Caro premier, voglio essere controllato e vaccinato.

Caro Presidente Conte, cari politici ed esperti vari

27

Caro Premier e cari politici

Io sono un complottista, ma sono diverso dagli altri. Non temo il controllo, i vaccini, il 5G, i droni quando vado a correre, in realtà non temo nulla. E voglio tutto questo, vaccini, 5g, controllo totale.

Voglio essere controllato anche dai droni, non solo quando corro, ma anche quando dormo e anche quando trombo. Vi capisco. E’ per la nostra sicurezza. Ma ovviamente voglio pensare – perché è logico pensarlo – che questi droni saranno usati anche per andare a controllare le ville isolate in mezzo al nulla, quelle dove spesso i potenti fanno le loro riunioni; perché vede, non so se lei lo sa, ma ogni anno spariscono migliaia di bambini, in Europa, e fanno una fine terribile. E se si usassero questi droni per questi motivi forse molti non sparirebbero più. Pensi, Presidente, anche Trump ha capito che quella dei bambini scomparsi è una piaga per la nostra società, tanto da aver dichiarato il problema della pedofilia un problema di sicurezza nazionale. Nell’Ardèche, una provincia francese, scompaiono un numero di bambini impressionante, ad esempio; spero che il presidente francese usi i droni per andare a controllare minuto per minuto quello che succede in ogni istante in certe ville sperdute.

Voglio essere controllato in ogni momento della mia vita, non solo dalla App Immuni, ma anche da altre. Voglio rendere conto di ogni minimo gesto che faccio, e anche quando sono in intimità. Lo trovo giustissimo, anche perché non credo che freghi molto a qualcuno se talvolta guardo Youporn o tradisco mia moglie con la vicina di casa. A questo punto, però, essendo possibile tracciare tutti i cittadini in questo modo, credo sia possibile tracciare anche i politici, in ogni momento. E, in nome di quel principio di imparzialità della PA che sta anche nella nostra Costituzione (articolo 97), e del principio di trasparenza che sta nella Legge 241/1990, vorrei poter sapere, in ogni momento, dove va lei, con chi si incontra, e che tipo di vita fa. Non dovrebbe essere difficile. Basterebbe mettere on line i profili di tutti i cittadini italiani, e far sì che chiunque, cliccando su un nome, possa sapere esattamente dove va e con chi sta il suo politico preferito. Perché, vede, se siete solo voi a controllare noi, e noi non possiamo fare altrettanto, allora scatta la nostra paranoia complottista e possiamo anche pensare che tale controllo possa servire ad altro. In questo modo, poi, ad esempio, potremmo sapere se il magistrato che giudica sull’affidamento di alcuni bambini ha o non ha compartecipazioni tramite i familiari proprio con quegli istituti in cui il bambino sarà rinchiuso.

Va benissimo il provvedimento di un sindaco sardo, il quale ha dichiarato che se un minorenne viene trovato fuori casa possono scattare sanzioni anche a carico dei genitori e possa venir informata la procura per togliere i figli ai genitori. Legittimo. Legittimissimo. A questo punto vorrei essere però informato, tramite le app di tracciamento di cui sopra, di tutti gli spostamenti dei vari politici e delle relazioni che questi intrattengono con eventuali minori; perché, vede Presidente, l’inchiesta sul caso Marcinelle, in Belgio, portò a capire che i pedofili arrestati, Dutroux e la moglie, lavoravano per conto di altri personaggi più potenti. Vorrei sapere chi erano questi personaggi, e chi avevano incontrato. E vorrei anche sapere dove si trova adesso la moglie di Dutroux; le cronache avevano detto che era stata trasferita in Toscana, ma nessuno sa perché e dove. E ci piacerebbe saperlo. E con una app apposita io credo che chiunque abbia possibilità e diritto di saperlo.

Va benissimo la vaccinazione obbligatoria. Pazienza se ci sono dubbi sulla continua mutazione del ceppo, e quindi molti illustri virologi dicono che non serve a una mazza, e pazienza se dicono che col caldo il virus muore. Tanto questa storia del vaccino è diventata come la fede. Si è pro o contro a prescindere. E allora facciamo finta che abbiate ragione voi. Mi sembra ovvio però che i primi a testarlo sarete voi e i vostri figli; ovverosia voi, Burioni, e la task force che lei ha nominato e tutti quelli che eventualmente approveranno la legge sulla vaccinazione obbligatoria. E’ semplicemente una questione di dare il buon esempio.

