanpage.

Dichiara di fare Jogging: multato perché il jogging non è attività motoria ma ludica. Varese news.

Inoltre ci siamo accorti – continua a raccontare la nostra fonte – che alcune delle notizie che avevamo pubblicato come satiriche sono diventate realtà. Prediamo ad esempio la notizia pubblicata da noi: “Spiagge: si potrà continuare a rompere le palle coi racchettoni, purché le partite siano effettuate nelle gabbie di plexiglass”. A noi pareva divertente. Ma un famosissimo e stimatissimo giurista, Paolo Franceschetti, ci ha spiegato che effettivamente questa sarebbe l’interpretazione corretta della legge. In altre parole, pensavamo di fare una battuta, invece abbiamo compiuto senza volerlo una reale operazione di interpretazione giuridica e siamo stati costretti a rimuovere la notizia per evitare di essere confusi con Il Sole 24 Ore.

E poi – prosegue sconsolato l’articolista – il governo ci ha superato con notizie del tipo “Runner: limite di 40 minuti per le attività sportive”, con le notizie del distanziamento sociale nei bar, con l’obbligo di mascherine. Fa ridere l’idea di andare al mare con la mascherina con 40 gradi all’ombra, o l’idea di prendere un caffè con la mascherina. Ma purtroppo sono notizie vere e noi siamo costretti a chiudere perché non abbiamo la stessa fantasia e creatività dei nostri ministri e del gruppo di cervelloni che dovrà delineare le linee della cosiddetta fase 2.

Abbiamo pensato anche a soluzioni alternative, come cambiare titolo al quotidiano: “Ansia, il vero che fa notizia“; abbiamo proposto alla task force nominata dal governo Conte di lavorare per noi e di scambiarci i ruoli (noi al governo e loro a lavorare per il nostro quotidiano satirico, che sicuramente avremmo fatto meglio del governo attuale), ma hanno rifiutato la proposta e siamo costretti a chiudere.

Supportiamo il quotidiano satirico, evitandogli la chiusura, e risparmiamoci le letture dei giornali ufficiali, che tanto sono le stesse, andando a questo link:

https://www.lercio.it/

 

 

2 Commenti

  1. Ue, i leader riconoscono l’urgenza del Recovery Fund.
    Ma non c’è accordo su modalità per distribuire i fondi.
    Conte: ‘Per l’Europa progresso fino a ieri impensabile’

    Anche questo di ora, che è pure un titolone atteso e serio, se ci pensi, o forse se non ci pensi, o solo se ci pensi a capa sotto, fa schiattare dalle risate

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here