Va benissimo anche installare il 5G ovunque. Ci mancherebbe. Il 5G sicuramente serve al progresso e aumenterà l’efficienza della nostra società. Ma ci sembrerebbe un’idea sana quella di sperimentarlo prima installandolo nel Parlamento, nei palazzi del potere, e vicino alle vostre abitazioni, giusto per vedere l’effetto che fa. Perché sa, tra noi complottisti gira la voce che sia dannoso, e uno dei primi effetti che si vedono è che muoiono insetti e uccelli che si avvicinano troppo alle centraline. Allora direi che se prima lo provate voi per qualche anno, e poi ci rassicurate che state bene, dopo esservi pure vaccinati, poi potremmo stare più tranquilli anche noi. Ovviamente, confido che i primi che lo proveranno saranno gli AD delle compagnie telefoniche, i sindaci che ne magnificano le doti, ecc., i quali si renderanno disponibili per impiantare i primi tralicci proprio davanti a casa loro.

Va benissimo che distruggete le piccole aziende riducendole in povertà per proteggerci dall’influenza. So che lo fate per noi, e non dia retta a quei paranoici complottisti che pensano che tutto questo sia stato fatto per distruggere l’economia e ridisegnare la socio-economia mondiale, rendendo alcuni ricchi ancora più ricchi e i poveri ancora più poveri. Ma in nome di quel controllo da voi auspicato per proteggerci dall’influenza, vogliamo sperare che ci proteggiate anche da manovre speculative di aziende e gruppi economici italiani e stranieri, rendendo pubblici i bilanci e le proprietà di tutte le aziende che operano sul territorio nazionale. Faccio un esempio: siccome la App Immuni pare sia di un’azienda che ha come partecipanti la famiglia Berlusconi, i Benetton, un gruppo cinese, vari gruppi ricollegati a banche e finanziarie, ecc., tanto che la cosa ha allarmato pure i nostri servizi segreti e il Copasir vuol approfondire la questione, mi pare sensato che tutte queste informazioni possano essere rese pubbliche su un grande portale ministeriale in cui il cittadino possa essere sempre informato di ciò che succede e dei vari collegamenti societari.

Anche perché io non credo, come dicono moti paranoici complottisti, che tutto questo sia un vero colpo di stato e che sia soppressa la democrazia. No. Credo che tutti questi controlli rendano più efficace la democrazia. La democrazia, per essere reale, presuppone però che il cittadino sia informato di ciò che avviene nelle stanze del potere, e sia in grado di capire chi agisce, perché, e con che strumenti. Cioè la democrazia, per essere tale, ha bisogno che voi ci controlliate, ma che anche noi possiamo controllare voi.

 

Ps. Ah dimenticavo… negli anni della nostra Repubblica abbiamo avuto circa una cinquantina di stragi. Tutte rimaste impunite, senza mai trovare i colpevoli. Questo perché ancora non c’erano strumenti di indagine sofisticati come oggi. Auspichiamo che con questo controllo globale di tutti a vicenda, non ci saranno più stragi, gli omicidi verranno risolti in pochissimo tempo, e la mafia scomparirà.

E nessun minore sparirà più nel nulla. Neanche quelli che sono ospitati presso centri appositi, che si “allontanano” a decine, ogni anno, sparendo nel nulla e che non vengono neanche conteggiati nel numero degli scomparsi, perché la voce “allontanato” è diversa.

Sarebbe una bella società, quella dove tutti sanno tutto di tutti, in trasparenza. Rinuncio volentieri alla mia privacy, di cui non me frega nulla, e che per me è un concetto che dovrebbe essere abolito, se in cambio non vedrò più bambini scomparire, se potrò sempre sapere se la ditta da cui compro è collegata o meno con grandi gruppi finanziari di cui non approvo la politica, e se potrò sapere i nomi dei 300 esperti inseriti nella sua task force, per poter controllare che interessi hanno in varie società, il loro curriculum, ecc. Perché questa cosa della mancanza di privacy deve valere anche per voi.

Altrimenti, sa, qualche sospetto che non lo facciate per tutelare la nostra salute, ma invece per distruggere la democrazia e le libertà, ci viene. Che noi siamo paranoici…

 

 

27 Commenti

  1. Grazie Paolo Franceschetti. Bell’articolo anche condivisibile, da qualcuno, ma io penso che la privacy sia una cosa seria che serve, serve eccome.
    L’altro giorno ho dormito agitato. Appena sveglio mi sono ricordato di un sogno che è un pò un incubo, che ho voluto scrivere subito per non scordarmelo.Boh non so se c’entra. Lo riporto qua perchè ha a che fare con l’app e ste robe qua, e a chi lo racconto ? scusate se è un pò lungo ma serve per scaricare. Scusa se proprio qua.

    E’ una bella giornata di sole che entra dalle finestre, è primo pomeriggio. C’è questa signora… Ines mi sembra..in cucina che sta sparecchiando la tavola.
    Oggi mi sento proprio tranquilla, ah due spaghettini al pesto come si deve, proprio come ai vecchi tempi, con mio marito e i miei due figli quando andavamo fuori a mangiare tutti insieme, eh roba di due secoli fa pare, quando non c’era tutta sta roba quà. Che mangiata !, eh senti là come cantano nel palazzo di fronte, ma non dovevano cantare alle 18:00 come tutti i giorni ? Boh c’è quello davanti che abita da solo e si crede di stare in discoteca. Sarà lui. Eh una bravo ragazzo però, saluta sempre anche dal balcone.
    Oggi sto un pò sul divano mi sà, prima di sistemare la cucina. Fammi vedere che cos’è quella roba che ha installato Franca la mia vicina, quella del coiona viruss come si chiama. La mia amica vicina di casa Franca che ci gioca già da un pò, ha detto che è troppo facile installare l’APP. Dice che non è vero, che non è una roba complicata come dicono quelli della televisione, specie per i più anziani che non sanno usare bene il telefono. La voglio provare anche io, nel caso se non funziona me la faccio togliere da mio figlio. Ecco trovata nello store, me la propone già lui.

    Oggi è tutto nuvolo chissà, come cambia il tempo quest’anno. Tre giorni fa c’era un sole.
    Drin drin drin, suonano alla porta, eh chi sarà adesso ?
    Non incontro più nessuno di fuori..da quelli là on line non ordina più nulla mio figlio, da più di un mese che dice che non va più bene..chi sarà? Buongiorno Signora Ines ? siamo la TASK FORCE COVID19, non si preoccupi siamo qui per un controllo, solo una questione di prudenza.
    Ah, che succede ? si è sentito male qualcuno ? Entrate, entrate, prego prego..
    Ci risulta che un’ora fa il suo telefono le ha mandato l’avviso di contattarci per “comunicazioni urgenti che la riguardano”, ma non ci risulta ancora nessuna chiamata da parte sua.Sa in questi casi è meglio agire tempestivamente.
    Eh si va bene, ehm non ci ho fatto caso era rimasto di là… nell’altra stanza.Non lo uso sempre. Ma che è successo ? (forse potevo parlargli dalla finestra a questi due qua. sono gentili e vestiti di bianco devono essere dei dottori.Mah non so, hanno un’aria che mi spaventa).
    No no, nulla, nulla, non si preoccupi. Stia serena.E’solo che…mi dispiace signora, ma ci risulta che lei è venuta in contatto con un sospetto covid19. Potrebbe essere stata contagiata, ma non è detto, lei può anche essere rimasta negativa. Fortunatamente questo sistema lavora in tempo quasi reale, e ci ha avvisato subito.
    Quindi siamo ancora in tempo per evitare che lei involontariamente possa danneggiare la sua famiglia.

    COSA DE VO FARE? Maaa io non sapevo..cioè non ho incontrato nessuno io.
    Ma non è mai uscita ?!
    no no io sto a casa, io sto sempre a casa io. Beh sono andata a fare la spesa quattro giorni fa, ma non ho parlato con nessuno. Solo due parole con Franca, giusto di sfuggita che la ho incontrata solo per caso.
    Ma chi è questa persona che mi ha contaggiato ?

    Scusi non possiamo dirlo ! Motivi di privacy, sa…

    Certo capisco. Lo so. E adesso ?

    Beh può scegliere. Può rimanere qui in casa e trascorrere il periodo di osservazione, restando in contatto con noi. Ah va bene va bene, lo farò sicuramente. Però per i suoi figli e suo marito dobbiamo, per la loro sicurezza, dobbiamo allontanarli subito. E trovare una sistemazione diversa che li metta al sicuro.

    Ma come, mica abbiamo due case ?!

    No, No…, abbiamo alberghi appena fuori dal quartiere di prima accoglienza, dove possono accomodarsi giusto per i giorni necessari al periodo di osservazione. E poi se risulterete tutti negativi, come ci auguriamo tutti, sarà stato solo qualche giorno di vacanza diciamo.
    Sono convenzionati, gli costerà solo una contribuzione forfettaria che se vorrete per vostra comodità visto il periodo, vi verrà prelevata direttamente dal conto corrente senza neanche dover fare il bonifico voi, direttamente con l’app che ha il codice della convenzione autogenerato. Sono nuove strutture dotate di tutti i comforts, bagni separati con doccie e tutto il resto.Capiamo il disagio ma capisce, queste sono le nuove disposizioni.

    E’ la nuova legge, è il nuovo decreto del governo vero ?, quello dell’altro giorno che non ho sentito però, che era alle 19 mi pare o no, alle 20 ?

    Sono i nuovi regolamenti.

    Maa scusi, scusi, se mi viene da piangere …scusi scusi tanto.

    No no, CAPIAMO BENISSIMO che non è facile, ma non è nulla, sa quanti casi ci sono come il suo. Se vuole ci pensiamo noi a spiegare la cosa a suo figlio Fabiano e a suo marito. Sono in casa, sono di là vero?

    Si certo. Veee-ve li chiamo ?

    Un ultima cosa: se ve la sentite di rischiare, suo marito può restare anche qui a casa. In un’altra stanza ovvio. Allestendo spazi completamente separati e tutto il resto, che poi un altro collega vi spiegherà, ma rimarrebbe qua con lei.

    Davvero?

    Si certo. Basta che firmiate in fondo al modulo della comunicazione che ho qua già precompliata, dove c’è la casella “confinamento domiciliare controllato di autotutela a responsabilità diretta ed indiretta”,
    però sotto la vostra esclusiva responsabilità appunto, capisce noi non possiamo…

    Si si va bene, grazie. Ma ma ma mio figlio, sta sempre sui social sà, anche se è per un breve periodo fuori casa è abituato, tutte le sere ..ma anche il giorno, si sente con gli amici di scuola, ma anche da fuori ha conosciuto altri ragazzi simpatici mi ha detto. Ora sta sempre sempre sui social, che che fà sennò quando si annoia…con sta situazione.Cosa farà là da voi ?

    Si lo sappiamo, vedrà che questo problema lo risolviamo, può andarli a chiamare ora. Ci sarà tutto quel che serve per stare sereni e tranquilli. Non si preoccupi di questo. E se tutto va bene come speriamo, sarete presto di nuovo a casa tutti insieme, meglio di prima.

    Va bene. Ma scusi, io non ho proprio ancora capito come posso aver preso questo viruss…sto sempre a casa io da un mese…

    Vada vada Signora. E’ stato già richiesto il servizio di trasporto in quarantena che sarà qui a momenti.
    Si vado, torno subito.Grazie.

    Ummph

    E’ stato solo un brutto sogno ….solo un incubo dovuto alla solita abbuffata. ohh comunque sti smartphone hanno la carica che non dura più nulla. Ma il cielo è sempre più blu! Senti come cantano dai balconi devono essere le 18:00, quanto ho dormito !

  2. Ottima provocazione !!! Peccato che non sarà presa in considerazione…
    P.s l’immagine l’avrei fatta più colorita, al posto del rettangolo con scritto cittadini, avrei messo un mulo che trascina in un calesse una montagna di cassette, valige, pacchi, ect.. cioè tutto l’ambarada intorno, a cavalcioni ci metterei il potere finanziario neoliberista che frusta il mulo, con un ramoscello legato al fianco che tiene una carota a debita distanza di un metro, la carota ? La democrazia !!

  3. SONO INVIDIOSO!! Scrivere un articolo di cosí candita chiarezza mi rende invidioso ma anche più informato. GRAZIE!!

  4. E poi le *case* chiuse, e le persone chiuse e poi le CHIESE chiuse e Giulietto Chiesa e Romeo e Giulietta e i vescovi incavolati neri e poi il Papa nero gesuita e poi…
    ¯\_ಠ_ಠ_/¯.

    ( ・ั﹏・ั)

    • Sono verità disarmanti. Ma perché nessuno alla fine fa niente? Perché non faccio seguire i fatti alle parole?
      Ho sempre pensato che è fantastico avere un pensiero e poi realizzarlo con l’aiuto di chi la pensa uguale….. Io ci stó e voi?

      • Nessuno fa nulla perché lo svelare meccanismi prende molto tempo. E poi perché i cattivi sono pochi e hanno un po’ di vantaggio giustamente.:-)

  5. Bell’articolo e complimenti per l’ironia.
    Peccato che l’Italia sia un paese grottesco popolari da rincoglioniti cronici dove nulla è destinato a essere associato a concetti come verità, giustizia, equità e solidarietà.

    Vadano tutti a fare in culo, con le loro app e i loro vaccini, i loro droni e le loro multe e i loro decreti del cazzo, che vada tutto in malora, italiani in primis che mi fanno solo pena.

  6. Buongiorno dott. Paolo Franceschetti, interessante il suo articolo. Curioso però che proprio un avvocato, competente in materia e che conosce benissimo il legalese, dia il proprio consenso, pubblico ed esplicito, a cose che ledono gravemente i ns. diritti fondamentali ed ancor più curioso che molte persone copino ed incollino a ruota sui propri profili lo stesso testo… Già, perchè faccialibro e /o Matrix in generale, non distingue tra vero o ironico o sarcastico: ciò di cui rimarrà traccia è solo lo scritto che esprime il proprio consenso…

  7. Sei già controllato e vaccinato da quando sei nato, e lo sai benissimo.
    La App Immuni, open source e non obbligatoria, è la cosa che meno ti controllerà in assoluto. Il massimo del “male” che eventualmente potrebbe fare alla tua sacra privacy è quello che già oggi fanno centinaia di programmi che usi quotidianamente senza fare allarmismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here